.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 60 ospiti collegati
.: Linea Diretta con il Consiglio di Zona 6
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Massimo Roselli il Dom, 27/01/2008 - 16:26

Buon giorno,
alcune domande/richieste

1) mi chiedevo se nell' area residenziale Cardellino, Storno, Usignolo ecc, è possibile eliminare il traffico di transito che ogni mattina entra da Bisceglie-Cicconi, passa per usignolo e va in Inganni per ritornare in Saint bon Zurigo. Si potrebbe magari ristudiare i sensi unici o applicare altre soluzioni?
2) Una miriade di lavoratori la mattina, per evitare il pagamento del parcheggio Bisceglie, entra nell'area residenziale Cardellino, Storno, Usignolo a parcheggio gratuito. La conseguenza è che i residenti magari devono parcheggiare al Campo Colombo. Si può fare nulla ?

Saluti

M.R.

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Oliverio Gentile il Gio, 10/01/2008 - 22:49

dal sito Web del Comune di Milano:

Aree cittadine

Giornali, una preziosa risorsa per il territorio

Incontro tra l'assessore Colli e i rappresentanti dei periodici pubblicati nelle zone per dare inizio a un lavoro serio e approfondito di scambio di informazioni

I giornali di zona sono una risorsa per il territorio di Milano da valorizzare. L’assessore alle Aree cittadine e Consigli di Zona Ombretta Colli ha incontrato i rappresentanti di una decina di periodici di zona ascoltando le loro istanze e discutendo del ruolo svolto dai periodici dei quartieri, comparsi per la prima volta in città nel  1969, con la nascita del decentramento a Milano. L’incontro si è svolto con l’obiettivo di dare inizio a un lavoro serio e approfondito di scambio di informazioni legate al territorio.

“I periodici delle zone svolgono un servizio che – spiega l’assessore Colli - merita di essere valorizzato perché fornisce un’informazione approfondita e vicina ai cittadini. Per questo ritengo sia importante che le Istituzioni si mostrino sempre più disponibili, anche attraverso un sostegno concreto, e riconoscano  il valore di questi organi d’informazione”.

L’assessore si è preso l’impegno di far da tramite tra queste realtà e l’Amministrazione cittadine, e di favorire i rapporti tra i Consigli di Zona e i periodici legati a quell’area, così da instaurare uno scambio di informazioni a oggi, come lamentano i direttori delle testate, ancora troppo frammentario.

“I giornali delle zone - continua Colli – possono darci una grande mano in termini di segnalazioni di problematiche e situazioni di disagio di cui sono vittima i quartieri, ma invito anche la stampa a non dare risalto solo alle notizie negative e che fanno discutere ma anche a ciò che di positivo vi è a Milano. Viviamo in una città dove tutto funziona, eppure stiamo sempre a lamentarci. Dovremmo imparare a essere più positivi”, ha evidenziato l’assessore.

Alcune ricerche hanno calcolato la diffusione dei periodici di zona, circa una ventina, che si attesta intorno alle 200 mila copie. Periodici che vengono consegnati gratuitamente agli abitanti dei quartieri o sono disponibili presso i negozi o le biblioteche comunali. Molti dei redattori sono dei volontari e, oltre che di pubblicità - spesso molto limitata - i fogli vivono grazie ad alcuni contributi volontari o agli abbonamenti.

All’incontro, tenutosi negli uffici dell’Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona, hanno partecipato dodici testate a partire dalle più “antiche” come Il Diciotto di Zona 7, nato 29 anni fa, fino a Il Mirino di Zona 8, il cui primo numero è in distribuzione proprio in questi giorni.

(10/01/2008)

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Giovanni Gronda il Mer, 09/01/2008 - 20:31

Buongiorno sono un ex cittadino di zona 6 ora vivo in zona 7.

Vorrei chiedere ai Consiglieri del CDZ6 che cosa sta accadendo nei prati lungo il margine est della via Bisceglie, dietro il Campo Colombo.
1) Per decenni è stata una discarica, un campo nomadi o una succursale dello sfasciacarrozze
2) L'anno scorso è diventato un parcheggio per le auto degli uffici Vodafone tra via Bisceglie e via Ciconi
3) Tempo fa il comune annunciò la costruzione del "parco blu"
4) Stamane 9/1/08 le ruspe e alcuni camion AMSA stavano rimuovendo le carcasse di auto e i rifiuti

Quell'area era evidentemente un'area di pregio, e i contorni di un passato agricolo si vedono su un fienile appartenenti con tutta probabilità all'antica "Cascina Garegnanina" proprio di fronte alla "Cascina di Garegnano" oggetto di futuri immobiliari e in passato sede del "Lago" della Cava di Garegnano.
Un passato agricolo che va difeso, rispettato e comunque ricordato con tutta l'attenzione possibile sia per il passato di sudore e fatica dei nostri nonni che per il futuro "polmonare" dei nostri nipoti.

