.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 40 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
.: MILANO CAPITALE
Inserito da Paolo Bassi il Ven, 05/05/2006 - 18:05
La mia lista:
LEGA NORD
Simbolo lista:
MILANO CAPITALE
Dove mi candido:
Consiglio di Zona 4
Foto Candidato:
MILANO CAPITALE
Io in breve:
Milanese, 28 anni, giornalista professionista. Mi sono avvicinato molto giovane alla politica. Nel 1991 mi iscrivo alla Lega Lombarda della quale divento militante nel 1995. Dopo l'elezione nel direttivo della mitica sezione "Il Guerriero" di via Adige, nel 1996, vengo designato commissario dell'allora gruppo giovani insieme a Stefano Bolognini. L’anno successivo entro nella segreteria provinciale della Lega Nord di Milano, organo nel quale sono sempre stato rieletto e del quale sono ancora membro. Tre anni fa entro nella segreteria federale del Movimento Giovani Padani, dove ricopro l’incarico di coordinatore del giovani leghisti eletti negli enti locali.  

Nel 1999 sono il candidato presidente della Lega Nord in Consiglio di Zona 4. Eletto consigliere vengo ricandidato e rieletto nel 2001. Dal 2001 al 2006 ho guidato la commissione Sicurezza, qualità della Vita, Eventi e Identità.

Sono attivo da sempre in associazione culturali che promuovono la storia, la cultura e le lingue locali.
 

Appassionato di montagna (trekking e “ciaspolate”), libri e cinema. Mi piace viaggiare. Ho una particolare predilezione per la Catalogna e per il Paese Basco, dei quali sostengo la causa indipendentista e nei quali ho visto applicate con successo politiche fortemente autonomiste che spero possano presto diventare realtà anche da noi.

Cosa ho fatto finora nella vita:
Negli ultimi anni, accanto alla attività professionale e quella militante, ho dedicato molto tempo all'attività del Consiglio di Zona. In questo impegno ho sempre cercato di conciliare l'aspetto politico e quello istituzionale. Sono stato fra i più assidui frequentatori dei lavori d'Aula raggiungendo l'invidiabile primato di una sola assenza in cinque anni di legislatura. Sono fra i consiglieri più attivi in quanto a presentazione di interrogazioni e mozioni ed emendamenti, la maggior parte delle quali hanno trovato voto favorevole da parte del Consiglio.
Come presidente di Commissione ho lavorato molto per cercare di rendere più sicuri i nostri quartieri coniugando la repressione dei fenomeni criminosi alla prevenzione, come nel caso dei diversi corsi e incontri rivolti agli anziani per informarli sui pericoli di truffe ai loro danni. Una Milano più sicura vuole dire migliore qualità della vita, con meno paura e più voglia di uscire, incontrarsi, crescere. Attraverso la delega agli Eventi ho fatto in modo di offrire un ampio ventaglio di proposte culturali e ricreative gratuite, dai corsi di escursionismo in sicurezza a diverse conferenze, la maggior parte delle quali rivolte alla riscoperta del nostro territorio.
Vi spiego perchè mi candido:

Più moralità e trasparenza nella politica

Milano è conosciuta come capitale morale del Paese. Una peculiarità che sta particolarmente a cuore alla Lega Nord, che da sempre si batte per una politica più trasparente e rispettosa della gente. In quest’ottica riteniamo che l’impegno nell’amministrazione comunale sia un servizio ai cittadini e non un “lavoro” o una fonte di reddito sicura.

Per questo motivo l’amministrazione dovrebbe razionalizzare molte delle sue spese, risparmiando così denaro da poter reinvestire in servizi al cittadino. Alcune forme di economia possono facilmente essere realizzate “tagliando” il numero delle auto blu e limitando il loro utilizzo alle reali esigenze di servizio, razionalizzando le consulenze esterne, ottimizzando al massimo il personale interno, controllando il sistema delle sponsorizzazioni, autorizzandole solo per eventi di reale interesse cittadino.

Per una più trasparente gestione della pubblica amministrazione la Lega Nord di Milano propone di inviare annualmente a ogni cittadino milanese un bilancio del Comune redatto in forma civilistica, cioè in maniera chiara e intelleggibile per chiunque. Questo per ribadire il fatto che sono i cittadini ad essere i “datori di lavoro” della pubblica amministrazione e non il contrario.
Coerentemente a questi obiettivi, il Comune di Milano si deve impegnare nella promozione e nel sostegno della Devolution e del federalismo fiscale in quanto unici ed indispensabili strumenti per garantire la sussistenza della finanza locale e la tutela delle autonomie.

Sicurezza e immigrazione

La maggior parte dei problemi sofferti da Milano in materia di sicurezza e ordine pubblico è legata alla massiccia immigrazione extracomunitaria degli ultimi vent’anni. Per questo motivo la Lega Nord ritiene basilare ritornare padroni a casa nostra attraverso un fattivo controllo dei fenomeni di clandestinità e delle illegalità a questi legate. In quest’ottica è necessario una sinergia fra amministrazione comunale e forze dell’ordine in maniera da poter agire tempestivamente e efficacemente.

