.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 60 ospiti collegati
.: via Padova è meglio di Milano: festa aperta alla città "Siah Sbarca a Milano"
Segnalato da:
Antonella Fachin - Sabato, 22 Maggio, 2010 - 19:43
Di cosa si tratta:

Siah Sbarca a Milano

di Ambulatorio Medico Popolare Casa Occupata23 Maggio | ore 16:00 - 16:30
Piazza Mosso, Piazza Angelo Mosso
Siah Sbarca a Milano 


Il personaggio del Siah (o Haji Pirooz, o Kaka Siah “fratello nero”, o nella sua forma di marionetta Mobarak) sta a metà tra il Pulcinella o l’Arlecchino della nostra Commedia dell’Arte e la figura del giullare medievale. Annuncia l’arrivo della primavera ed è il simbolo della felicità incondizionata. Come i giullari egli risiedeva alla corte dei re, ed usando un “grammelot”, una lingua storpiata e inventata si prendeva gioco del loro potere. Ma il Siah era altrettanto presente nel teatro di strada o in tempi più recenti nel teatro moderno. La sua figura era originariamente patrimonio delle compagnie di teatro che lo mettevano in scena con le altre forme di recitazione. Le sue caratteristiche sono, oltre al costume rosso e al viso tinto di nero, il tamburello, la storpiatura della parola e del tono di voce, le smorfie e le linguacce, e il ballo apparentemente scoordinato. Fino a un certo periodo è stato un personaggio sia maschile che femminile, ma in epoca cagiara la morale lo rende “sconveniente” per le donne. Le sue origini vengono fatte risalire agli schiavi africani che divertivano i loro padroni con scherzi spesso ambigui e ironici grazie alle loro differenze linguistiche, o più anticamente ai riti dei Sumeri legati al culto del dio dei sacrifici Domuzi, che veniva ucciso alla fine di ogni anno e fatto rinascere all’inizio del nuovo anno, che per i persiani coincide con l’arrivo della primavera astronomica (Noruz). Al di la delle sue misteriose e controverse origini quel che è sicuro è che il Siah è dispensatore di felicità per le brave persone, che riesce sempre a fare ridere e ballare, ma pronto agli scherzi pungenti nei confronti di chi ha la coscienza sporca… Nell’Iran di oggi possiamo trovare il Siah nelle strade durante il Noruz, ma anche nel teatro colto tra coloro che studiano le tradizioni della cultura popolare.
"Siah Sbarca a Milano" regia di Aram Ghasemy, con  Aram Ghasemymusica dal vivo: Arash GhasemiA cura di: Aram Ghasemy Compagnia teatrale Tarmeh La Veranda Luminosa e Ambulatorio Medico Popolare Casa Occupata via dei Transiti 28

Ambulatorio Medico Popolare Casa Occupata


Dove:
piazza Angelo Mosso
Quando:
Da Domenica 23 Maggio - 15:00 a Domenica 23 Maggio - 15:30
Chi organizza:
Ambulatorio Medico Popolare Casa Occupata