.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 185 ospiti collegati
.: Cittadini che ci credono!
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Oliverio Gentile il Mar, 21/06/2011 - 23:19

... vedi la relativa news per saperne di più e partecipa subito al nuovo forum (magari trasferendo lì le tematiche che ti stanno a cuore)!
Smile
Oliverio

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Giuseppe De Marte il Mar, 18/03/2008 - 15:02
cari amici,

permettetemi di rilanciare questo forum e di concederci una pausa di riflessione per noi, "cittadini che ci credono"?
Perchè ho l'impressione che la iniziativa partita sotto i migliori auspici con l'incontro del 12 gennaio, si è arenata.
Avevamo due o tre problemi sul tappeto per testare il confronto con gli amministratori e/o con i loro organismi tecnici.
Sono state proposte due sintesi entrambi in zona 7, una per il parco delle cave e una per la ex Borletti, più altre due possibili discussioni una per la metropolitana circolare ed una per il percorso della linea 90-91. Forse non erano tutte a buon punto di cottura, ma anche per questo si doveva parlarne con gli interlocutori istituzionali.
Noi ci abbiamo messo buona volontà per iniziare il dialogo, ma toccava agli amministratori dimostrare la volontà di ascoltare e di continuare questa proficua, quanto originale forma di collaborazione con noi cittadini.
Anche RCM ha fatto la sua parte. Ho solo una riserva che riguarda le zone. Credo che le zone anzichè remare a favore di questo dialogo con gli amministratori, siano in una posizione di attesa o peggio di diffidenza o di sfiducia motivata verso di noi. E' vera la mia impressione, come mai?
E' un peccato perchè se la nostra iniziativa aveva un pregio era quello della trasversalità e della possibiltà di attivare canali di comunicazione diretta con gli amministratori, non c'è alcuna ragione per farsi la guerra con le zone o per opinioni politiche diverse, anzi!
Ho detto la mia ed aspetto la vostra opinione e mi piacerebbe sapere anche quella autorevole del Presidente del Consiglio comunale, Manfredi Palmeri che in quella data aveva offerto la sua preziosa disponibilità ad aprirci, non solo metaforicamente, le porte del Comune.

Saluti e auguri di buona Pasqua a tutti
Giuseppe

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Pierfilippo Pozzi il Mer, 06/02/2008 - 12:42

Apro questa discussione per preparare un incontro dedicato ai possibili progetti da realizzare nelle scuole superiori.
Al momento mi vengono in mente due ambiti entro i quali raccogliere le idee. In ogni caso credo si debba sempre considerare una partnership con realtà associative/educative che possano integrare la parte propria di Fondazione RCM.

A) Educazione alla cittadinanza: in genere le scuole cercano e promuovono progetti che siano mirati a far crescere negli studenti la consapevolezza del proprio stato di cittadini, spesso anche con accenti legati alla multiculturalità. Poiché quest'anno cade il 60° anniversario della Costituzione, è possibile immaginare alcuni interventi su questi temi utilizzando gli strumenti di e-participation e di discussione informata.
Il timore di dover affrontare un argomento considerato 'noioso' per i giovani potrebbe essere dissipato da una progettazione 'brillante' degli interventi, cercando magari di declinare il tema della cittadinanza con i tre concetti strettamente legati di 'libertà', 'scelta', responsabilità'.

B) Esperimenti di partecipazione: qui la fantasia potrebbe scatenarsi ulteriormente: l'aspetto formativo/educativo sarebbe garantito dalla possibilità di 'far provare' un'esperienza di progettazione comune, il tema potrebbe riguardare la scuola stessa, la città, un aspetto del quartiere nel quale è inserita la scuola, o altro. Gli interventi potrebbero essere integrati anche con altri mezzi di comunicazione (multimedia, giornali, web tv, ecc.).

Saluti. Pierfilippo Pozzi. 

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Beppe Caravita il Dom, 13/01/2008 - 15:59

Ieri ho partecipato a questo evento. Dentro Palazzo Marino, sala delle Tempere, ufficialmente, e dopo 14 anni.

