.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 29 ospiti collegati
.: Discussione: Cancellare il TRAM a Milano? Progetto antistorico contro il buon senso.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Alfredo De Giorgi

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Alfredo De Giorgi il 8 Giu 2010 - 11:27
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Caro Enrico,

sono milanese ed abito a Milano da sempre e da sempre ho dovuto usare questo mezzo di trasporto (a dire il vero ora lo evito come la peste), subirne le lentezze, subire le condizioni delle strade, cadere molteplici volte in bici grazie alle sue rotaie, sopportare rumori assurdi (chiedete a chi abita in Coso Magenta), rischiare più volte la vita grazie alla scivolosità di rotaie e pietrone sconnesse, trovarsi amici rimasti invalidi per colpa delle rotaie e non parliamo in caso di pioggia ed in cambio di cosa ? Di costi sociali legati a lentezze, ritardi e ferimenti e morti ?

Oltre a questo sono un architetto appassionato di urbanistica.

Sostenere che il tram, per come abusato ora, sia un mezzo di trasporto adatto ad una città come Milano ed ai milanesi è semplicemente una follia.

Mi ripeto sostenendo è  da esperto e conoscitore, anche per esperienza personale delle problematiche relative ai mezzi di trasporto, che sostengo da sempre che i Tram non vadano aboliti ma fortemente ridimensionati e ripensati nella loro funzione nel panorama di un trasporto pubblico efficiente e moderno per Milano.

E non facciamo paragoni con altre città o situazioni perchè Milano non è Genova ne' Francoforte. Ogni luogo adotta le soluzioni che meglio si adattano alle esigenze locali.  Chissà come mai a Manhattan non ci sono i tram .. forse non si sono collegati con www.metrogenova.com ?

Per provare "l'efficienza" attuale di questi mezzi basta prenderne uno e constatare che impiega almeno 5 volte il tempo di una tranquilla  bicicletta, (sempre arrivi) altro che "sensazioni".

Certo ho bei ricordi di quand'ero bambino, mi mettevo sempre vicino al conducente perchè mi piaceva imparare come si guidasse quel mezzo, le leve, i freni con la sabbia gli scambi da spostare manualmente, l'apertura delle porte ad aria compressa .. ecco ma a parte questi bei ricordi per il resto .. lasciamo perdere.

Spero vivamente che l'amministrazione operi in questo senso e che almeno il 70% dei colossi di ferro che ora circolano nel centro storico spariscano.

Ciao Fr3di
In risposta al messaggio di Enrico Vigo inserito il 7 Giu 2010 - 12:39
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]