.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 91 ospiti collegati
.: Discussione: Blocco domenicale delle auto: Waterloo del Comune di Milano contro l’inquinamento.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Enrico Vigo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Enrico Vigo il 27 Feb 2010 - 08:45
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
FERMO DI DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010, altra buffonata.

Scontro titanico agli antipodi MORATTI-FORMIGONI sulle diverse vedute rispetto al fermo auto di domenica, con Formigoni terrorizzato di perdere anche un solo voto a causa della delibera che determinerà in piena campagna elettorale un fermo, che i più dotati di senno sanno bene che serve solo agli amministratori comunali per guadagnare punti a loro favore, quando e se la Magistratura dovesse indagare sul loro operato per contrastare l'inquinamento.

In realtà è chiaro a tutti che la misura è un timidissimo palliativo.

Intanto, dopo la vergogna ambrosiana dei cantieri lumaca del prolungamento metrò MM2(verde)-Famagosta-Assago, il Vice Ministro Castelli ci dice apertamente che per tutto il 2010 (e chissà per quanto ancora) non ci sono soldi per il prolungamento MM3(gialla)-SanDonato-Paullo.

Con gli sprechi e ruberie che sappiamo esserci in Italia (ultimo il triste capitolo, appena scoperchiato dalla Magistratura, della Protezione Civile a guida Bertolaso che ci lascia tutti sgomenti e preoccupati, in piena Era Berlusconiana), e con l'evasione fiscale alle stelle, con l'imperterrita esportazione di capitali per nulla fermata, è mai possibile che non si possano trovare i denari per opere di questa strategicità sociale, logistica, ambientale, urbanistica etc. etc. come i metrò, che servirebbero, in periodi di recessione economica, a rilanciare l'economia?

Domando questo ai Cavalieri del Popolo della Libertà, Formigoni, Moratti, Castelli, Brunetta, Tremonti, allo stesso Berlusconi, perchè sono stufo di leggere sui giornali quotidiane miserie di chi è in tutt'altro affacendato, quando i problemi degli italiani e dei milanesi non trovano mai soluzioni nè veloci, nè intelligenti.

Ha ragione S.E. il Cardinale Bagnasco (Presidente CEI), bisogna cambiare "musica e musicanti" (tutti a casa!), e intanto domenica la passerò ad imprecare contro l'ennesima presa in giro colossale ai milanesi e lombardi a firma Centrodestra, dove in casa regna pasticcio e confusione come mai prima.
 
Enrico Vigo
In risposta al messaggio di Enrico Vigo inserito il 20 Feb 2010 - 12:51
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]