.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 68 ospiti collegati
.: Discussione: Un COMPOUND per anziani e studenti

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Roberto Acerboni

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Roberto Acerboni il 12 Feb 2007 - 14:03
accedi per inviare commenti
 
La Sua proposta, così come le altre da Lei fatte su questo sito, sono di buon senso, anche se in questo caso molto più complessa.

Non volevo soffermarmi però su di essa ma bensì sulla assoluta ineguatezza ed impermeabilità del Consiglio di Zona 6 così come è stato gestito, (o meglio non gestito) dal Presidente Girtanner da ormai 8 anni, cosa anche da Lei rilevata nel corso di vari  interventi proponendo questioni legittime destinate a rimanere inevase.

Il sistema elettorale con le maggioranze blindate, il ruolo marginale del Decentramento, “compensato” da alcuni anni dalla parificazione dei consiglieri di Zona a quelli Comunali, con diritto di gettone per le riunioni (45 € netti sino ad un massimo di 11 gettoni mensili), una gestione di basso livello tutta interna alla  maggioranza, nell’Ufficio di Presidenza, senza praticamente mai convocare la prevista Conferenza dei Capigruppo, il voto praticamente sempre compatto, per ordine di scuderia, completano il desolante quadro, che tra l’altro vede i cittadini ed i loro contributi, relegati nelle commissioni al ruolo di impotenti spettatori.  Sul sito del Comune sono indicati i calendari delle Commissioni del CDZ 6, provi per curiosità ad intervenire a qualcuna di queste per controllare se quella descritta non è purtroppo la deludente realtà.

Questo non vuol dire però arrendersi allo sconforto, o restare comunque perchè “siamo stati delegati dai cittadini”.  Alcune , sfortunatamente rare, positive esperienze degli anni scorsi hanno dimostrato che si può portare a casa qualche risultando partendo da un lavoro fatto con i cittadini.

Per questo è in atto tra i partiti e gruppi consigliari dell’Unione  di zona 6 un non semplice percorso per dotarsi in zona di un’adeguata ed incisiva strategia come opposizione a partire dalla realtà attuale.

Per non dilungarmi troppo, allego il contributo che come Rifondazione Comunista abbiamo dato a questo tavolo in corso in queste settimane.  Le istanze, mozioni e proposte che cerchiamo di portare come consiglieri, sono spesso respinte o stravolte, ma anche quando accettate rimangono sulla carta per la mancanza di volontà del centro destra di zona ed in Comune di portarle avanti. Bisognerebbe invece su  queste ma anche per ad esempio su  proposte più impegnative, elaborarle, pubblicizzarle, costruire un percorso esterno che le imponga all’ordine del giorno del Consiglio, per poi se necessario sostenerle anche con momenti di mobilitazione.

Volevo farLe notare un'altra cosa riferita ai dibattiti su questo sito per quanto riguarda la zona 6. Avrà notato  come il Presidente Girtanner, che pure ha iniziato in prima persona alcuni temi, si guarda bene dal rispondere sulle questioni di fondo poste, limitandosi a risposte estemporanee e poco impegnative, lo dimostrano i due forum: “Quali aspettative e Giunta” e  !I presidenti dei Consigli di Zona in audizione con Sindaco ed Assessori”  interrotti dal 21 novembre per la mancata risposta del Presidente alla richiesta che ho fatto di un serio bilancio sulle principali questioni emerse nei primi mesi del nuovo mandato e non adeguatamente affrontate.

 
Da ultimo volevo segnalare che presso la  sede del CDZ 6, di via Legioni Romane 52, mercoledì 28 nella sala del CDZ 6 si svolgerà un Convegno dal titolo.” Problemi delle Periferie e ruolo dei Consigli di Zona” promosso dalla Consulta Periferie – Milano.

Non conosco molto l’associazione, che mi risulta abbia promosso altre iniziative invitando anche,  ad esempio come in settembre l’Assessore Ombretta Colli che ha snobbato l’appuntamento,  e per questo garantire la riuscita dell’iniziativa, sarà comunque una delle occasioni  per coloro che hanno a cuore il Decentramento e il futuro della città per cominciare a discuterne, magari per arrivare ad “un altro Decentramento possibile” dove discutere proposte interessanti ed impegnative come la Sua ultima non sia un utopia.

Cordiali saluti, Roberto Acerboni

 
 
 
Allegato Descrizione Punteggio
Lettera aperta PRC a Unione Z6.pdf
97.42 KB
0
Vota l'allegato
In risposta al messaggio di Enrico Vigo inserito il 11 Feb 2007 - 08:59
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]