.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 79 ospiti collegati
.: Discussione: Accessibilità all'aeroporto di Milano Malpensa, il Comune di Milano danneggiato dai ritardi ANAS

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Enrico Vigo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Enrico Vigo il 19 Nov 2006 - 08:52
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Avere informazioni sulla Superstrada Boffalora/Aeroporto di Milano-Malpensa, una delle opere basilari per l'accessibilità a Malpensa, non è una questione semplice neppure per gli enti locali interessati, la "consegna del silenzio" è la parola d'ordine che cuce le bocche delle imprese impegnate nella costruzione.

Anche l'Assessore Regionale alle Infrastrutture ha avuto modo di accertarsi di persona nei giorni scorsi dello stato dell'opera slittata inesorabilmente oramai al 2008 (doveva essere aperta nell'Ottobre 2006, apertura poi rimandata al 2007 e poi ...). Vista la situazione disastrosa ha richiesto che si anticipi di almeno tre mesi alla primavera del 2008. 

Lo stato di avanzamento oggi è inferiore al 50% (fonte www.varesenews.it ) , la gravità della notizia impone che venga sollecitato il Ministro Di Pietro , Ministero Infrastrutture, ad aprire una inchiesta ministeriale sui ritardi e coordinare con l'ANAS e le imprese un ragionevole incremento delle turnazioni di lavoro per accelerare sensibilmente i lavori che tuttora procedono a rilento, e con questo andazzo si rischia di sforare anche le ultime previsioni.

Se Regione Lombardia non ha la capacità  l'autorevolezza di dotare la Lombardia di infrastrutture in tempi brevi, di governare i processi, bisogna ricorrere al Governo Prodi senza indugi.

Il Comune di Milano, e la stessa Provincia di Milano sono tra i principali danneggiati da questi incredibili ritardi a quasi 10 anni dall'apertura di Malpensa 2000.

Milano arranca anche per questa indolenza che accompagna la costruzione delle infrastrutture, lasciate senza una governance pubblica degna di tale nome.