Ho ascoltato consiglieri di zona, una, incazzatissima, e tra le promotrici del meetup milanese di Grillo (1600 iscritti, dai 18 ai 60 anni), il presidente del consiglio comunale (un giovane siciliano di Forza Italia), Milly Moratti e soprattutto, le voci di una nuova rete civica che, dopo due anni, è andata a prima massa critica, fino a crearsi un evento non solo virtuale.

Ho imparato che il decentramento amministrativo non solo non è da abolire, ma da rafforzare. Al suo posto, secondo il presidente del Consiglio comunale, andrebbe abolito l'attuale assessorato al decentramento, che di fatto funziona solo da filtro tra cittadini e il comune, un filtro sovente chiuso.

Niente più toni di sufficienza o di disprezzo, all'Albertini (capitolo spero chiuso).

Ho proposto questo, dopo l'ecopass (una prima forma di carbon tax). Un sistema generalizzato di incentivi e disincentivi sui comportamenti virtuosi e viziosi. 

Punti verdi e punti rossi, una nuova moneta, anche guadagno economico e materiale a vantaggio condiviso. Roba che è già nelle carte da supermercato.

Parigi, Londra, Oslo e Stoccolma ci stanno lavorando. E presto annunceranno. Non vedo perchè Milano no.

Il mio spunto sulla rete come sistema di auto-organizzazione è stato raccolto. Partecipazione dei cittadini non solo verso o contro le istituzioni, ma per crearsi insieme nuovo valore e capitale sociale.

Qualcuno ne ha preso destro per proporre un wiki della città, scritto assieme, immediatamente accessibile sui problemi e su tutte le campane in merito. C'è tanto lavoro ancora da fare.....

Una buona mattinata. Davvero, come non ne vedevo da 14 anni, qui a Milano.

grazie della successiva domenica, concittadini.

 

Beppe Caravita 

 

http://blogs.it/0100206/2008/01/13.html#a7476 

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Pierfilippo Pozzi il Gio, 06/12/2007 - 12:51

A noi sembra che, sia per il tema sia per i partecipanti, il luogo ideale potrebbe essere la sede di un Consiglio di Zona, magari dotata di parcheggio e ben servita dai mezzi pubblici. Luogo ideale, poiché proprio nei Consigli di Zona c'è maggiore convinzione del valore della partecipazione. In alternativa, la sala Alessi di Palazzo Marino potrebbe accogliere la riunione, se qualche consigliere Comunale volesse appoggiare l'iniziativa o, almeno, favorirla. In questa discussione vi chiediamo di indicare la vostra disponibilità ad individuare la sede più adatta e magari ad aiutarci ad ottenerne la disponibilità. E, naturalmente, aspettiamo anche altre proposte alternative.
Grazie.

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Pierfilippo Pozzi il Gio, 06/12/2007 - 12:49

Vorremmo realizzare l'incontro in una data tra lunedì 7 gennaio 2008 e sabato 19 gennaio 2008. Nei giorni feriali l'orario migliore ci sembra essere verso le 21,00, mentre il sabato alle 10,00 di mattina.
Grazie a Doodle abbiamo pubblicato all'indirizzo http://www.doodle.ch/7dcs6wex2szz6i4k un'agenda condivisa: è sufficiente scrivere il proprio nome e cliccare sulle date che si preferiscono per ottenere una visione d'insieme delle preferenze di calendario e poter così scegliere la data dell'evento che sia preferita dal maggior numero di persone. Naturalmente queste preferenze andranno incrociate con le disponibilità delle sedi disponibili.
Grazie.