Chiedo ai consiglieri di zona 6 di fornire se possibile maggiori informazioni su quell'area, indicando in particolare se i lavori che ho visto stamane siano l'inizio del parco blu.
Propongo inoltre che venga ricordata la ex vocazione agricola di quell'area con un apposito segnale a futura memoria.
Sono disponibile ad effettuare fotografie del luogo e fornire qualche informazione ulteriore.

Cordialità

Dott. Ing. Giovanni Gronda

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Daniela Nencini il Ven, 21/12/2007 - 10:44

buongiorno!
voglio portare nuovamente all'attenzione di chi è interessato la discarica abusiva nel Parco Sud.
pericolosi camion che sfrecciano in stradine strettissime, sporco, un paesaggio orrendo e tanto inquinamento.
ho trovato su www.verdinavigli.com un vecchio articolo, dell'aprile 2000, e vedo che da allora i signori hanno continuato a lavorare indisturbati!
allertiamo ancora i Vigili Urbani? 
o meglio, proponiamo di mettere una telecamera fissa (il Comune penso ne abbia parecchie) e di far mandare multe salate?? la telecamerina si ripagherebbe molto velocemente.
insomma, di modi ce ne sono.
grazie per l'attenzione e, dato il periodo, un augurio di feste serene!
Daniela Nencini

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Angelo Valdameri il Sab, 15/12/2007 - 15:30

Da mesi in via Bussola angolo via Malaga stazionano 6 camion adattati ad abitazione, una roulotte e a volte si aggiungono altri xcamper.Sono perloppiù abitati da ragazzi "punkabbestia" che alla sera si possono ritrovare sui Navigli.Tutt'attorno sporcizia, masserizie accatastate e rifiuti che vengono buttati nel sottostante canale scolmatore. Il posto è a pochi metri dal deposito AMSA di via Bussola, dal sottopasso di viale Cassala, in una zona frequentata da molte auto sia di giorno che di notte. Possibile che nessuno dei vigili e/o delle FF.OO. abbiano mai segnalato a chi di dovere questa situazione? E siano intervenuti' Ad oggi nulla è stato fatto e si chiede di intervenire a sanare questa anomalia, allontanando i mezzi che stazionano senza alcun diritto. A.Valdameri, consigliere di zona 6 Lista Fo

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Angelo Valdameri il Gio, 13/12/2007 - 15:04

COMUNICATO STAMPA

 

Il Comitato Vivaio Soderini da circa un anno e mezzo sta lottando per evitare che l’ultima area libera del quartiere, l’ex vivaio posto tra le vie Soderini e Strozzi, venga fagocitata da una colata di cemento, il cosiddetto Cantiere del nuovo. Malgrado i ripetuti incontri, le forze politiche di maggioranza e di opposizione della Provincia, del Comune e della Zona 6, ad oggi non hanno ancora compreso, o peggio hanno fatto finta di non comprendere le esigenze del quartiere.

Il progetto “Cantiere del nuovo” o “Polo dell’innovazione” è nato in Provincia con la giunta di centrodestra e il centrosinistra ha votato contro.

Oggi è il centrosinistra favorevole allo stesso progetto, mentre il centrodestra è contro.

Evidentemente il merito non conta. C’è da domandarsi se i politici perseguano il bene pubblico o solo gli interessi di partito. Una cosa appare chiara: questa “cattedrale” ideata da un famoso architetto è il tributo, la decorazione al Comandante di turno!

Si è assistito ad un balletto inqualificabile, a un continuo rimpallo tra il Comune e la Provincia. Il Comune dopo avere autorizzato un centro fieristico tra due Ospedali, scarica sulla Provincia ogni responsabilità. La Provincia, alle richieste del Comitato, risponde che i servizi (scuole, centri sportivi, luoghi aggregativi per giovani e anziani, verde) sono di competenza del Comune. Ma se l’ultimo spazio di verde “pubblico”del quartiere svanisce, anche questi servizi svaniscono con esso.

Negli ultimi giorni una notizia ha poi fatto traboccare il vaso. Un Ordine del giorno presentato al Consiglio Provinciale da un consigliere di opposizione tendente a mettere uno stop alle procedure di appalto per potere riflettere è stato rigettato dal centrosinistra, malgrado ci fossero state alcune disponibilità alle proposte del Comitato manifestate chiaramente. E’ un bel voltafaccia.

La richiesta del Comitato è chiara e semplice: dare corso alla ristrutturazione dei fabbricati esistenti e fermare le nuove edificazioni, esaminando poi in un confronto Provincia-Comune le proposte scaturite dai cittadini per dare una risposta alle esigenze del quartiere.

Malgrado tutto il Comitato ha la ferma convinzione che si possa ancora rimediare.

Qui si sta parlando di una area “pubblica”sulla quale i cittadini devono potere dire la loro e non essere trattati come sudditi.

