.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 40 ospiti collegati
.: Discussione: Arrestato mentre incassava tangente: Pennisi resta Consigliere, ma si dimette da Presidente della Commissione Urbanistica

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 15 Feb 2010 - 11:07
accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

convalidato l'arresto. Il consigliere nascose una mazzetta nella libreria Hoepli

Milko Pennisi resta in carcere
E in Comune parte l'ispezione interna


Non ha ancora dato le dimissioni, ma è stato sospeso d'ufficio da consigliere comunale


MILANO - Il gip di Milano, Simone Luerti, ha convalidato l'arresto e disposto la custodia cautelare in carcere per Milko Pennisi, il consigliere comunale milanese del Pdl arrestato giovedì scorso mentre intascava una mazzetta da 5mila euro. Il giudice ha confermato anche l'ipotesi accusatoria di concussione, ravvisando l'esistenza in particolare del pericolo di inquinamento delle prove. Intanto, anche se a Palazzo Marino non sono arrivate le dimissioni di Pennisi da consigliere comunale, il presidente dell'assemblea Manfredi Palmeri lo ha sospeso d'ufficio dalla lista dei rappresentanti della città durante la seduta del consiglio comunale di lunedì, la prima dopo quella di giovedì sospesa dopo l'arresto dell'ex presidente della commissione Urbanistica per concussione. Manfredi Palmeri ha ricordato che la sospensione è prevista per legge in tutti i casi in cui un membro di assemblea elettiva è privato della libertà per ragioni di custodia cautelare.

LA MORATTI: INCHIESTA INTERNA - Quello della tangente presa da Pennisi «è un episodio estremamente grave che tradisce il mandato dei cittadini», ha detto il sindaco di Milano, Letizia Moratti, durante il suo intervento al consiglio comunale. La Moratti, nel suo intervento, si è augurata che prevalga «il senso di responsabilità». L’arresto di Pennisi «è un episodio che mi amareggia e che mi dispiace dal punto di vista umano», ha detto la Moratti, annunciando che sarà avviato un rigoroso «processo di auditing interno per tutte le procedure sull’edilizia privata». La Moratti ha poi chiuso il suo intervento citando le parole del cardinal Tettamanzi, secondo cui in politica «non c’è la necessità di facce nuove, ma di facce serie». Il discorso della Moratti è stato interrotto da un contestatore solitario che ha gridato «Ladri e mafiosi!» contro la Giunta. Il contestatore è stato subito allontanato dai vigili presenti in sala.

LA TANGENTE IN LIBRERIA - A quanto è emerso dalle indagini, giovedì scorso Pennisi aveva nascosto il fascio di banconote arrotolate da 500 euro l'una, ovvero la «mazzetta» appena incassata, dietro il calorifero del bagno seminterrato della libreria Hoepli. La scoperta è avvenuta venerdì a opera di un dipendente: dopo aver informato il titolare della libreria, l'impiegato ha consegnato la somma alla guardia di finanza. Ma su dove avesse nascosto i soldi, Pennisi, interrogato in carcere, ha cercato di confondere le acque. Anche per questo il gip di Milano, Simone Luerti, annota nella sua ordinanza di convalida del fermo che «l'indagato ha fornito progressivamente diverse versioni adottandole via via alle contestazioni obiettive che gli venivano sollevate, dimostrando fino all'ultimo, con la vicenda del denaro, di volere nascondere almeno parte dei fatti».

L'ISPEZIONE - Nelle prossime ore passeranno dunque sotto la lente di ingrandimento degli ispettori comunali le pratiche e i permessi per costruire dello sportello edilizia e di tutti gli uffici competenti. Masseroli ha assicurato che l'avvio dell'audit non dovrà in alcun modo interferire con i tempi di approvazione del piano di governo del territorio, il nuovo piano regolatore da alcune settimane all'esame del consiglio comunale per l'adozione. «Credo fortemente nella riforma urbanistica che stiamo portando avanti - ha affermato Masseroli - e che tra gli altri obiettivi ha quello di rendere più snelli i processi amministrativi e di eliminare passaggi burocratici che, se arrivano nelle mani sbagliate, possono diventare strumenti di anomalie. Questa riforma deve fondarsi su radici salde: per questo è necessario avere certezza su tutte le procedure e tutti i comportamenti all'interno delle strutture comunali».

