.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 90 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Vito Redaelli
Mercoledì, 3 Maggio, 2006 - 16:51

"Forma e usi" della città

Quale aspettativa hai in merito alla "forma" della Zona 4 e del tuo quartiere? Quali usi di città vorresti incentivare?

la zona 4 è un far west pieno di indiani
se metti la penna diventi capotribù

Commento di indiano inserito Ven, 05/05/2006 22:14
non ho aspettative per la forma della zona 4
magari per le mie forme di più, ma mi aspetta un periodo duro....

Commento di iberia inserito Ven, 05/05/2006 22:15

ma i parcheggi   che c'entrano ??

Iberica ..la vera  
Commento di Andrea Guardione inserito Gio, 11/05/2006 15:28

E’ curioso pensare che affrontando nel modo giusto i problemi di una zona, si ha il potere di indicare la direzione corretta alla risoluzione dei problemi che affliggono una città come Milano.
Una delle questioni nodali  di Milano, anche senza leggere gli articoli che quotidianamente escono sui giornali, a mio parere, è la difficile mobilità, traffico congestionato e conseguente cattiva qualità dell’aria che respiriamo.
E’ evidente che Milano difetta di numero di linee metropolitane, ma questa è una questione che ha bisogno, come credo,  di una pianificazione che va oltre i confini della singola zona.
Ormai siamo tutti consapevoli, e guai a chi non lo ammette, che per i piccoli e medi spostamenti a Milano, soprattutto in senso radiale, la bicicletta è il mezzo più veloce! (è anche il più ecologico ed economico).
Da qualche anno a questa parte molti  milanesi, consapevoli di questo, hanno incominciato a preferire la bicicletta all’automobile, ma si sono trovati a lottare contro un’aria sempre più irrespirabile (la farsa dell’eco-diesel), un traffico sempre più caotico ed arrogante (i Suv non li posso vedere) e le strade  solo pensate  per l’uso automobilistico!
Albertini una volta ha detto che Milano è dotata di un gran numero di piste ciclabili (credo abbia detto che la nostra città ha  60 chilometri dedicati al traffico su bici).
Che siano 60 o 40 non importa, quello che importa è che sono per lo più  frammenti isolati spesso tortuosi realizzati dalla nostra amministrazione allo scopo di pulirsi la coscienza o per compiacere chi la bicicletta non la usa!
 Provate voi a pedalare contro vento, in leggera salita, carichi della spesa e percorrere una di quelle “piste ciclabili” in ghiaia! (vedi “pista ciclabile”in viale Campania/Molise).
 Se come credo, Vito Redaelli ritiene necessario incentivare il traffico ciclistico in zona quattro ed in generale a Milano attraverso una seria politica di pianificazione e di disegno di piste ciclabili, anche a scapito dei parcheggi,  io lo voto!

Commento di guido celada inserito Gio, 11/05/2006 15:51

Complimenti, con 10 parole sei riuscito a suscitare un vero dibattito!!

 L.

Commento di Lorenzo Lipparini inserito Mar, 23/05/2006 19:41