Nell’ultima campagna elettorale del Presidente della Provincia Penati, un punto qualificante del programma di centrosinistra era la partecipazione dei cittadini alle scelte. Una volta eletto tutto è stato dimenticato.

Il Comitato vivaio Soderini comunque dichiara che se la voce degli abitanti del quartiere sarà inascoltata, le Istituzioni si aspettino una dura opposizione al Progetto “ipogeo”, che sarà contrastato in tutti i modi e gli attuali amministratori sappiano che i cittadini non saranno inerti nella prossima campagna elettorale.

 

Milano, 13.12.2007   Comitato Vivaio Soderini

     e-mail:com.salvavivaio@libero.it

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Valentina Madella il Mer, 12/12/2007 - 15:59

Ho appena trovato on line un prospetto di come si presenterà, una volta terminato, il nuovo complesso "villaggio alla barona", con tutti i servizi previsti.
Laughing
Ho notato che nell'area ad angolo di via Italo Svevo dove  si trova ora il distributore con autolavaggio è previsto un parco, con campo di basket, alberi e più oltre una palestra.
Bello, ma ...Che fine faranno il lavaggio auto e il distributore del GPL?
Io ho un'auto a gas e trovo comodissimo un distributore così vicino a casa. Qualcuno ha idea di dove andrà a finire, o può suggerirmene altri nelle vicinanze?

Grazie

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Maria Barani il Mer, 12/12/2007 - 01:35
Abbiamo già presentato esposti e denunce per la sicurezza nel nostro condominio di Via San Paolino 24/38. Ora con questa lettera per raccolta firme vorremmo sensibilizzare anche altri residenti, per ora siamo solo un centinaio che si muovono. Gli altri, come dice bene Marco della zona 2, sono in "una passiva rassegnazione". Cercheremo di farli unire alle nostre voci e, copiando sempre da Marco "il bombardamento sarà più massiccio".
Io penso che se tutte le zone si unissero in questa raccolta di firme saremmo proprio una bella forza. Riprendiamoci la nostra città non lasciamola in mano ai vandali, ladri, spacciatori ecc.

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Angelo Valdameri il Mar, 04/12/2007 - 09:02

L'opposizione ieri sera ha sottoscritto e presentato un'interrogazione al Presidente del Consiglio di Zona 6 nella quale si chiedono chiarimenti circa la collocazione del "patinoire" in Darsena. Durante la seduta di ieri sera erano presenti anche i rappresentanti dei Comitati dei Navigli che hanno letto un'analoga richiesta ed espresso seri dubbi sull'insediamento.A.Valdameri

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Oliverio Gentile il Lun, 03/12/2007 - 23:02

Dal sito Web del Comune di Milano:

Rapporti con le Zone

Tutti i servizi in una guida

Presentata la prima edizione di un opuscolo che raccoglie indirizzi, numeri di telefono, orari di apertura di scuole, farmacie, uffici pubblici e molto altro ancora. Si incomincia da Zona 7, nel 2008 arriverando le altre otto

Facilitare la conoscenza della propria Zona attraverso una guida che raccoglie tutte informazioni relative ai servizi presenti. L’iniziativa, promossa dall’Assessorato alle Aree cittadine e Consigli di Zona del Comune e dall’Unione del Commercio di Milano è stata trasformata in realtà dall aAg Editore. Questo opuscolo conterrà informazioni utili e indispensabili come gli indirizzi , i numeri di telefono e gli orari di apertura delle farmacie, delle scuole più vicine, degli uffici pubblici e di molto altro ancora. Completano la guida lo stradario della Zona e la cartina della rete metropolitana milanese.

“Milano è una città viva e bella da vivere – spiega l’Assessore alle Aree cittadine Ombretta Colli. Troppo spesso, però, non sappiamo a chi rivolgerci, dove andare e non abbiamo idea di ciò che la zona in cui abitiamo può offrire. Così, il più delle volte ripieghiamo sul centro. Con queste guide, invece, vengono valorizzate le ricchezze e i servizi  decentrati, compresi quelli dell’amministrazione che si fa sempre più vicina al cittadino”.

“Questa guida vuole essere un punto di riferimento per i cittadini ma anche per i turisti che arrivano in città e che potranno trovare, in poche pagine, tutto ciò che può loro servire – sottolinea Giorgio Montingelli, consigliere delegato al territorio dell’Unione del Commercio. Divertenti anche alcune piccole curiosità legate al territorio e alla tradizione”.

La prima guida ad essere distribuita sarà quella della Zona 7. Quelle delle altre 8 zone saranno distribuite nel 2008. Questa sarà stampata in oltre 60 mila copie e verrà consegnata alle famiglie attraverso il metodo “porta a porta”. Alcuni spazi per la distribuzione verranno allestiti anche all’interno del Consiglio di Zona e dei Cam (Centri di Aggregazione multifunzionali).

(03/12/2007)

In risposta al messaggio di inserito il
...
28 29 30 31 32 33 34 35 36
...
RSS feed