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Pierfilippo Pozzi il Gio, 06/12/2007 - 12:40

In questa discussione vorremmo raccogliere idee e contenuti per l'incontro "Cittadini che ci credono". Noi iniziamo a mettere a disposizione due documenti sull'e-democracy e la lettera aperta di Fiorella de Cindio (seguiranno poi altri documenti e links utili e vi invitiamo a fare altrettanto), vorremmo fornire un'indicazione che riteniamo necessaria: l'incontro "Cittadini che ci credono" è pensato per discutere della partecipazione e degli strumenti più adeguati per renderla effettiva e diffusa, oltre che, naturalmente, per analizzare gli ostacoli che impediscono una sua convinta attuazione da parte delle istituzioni. Sarà certamente occasione di incontro tra coloro che hanno discusso sui forum di partecipaMi di problemi e progetti per la città, ma l'incontro - e i contenuti che vi invitiamo a inviare in qusta discussione - sono espressamente incentrati sule modalità della partecipazione civica. Vi chiediamo, dunque, di evitare discussioni su luoghi, disagi e progetti (per i quali esistono i forum di partecipaMi) che, ci auguriamo, diventeranno invece gli argomenti dei percorsi partecipati che, prima o poi, siamo fiduciosi di veder pienamente realizzati anche a Milano come già avviene in altre città,  province e regioni italiane.
Riportiamo qui di seguito il testo che vi abbiamo spedito per e-mail:

Care e cari cittadini, sono passati due mesi dalla lettera aperta che Fiorella de Cindio aveva indirizzato alle istituzioni e ai politici milanesi di maggioranza e di opposizione. Una lettera  che aveva lo scopo di sostenere il valore civile e politico della partecipazione dei cittadini alla progettazione della città. Una lettera che, almeno nel forum, ha ricevuto risposte solo da voi cittadini.

L'esperienza che tutti insieme stiamo facendo su partecipaMi dimostra che possiamo e vogliamo discutere degli interventi urbanistici e sociali che avvengono in città. Questa esperienza, però, rivela anche che solo i consiglieri di Zona sembrano disposti a costruire costantemente un dialogo con i cittadini e a raccoglierne le idee e i disagi. Dalle altre assemblee politiche e dalle giunte i segnali sono rari, molto rari. E sul tavolo della città, tra l'altro, sono numerosi i progetti che l'amministrazione comunale sta ultimando e realizzando.

Noi crediamo sia giunto il momento di trovarci tutti insieme per cercare di comprendere quali ostacoli impediscono alle istituzioni di realizzare vere forme di coinvolgimento dei cittadini: è una mancanza di volontà politica o di competenze specifiche? Di certo, come spesso avviene, la politica è in ritardo rispetto alle richieste dei cittadini, un ritardo che per altro sembra accomunare tanto le maggioranze quanto le opposizioni. Nei forum di partecipaMi non mancano gli esempi di cittadini, associazioni e consiglieri di Zona impegnati a fornire segnalazioni, idee e proposte concrete. Incontriamoci, allora, senza distinzioni politiche e di ruolo, ma consapevoli che siamo uniti dal desiderio di voler partecipare alle scelte che ci riguardano.

E' un incontro che vorremmo costruire insieme a voi, perché partecipaMi nasce, come ogni attività della Fondazione RCM e del Laboratorio di Informatica Civica dell'Università Statale, per sostenere e incrementare la partecipazione dei cittadini e la condivisione della conoscenza, in particolare attraverso le reti telematiche. La Fondazione e il Laboratorio non sostengono alcuna forza politica, sostengono invece i cittadini, a qualunque forza politica appartengano, cercando, questo sì, di dialogare con le istituzioni affinché attribuiscano sempre maggiore importanza all'impegno civile dei cittadini.

Da oggi troverete in home page un nuovo Forum, "Cittadini che ci credono!", interamente dedicato all'incontro che vorremmo realizzare subito dopo l'Epifania. Ci saranno discussioni sia per condividere gli aspetti organizzativi sia per raccogliere i vostri contributi e idee. All'interno del forum troverete:
- Discussione: "La data dell'evento"
- Discussione: "Il luogo dell'evento"
- Discussione: "I contenuti dell'evento" che riprende la discussione innescata da Fiorella de Cindio con la "Lettera aperta".

Lo staff di partecipaMi.it e Fondazione RCM

In risposta al messaggio di inserito il
RSS feed