«NON AFFIDABILE» - Pennisi, durante l'interrogatorio di convalida di domenica davanti al giudice Simone Luerti, ha ammesso di aver incassato la tangente (è stato arrestato in flagranza di reato), ma ha cercato di sostenere di non aver concusso l'imprenditore Mario Basso, l'immobiliarista che l'ha denunciato. In sostanza ha cercato di avvalorare la sua versione, e cioè di non aver minacciato nessuno per ottenere denaro per sbloccare la pratica ferma in Comune da tempo e che riguardava la ristrutturazione di un immobile alla Bovisa. Il gip, nell’ordinanza di custodia cautelare, scrive di «iniziativa illecita intrapresa e coltivata per alcuni mesi non senza una certa furbesca programmazione che unitamente alla posizione strategica in seno al consiglio comunale costituisce il terreno fertile di una possibile concreta reiterazione del reato». E aggiunge che Pennisi «non appare completamente affidabile quando afferma di essere stato colto nella flagranza dell'unico delitto commesso».

ABUSO DI POTERE - Nei confronti di Milko Pennisi, per il giudice, «sussistono inoltre i requisiti dell'abuso di potere integrati dalla ventilata rappresentazione di possibili «ostacoli» che fantomatiche terze persone potrebbero frapporre ad una pratica già pendente da molti anni, prospettata ad un imprenditore (Mario Basso, ndr) che ha già subito evidenti danni economici da una pratica avviata cinque anni prima e che, al momento in cui sembrava vedere la fine, si incaglia ancora una volta». In uno dei passaggi del provvedimento il giudice ha scritto: «La pressione esercitata dall'indagato sull'imprenditore è direttamente e casualmente correlata alla iniziale promessa di pagamento ed alle successive prestazioni in denaro, a nulla rilevando l'intenzione maturata successivamente di ribellarsi, documentare e denunciare l'accaduto». «Grazie a questa provvidenziale intenzione - ha proseguito il gip Luerti - si è spezzato il laccio che stringeva Pennisi tra la debolezza umana e la fascinazione del potere: certamente un bene per la collettività e, forse, una fortuna per il diretto interessato».

I CONSIGLIERI «AMICI» - A quanto riferito da Mauro Basso, Pennisi disse che avrebbe potuto contare su due o tre consiglieri della commissione urbanistica per «accelerare» la sua pratica. «Il dottor Pennisi - ha spiegato Basso ai pm - era totalmente disinteressato al mio racconto ed alla documentazione che portavo alla sua attenzione e (...) mi disse che a suo parere era strano che una pratica richiedesse più di cinque anni per essere portata termine, ventilando la possibilità che qualcuno volesse osteggiare» la pratica stessa. Basso ha raccontato ai pm che secondo Pennisi «era indispensabile che ci fosse la certezza del buon esito del parere, che lui avrebbe potuto contare su 2/3 consiglieri (...) e che però bisognava essere "riconoscenti"». Pennisi, sempre secondo il racconto di Basso, gli disse «che lui doveva soddisfare anche le richieste degli altri due o tre componenti e (...) tutto si sarebbe risolto con un versamento di una somma in contanti di 10 mila euro».

Redazione online
15 febbraio 2010

Notizie correlate:

Pennisi: «Tangenti, non minacce»

Pennisi arrestato, la Moratti: «Lasci ogni incarico comunale»
In risposta al messaggio di Alessandro Rizzo inserito il 14 Feb 2010 - 20:20
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]