La Lega Nord ritiene necessario:

-         la chiusura di tutte le realtà illegali, quali: moschee, scuole coraniche, centri sociali abusivi;

-         rispetto delle normative vigenti per le attività commerciali e ricreative (permessi, licenze, contratti, asl, inail);

-         ripristino del divieto di accattonaggio per eliminare lo sgradevole fenomeno dei lavavetri;

-         eliminazione dei campi nomadi presenti sul territorio comunale e nessuna costruzione di nuove strutture analoghe;

-         introduzione di postazioni mobili della polizia locale per il presidio del territorio (security point);

-         potenziamento del sistema di video sorveglianza e introduzione di un servizio di controllo armato sui mezzi pubblici nelle ore notturne;

Salute e problematiche sociali

Il principale interesse di ogni politica di welfare non può che avere come primo interesse la famiglia naturale, unità primaria in cui la rete delle relazioni permette di garantire la solidarietà nei confronti dei soggetti più deboli del sistema.

Al pari della famiglia, la persona deve essere considerata nella sua libertà individuale e nella sua unicità, portatrice del massimo grado di dignità riconosciuta dalla società.

Punti strategici:

-         Famiglia: le risorse comunali devono permettere un’ampia articolazione di risposte in via sussidiaria per le diverse e più complesse situazioni di disagio.

-         Anziani: interventi a favore della terza età (parzialmente e non autosufficienti) e delle persone in situazioni di disagio volti a garantire quanto più possibile il mantenimento del proprio domicilio e solo in via residuale ricoveri nelle strutture assistenziali.

-         Infanzia: potenziare il servizio di asili nido, privilegiando strutture qualificate, numerose e di dimensioni medio-piccole, anche di natura aziendale. Tali strutture devono avere una rappresentanza delle famiglie utenti per il controllo della qualità del servizio erogato.

-         Casa: priorità ai residenti nell’assegnazione degli alloggi comunali secondo la normativa regionale vigente. Abolizione Ici sulla prima casa.

-         Natalità: tutte le risorse devono essere finalizzate ad una politica dell’alloggio che faciliti le giovani coppie milanesi nell’acquisto della prima casa o permetta mediante contributi il pagamento dell’affitto.

Qualità della vita, servizi e sviluppo

Milano ha bisogno di “muoversi”. Per farlo, la Lega Nord ritiene utile superare il deficit di trasporto pubblico senza però rendere impossibile l’utilizzo dei mezzi privati. Pertanto è improrogabile la realizzazione di alcune grandi opere per lo smaltimento del traffico quali tunnel sotterranei che taglino la città sul modello di Oslo e Berlino.

Parimenti improrogabile è la creazione di nuovi grandi parcheggi sotterranei o a torre.

Nel breve periodo si ritiene utile:

-         potenziare il servizio di trasporti pubblico ed estendere l’orario di esercizio della metropolitana almeno fino alle ore 1.30 in settimana e 24 ore su 24 durante i week end;

-         creare vere piste ciclabili sul modello olandese;

-         controllare il rispetto degli orari di carico e scarico dei mezzi commerciali;

-         controllare i permessi di circolazione in aree limitate e delle vetture con il pass invalidi;

Una città più vivibile è una città più attenta all’ambiente. Per questo motivo la Lega Nord chiede la messa a norma e la riconversione degli impianti di riscaldamento degli uffici pubblici per utilizzare combustibili meno inquinanti e avere meno sprechi.

Per avere strade più pulite, senza per questo arrecare disturbo ai cittadini, si propone anche l’estensione in tutta la città dei sistemi di lavaggio attualmente presenti in via sperimentale in alcune zone che non richiedono lo spostamento delle auto parcheggiate.

Riteniamo importante attuare una più efficace politica di repressione del fenomeno dei “graffittari” e parallelamente proseguire nell’opera di pulizia degli edifici rovinati da tali vandalismi.

Nell’ottica di un Comune più vicino ai cittadini, si propone un miglioramento dell’informatizzazione dell’amministrazione in maniera da velocizzare l’acquisizione di documenti, certificati, permessi e il pagamento di multe, tasse e imposte.

Milano deve essere una città vivibile su tutto il suo territorio. Per questo è necessario cambiare il suo assetto monocentrico, recuperando aree dimesse o rivitalizzando piazze e quartieri periferici, creando dei centri di aggregazione con esercizi commerciali, teatri, cinema, musei e luoghi di ritrovo, in modo da offrire un’alternativa ai classici punti di richiamo del centro.

Identità e cultura locale

La Lega Nord ritiene fondamentale promuovere e tutelare la cultura e l’identità della nostra gente. Per questo si propone una revisione della toponomastica unita all’introduzione di cartellonistica in lingua locale. Sempre nel segno della Tradizione la Lega Nord propone il recupero delle vie d’acqua della città riaprendo almeno parzialmente la cerchia dei Navigli.

Per una città più gradevole, ordinata e attenta alla propria identità, si ritiene utile rivedere l’arredo urbano in senso più coerente, evitando moltiplicazioni di generi e manufatti, nell’ottica di creare uno “stile Milano”.

Infine, l’amministrazione deve promuovere corsi, pubblicazioni, eventi legati alla lingua, storia e tradizioni della nostra gente. Per questo obiettivo di suggerisce una sinergia con scuole, università, associazioni, enti, musei e soggetti pubblici e privati.

E-Mail Candidato:
paologuidobassi@libero.it