.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 38 ospiti collegati
.: Discussione: Gestione dei Nidi d'infanzia: una brutta storia

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Fabio Cremascoli

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Fabio Cremascoli il 3 Maggio 2010 - 16:22
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Vorrei porre all'attenzione dei "partecipanti" la lettera qui sotto riportata.

Si tratta di una segnalazione fatta alle autorità responsabili da parte dei genitori del Nido d'infanzia a gestione comunale "Comisso-bis", zona 5 di Milano, in seguito ad una prevista "razionalizzazione" con cui verrà spostata la "sezione Primavera" di una scuola materna presso lo stesso Nido.

Questa operazione, come potrete leggere meglio nella nota, causerà tutta una serie di criticità e di disagi, ....che pagheranno in primis i bimbi piccoli..

E' un'ingiustizia - quella raccontata nell'istanza - che chi si occupa di informazione dovrebbe far conoscere ad un più vasto pubblico cittadino e che chi si occupa di gestione dei servizi per l'infanzia dovrebbe valutare molto molto attentamente perchè ne va della propria credibilità.. non solo in periodo non elettorale.

Spero quindi che vogliate diffondere il più possibile questa problematica (e di segnalarne altre simili... ). La questione che propongo è infatti prettamente localizzata, ma credo che fatti analoghi probabilmente avvengono anche nel resto della città..

Segnalerò sempre in questa discussione se e come i responsabili del servizio avranno risposto a questa lettera.

All’Illustrissimo Assessore alla Famiglia, Scuola e Politiche Sociali   Mariolina Moioli
Al Direttore Generale Ufficio Scolastico Regionale    Colosio Giuseppe Orazio
Al Direttore Centrale alla Famiglia, Scuola e Politiche Sociali   Carmela Madaffari
Al Direttore del Settore Servizi all’Infanzia   Aurelio Mancini
Al Direttore Centrale Risorse Umane e Organizzazione   Luigi Draisci 
Alla Resp. Ufficio Programmazione, Organizzazione attività educative e supporto pedagogico   Maurizia Pagano

Al Presidente della Commissione Consiliare Educazione e servizi all'Infanzia   Bianchi Bonomi Barbara
E p.c. ai "responsabili operativi" del servizio (si omettono qui i nomi)
In data 23 marzo 2010, in qualità di genitori del nido Comisso Bis ci siamo riuniti per discutere i cambiamenti previsti per l'anno educativo 2010-2011 e all'unanimità abbiamo concordato la seguente istanza:
Premesso che:
il nido Comisso Bis con l'attuale dotazione funziona alla perfezione e noi genitori siamo contenti del servizio offerto: puntuale e accurato, ricco di contenuti progettuali stimolanti e personalizzati dalle risorse professionali individuali delle educatrici.
lo spostamento della sezione Primavera dalla Materna Ghini presso il Comisso Bis causa una serie di criticità:
a- le educatrici del nido Comisso Bis che hanno seguito egregiamente i nostri figli non possono più garantire la loro presenza per l'anno educativo 2010-2011, a causa dello smantellamento del Comisso Bis.
b- i bambini in primis perderebbero la continuità educativa con le loro amate educatrici.
c- le famiglie del Comisso Bis potrebbero ritrovarsi a sostenere un ulteriore periodo di ambientamento a settembre con personale differente senza poter avere un passaggio di consegna adeguato.
d- le famiglie del Comisso Bis non sono interessate alla sezione Primavera e quindi i loro figli si riverseranno nella sezione grandi del Comisso. Si è considerata la capienza massima della struttura e la relativa riorganizzazione degli spazi?
e- l'aumento numerico dei bambini di ogni classe per dei bambini così piccoli, significherebbe a settembre dover fare i conti con un sovraffollamento ed un ulteriore "ambientamento immunitario", non essendoci più continuità neanche sotto questo aspetto.
Considerato che:
1- non è comprensibile la collocazione di una sezione Primavera in un nido separato dalla Scuola dell'Infanzia, dato che lo scopo della sezione Primavera, per chi la sceglie, è essere ponte dentro la struttura della scuola dell'infanzia, ai fini di una futura ed agevole integrazione dei bambini nella stessa. E' un danno soprattutto se tale collocazione in un nido va a modificare degli equilibri relazionali ed educativi faticosamente conquistati dalle famiglie e dalle educatrici con i bambini.
2- è svalutativo nei confronti dei genitori pensare che la scelta di una struttura educativa per i figli (nido vs sez. Primavera) sia determinata principalmente dalla retta da pagare, più economica nella sezione Primavera: malgrado la crisi economica abbia ricadute su tutte le famiglie di questo quartiere, è molto più alto pagare il prezzo di una perdita di punti di riferimento educativi proprio nel periodo importante dei primi tre anni di vita.
3- il Comune di Milano deve conciliare il servizio educativo con il costo a bilancio: si pensi ad altre forme di risparmio più innovative che non la solita "razionalizzazione", di cui le prime a farne le spese sono le educatrici e di conseguenza i bambini, ad esse legati dalla fiducia costruita insieme, in un anno di lavoro educativo.
Siamo certi che non ci sia altro da tagliare a livello di sprechi di bilancio?
Per quest'annualità pre-elettorale che si prefigura per il Comune di Milano, non è possibile dare il buon esempio con un bilancio sociale più equo e più giusto,  che restituisca alla cittadinanza un risultato degno di valore in sé: il benessere dei bambini e delle famiglie, raggiungibile attraverso scelte coraggiose e di senso?
Chiediamo quindi che:
1- in nome della continuità educativa venga mantenuto l'organico attuale del personale educativo in servizio per i bambini del Nido Comisso Bis, per l'anno educativo 2010-2011.
2- venga mantenuto il gruppo-classe del Comisso Bis senza smembramenti, in favore della continuità delle relazioni già ben avviate fra i bambini. I bambini hanno il diritto di rimanere insieme come gruppo.
3- venga data comunicazione scritta e chiara alle famiglie del Comisso Bis sulla decisione presa dagli uffici preposti, in considerazione del nostro diritto di genitori ad essere informati del futuro di un servizio per i nostri figli, in ragione della presente e-mail, della lettera con allegata raccolta firme che ne seguirà, e della nostra partecipazione al Consiglio di Scuola cui porteremo la sopradescritta istanza.
In attesa di un pronto riscontro, l'occasione è gradita per porgere i nostri migliori saluti.
I genitori del Comisso Bis (lettera firmata)

Milano, 31 marzo 2010