.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 31 ospiti collegati
.: Discussione: Cancellare il TRAM a Milano? Progetto antistorico contro il buon senso.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 14 Giu 2010 - 11:14
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

I passeggeri: disagi per chi viaggia dalle periferie al centro

Tram, si cambia tra le proteste

Atm, via al piano anti traffico Gli utenti: così sarà peggio Cambio di percorso per 5 tram e un bus. «Più puntualità»

MILANO -Non sono ancora partiti, ma temono il capolinea: «Questo è il primo passo verso lo smantellamento della rete su rotaia». Atm rivoluziona sei percorsi, a partire da lunedì mattina, e le associazioni dei passeggeri si danno appuntamento nel primo pomeriggio. Riunione d’urgenza. Reclamano il loro tram quotidiano: «La ristrutturazione è tutta centrata sulla riduzione delle linee tranviarie non solo in centro, ma anche nelle periferie ». Le strade si dividono qui, per il resto buon viaggio. Atm cambia i tragitti per «potenziare » il servizio e «decongestionare » il traffico nei nodi critici del centro storico, ma comitati e abbonati vedono nero, s’appellano alla Regione e invitano Milano a fare retromarcia «prima che la deriva del trasporto pubblico diventi irreversibile».

Sono stati pesati i «carichi» delle linee,
misurati disagi e benefici, i test hanno dato risultato positivo, i Consigli di zona e il Comune hanno discusso e approvato la riforma. Effettiva da oggi: Atm ridisegna i percorsi delle linee tranviarie 2, 3, 19, 27 e 33 e riposiziona il tragitto dell’autobus 81. Obiettivo: «Migliorare la regolarità del servizio su alcune direttrici di accesso al centro dalle periferie e intensificare le frequenze». Nello specifico: gli spostamenti dovrebbero essere un 15 per cento più veloci, su linee più snelle (alcune toccavano la distanza di 12 chilometri, da un capolinea all’altro) e meno ingorgate, senza sovrapposizioni di mezzi (fino al 35 per cento in Cordusio), con un aumento del 20 per cento delle frequenze.

La nuova mappa «alleggerisce » anzitutto il circuito
di via Broletto-Orefici-Mazzini-Torino e piazza Cordusio. Due tram liberano le rotaie del centro: il 3 (Gratosoglio-Bausan) abbandona il capolinea alla Bovisa e ferma le sue corse in via Cantù, mentre il 19 gira sull’anello Castello-Cairoli e torna a Roserio. Il tram 27 (da viale Ungheria a piazza 6 Febbraio) viene trasferito da via Broletto a via Meravigli, mentre il capolinea del 2 trasloca da viale Lunigiana a piazza Bausan. Il 33 (Rimembranze di Lambrate-viale Lunigiana) viene invece «sostituito» dall’autobus 81 tra la Centrale e la Stazione di Lambrate. In alcuni casi, i passeggeri—l’1 per cento, calcola Atm — dovranno «trasbordare» da un mezzo all’altro per coprire la distanza di ieri: Atm aumenterà le corse di bus, tram e metrò nei quadranti interessati dai cambiamenti. Roberto Brunelli e Massimo Ferrari sono i presidenti di Assoutenti Lombardia e del gruppo Utenti trasporto pubblico: «Il Comune "taglia" i mezzi a dispetto dell’emergenza inquinamento». E dopo l’estate, avvisano, potrebbe anche saltare il Sitam, il sistema di integrazione tariffaria che raggruppa l’Atm e le aziende private: «Una delle maggiori imprese di trasporto interurbano su gomma, l’Agi, non ha rinnovato l’accordo».

Armando Stella
14 giugno 2010


Notizie correlate:

Informazioni dal sito ATM
In risposta al messaggio di Enrico Vigo inserito il 22 Maggio 2010 - 15:19
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]