.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 81 ospiti collegati
.: Cineforum "MAL D'AFRICA": HOTEL RWANDA
Segnalato da:
Antonella Fachin - Martedì, 11 Maggio, 2010 - 14:28
Di cosa si tratta:
Il 17 maggio, presso il CIRCOLO FAMILIARE DI UNITA' PROLETARIA DI MILANO,
prende il via
la rassegna "MAL D'AFRICA" , a cura di MARCELLO PERUCCA
alle ore 21,00
presso il CIRCOLO FAMILIARE DI UNITA' PROLETARIA
 Viale Monza 140 - Milano (MM1 fermata "Turro" e/o "Gorla", bus 44, 86).


Guerre, miseria, malattie, dittature spesso sostenute dall’Occidente. L’Africa è un continente invaso e devastato da secoli a causa, soprattutto, degli interessi economici delle nazioni più ricche del mondo. Paesi che hanno  trasformato un continente di per sé ricco di materie prime che potrebbero renderlo autonomo e fiorente,  in un terreno di caccia di potenze dagli insaziabili appetiti espansionistici. Etiopia, Eritrea, Congo, Sierra Leone, Sudan, Somalia, Angola, Uganda, Ruanda. Sono decine i conflitti che a tutt’oggi si stanno combattendo o si sono combattuti in  molte regioni dell’Africa. Guerre  spesso dimenticate  e ignorate dai media  occidentali. Guerre estremamente sanguinose che coinvolgono milioni di individui, civili e non,  e che vedono spesso l’impiego di bambini-soldato strappati alle famiglie e alla scuola e trasformati in belve feroci.

Il breve ciclo di film che va a chiudere la stagione 2009-2010 del Cineforum del Circolo, prende in considerazione alcuni temi, alcuni mali del continente africano, che contraddistinguono o ne hanno contraddistinto la realtà di questi ultimi decenni: dall'assurdo genocidio avvenuto in Ruanda nel corso degli anni '90, al dramma degli attentati causati dal fondamentalismo islamico che hanno provocato centinaia di morti nell'Algeria di qualche anno fa e che relega tutt'oggi la donna in una condizione di inferiorità e semischiavitù.
Non mancherà, però, una nota positiva e di speranza contro tutte le dittature ancora esistenti nel mondo: la splendida vicenda umana e politica di Nelson Mandela, un uomo che ha sofferto per numerosi anni il carcere duro in un regime, quello sudafricano, caratterizzato da un feroce apartheid, e dal quale ne è uscito per restituire a tutta la sua nazione la dignità di paese libero.

IL PROGRAMMA
_17.05.2010_  HOTEL RWANDA (Terry George, 2004, Gran Bretagna-Sud Africa)
Rwanda 1994: lo sterminio di 800.000 tutsi da parte degli hutu e la
vicenda di un direttore d'albergo di origine hutu che con il suo coraggio
salva la vita a più di mille tutsi.
 
Quando agli inizi degli anni '90 in Ruanda gli hutu iniziarono a massacrare i tutsi in quella che che è stata una delle più sanguinose pulizie etniche che il mondo ricordi, Paul Rusesabagina, hutu sposato a una donna tutsi, direttore di un albergo di lusso della capitale, riesce a salvare dal massacro centinaia di tutsi, malgrado il disinteresse delle organizzazioni umanitarie.



_24.05.2010:_ TEZA (Haile Gerima, 2008, Etiopia)
Etiopia: i regimi dittatoriali di Haile Selassié prima e Menghistu poi,
visti attraverso la storia di un giovane medico etiope ritornato nella sua
nazione dopo aver studiato e lavorato in Europa.

_31.05.2010:_ RACHIDA (Yamina Bachir-Chouikh, 2002, Algeria)
La difficile condizione femminile nell'Algeria dilaniata dal
fondamentalismo islamico

_07.06.2010_: INVICTUS (Clint Eastwood, 2009, Usa)
In Sudafrica il regime di apartheid è finito. Il leader nero Nelson
Mandela, diventato presidente, è convinto che bisogna lasciarsi alle
spalle ogni rancore e perseguire a tutti i costi una politica di vera
riunificazione del paese. I campionati mondiali di rugby del 1995 svoltisi
in Sudafrica, in cui la nazionale sudafricana, espressione della
popolazione bianca, è giunta inaspettatamente in finale, saranno lo
strumento con cui Mandela riuscirà a perseguire il proprio obiettivo.


Dove:
viale Monza 140, Milano - salone al primo piano- (MM1 fermata "Turro" e/o "Gorla", bus 44, 86)
Quando:
Da Lunedì 17 Maggio - 20:00 a Lunedì 17 Maggio - 22:00
Chi organizza:
Circolo Familiare di Unità Proletaria