.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 34 ospiti collegati
.: La DONNA OGGETTO in pubblicità e nei media
Segnalato da:
Antonella Fachin - Domenica, 17 Gennaio, 2010 - 18:16
Di cosa si tratta:
LA DONNA OGGETTO

in pubblicità e nei media

Venerdì 29 Gennaio ore 20.30

Convegno Casa della Cultura - Via Borgogna 3 - Milano

Le donne si rispecchiano nei manifesti che tappezzano i muri delle città?

Gli uomini come giudicano la pubblicità sessista?

I genitori sono contenti di offrire questi modelli culturali ai loro figli?

Il Coordinamento Donne IDV Milano Città organizza alla Casa della Cultura di Milano il convegno

LA DONNA OGGETTO in pubblicità e nei media per approfondire e arginare il fenomeno della mercificazione dell’immagine femminile, proponendo soluzioni legislative in grado di colmare le lacune italiane. Un incontro interattivo aperto al pubblico durante il quale interverranno:

Ico Gasparri*, artista sociale che da vent’anni fotografa i manifesti stradali discriminatori e lesivi della dignità della donna, illustrerà alcuni esempi di pubblicità sessista coinvolgendo il pubblico in un dibattito a più voci.

Chiara Volpato**, Docente ordinario di Psicologia sociale all’Università Bicocca di Milano, parlerà dell’influenza che la pubblicità sessista esercita sugli uomini e sulle donne, con particolare attenzione alle giovani generazioni.

La Sen. Giuliana Carlino e la Sen. Patrizia Bugnano, Parlamentari dell’Italia dei Valori, informeranno i cittadini dei prossimi progetti legislativi in materia: punto di partenza normativo la Relazione del Parlamento Europeo sull'impatto del marketing e della pubblicità sulla parità tra uomini e donne (2008/2038 INI ) del 3 settembre 2008.

*Ico Gasparri

Artista sociale e autore dell’opera fotografica "Chi è il maestro del lupo cattivo?" in vent’anni di lavoro ha creato un repertorio di oltre 4000 scatti: squarci di città e frammenti di grandi manifesti pubblicitari in cui la donna è utilizzata come oggetto per reclamizzare prodotti. Nel 2009 ha presentato alla Camera del Lavoro il Protocollo contro la pubblicità sessista, e oggi è presidente dell’Associazione PCPS Protocollo Contro la Pubblcità Sessista (vedi allegato).

"Ho scoperto in tutti questi anni che sono in tanti e in tante a essere schifate di questo fenomeno. E nessuno di loro mi sembrava spinto da sentimenti moralistici..."

Ico Gasparri,
da Diario
**Chiara Volpato

Docente Ordinario di Psicologia sociale all’Università Bicocca di Milano, è anche l’autrice del famoso articolo pubblicato sul New York Times il 27 agosto 2009 Italian Women Rise Up (Le donne italiane si ribellano), in cui ha invitato le donne a protestare pubblicamente contro un sistema e una mentalità sessista. Oltre 15 mila donne italiane hanno firmato il suo appello "Il comportamento del premier offende le donne".

"Perché quello che sta accadendo oggi nella società italiana è il ritorno di un sessismo ostile a tutte le donne che mostrano competenze, che rifiutano lo stereotipo di ornamento sia nei talk show che nella vita reale. In molti paesi europei, per non parlare degli Stati Uniti, il sessismo è in diminuzione, da noi è in aumento. E sono proprio alcuni politici ad esserne i portavoce".

Chiara Volpato
Convegno Donne della realtà, da la Repubblica
Le opinioni della stampa

"Ma le donne italiane sono davvero tutte, o nella loro maggioranza, disponibili a questa subalternità al desiderio maschile? Io non lo credo. Penso, al contrario, che in maggioranza le donne italiane stiano da tempo perseguendo un’altra strada. Quella della propria realizzazione come individui liberi e responsabili, attraverso una faticosa combinazione tra studio, organizzazione della vita familiare, maternità e lavoro..."

Miriam Mafai, la Repubblica

"La professoressa Chiara Volpato ha scelto il New York Times per esprimere la sua frustrazione di fronte al comportamento di Papi. Chiama le donne a protestare pubblicamente e veentemente contro un sistema e una mentalità sessista. Che rende i ruoli di politico e di velina perfettamente equivalenti nella testa delle giovani italiane..."

L’espresso

"Incredibile galleria di "pezzi di carne, usati ed abusati per reclamizzare prodotti più o meno pertinenti o addirittura marchi commerciali e concetti astratti."

la Repubblica

Se è vero che non è solo la modella magra che fa la ragazza anoressica, o la ragazza seminuda che sprona lo stupratore, è anche vero che, considerando questi dati, non vale la pena mostrare stereotipi sessisti. Soprattutto se l'obiettivo è quello di vendere una macchina o un detersivo.

MB News

"Anche se il pubblico non è passivo, non si può ignorare infatti la potenza e la forza che possono avere certe immagini, che in sé per sé sembrano essere completamente innocue... ma che se ripetute frequentemente possono portare a una concezione sbagliata dei ruoli."

Pace & Diritti Umani

C’è un concetto che si chiama dignità. Dignità umana, culturale e professionale. Credo che questo concetto, riferito alle donne, sia stato ultimamente troppo tradito dai mezzi di comunicazione, in un processo a valanga che sta travolgendo tutto e tutti, consci ed inconsci.

RAINews 24

"Da qualche tempo esiste un’organizzazione che ha preso il nome di Associazione Protocollo Contro la Pubblicità Sessista. Con lettere, appelli, azioni dimostrative e consumo critico denuncia l’uso offensivo della femminilità."

Famiglia Cristiana

"Nuda ambizione è il titolo dell’inserto culturale del Financial Times di sabato scorso, interamente dedicato al nostro paese. Sotto accusa sono l’industria dello spettacolo e quella pubblicitaria che svestono donne in ogni dove. Il quadro dipinto è quello di un’Italietta fatta di massaie e veline, le prime intente a fare tagliatelle, le seconde ad esibire il fondoschiena."

La Stampa


"Ma cosa possono fare di concreto le donne italiane? Un passo importante è far conoscere le voci di dissenso; un compito difficile considerato che la vera libertà di stampa è limitata a pochi giornali indipendenti e, questo è importante, a internet. Dobbiamo iniziare a lavorare a una sistematica documentazione dei casi di discriminazione contro le donne.

Abbiamo anche bisogno di una maggiore organizzazione. I gruppi esistenti che potrebbero meglio condividere e impegnarsi nel dissenso (come il Partito democratico all'opposizione, che sembra distratto dalle battaglie interne) non sono stati sensibili ai molti segnali dal basso. Le donne devono esercitare molte più pressioni sui partiti di opposizione affinché rappresentino le loro richieste.

Ma soprattutto le donne (e gli uomini) che si oppongono al sessismo devono prendere posizione con più sicurezza. Il nostro Paese, per lungo tempo definito dalla sua antiquata attitudine nei confronti delle donne, è pronto a scendere in piazza".

Chiara Volpato,

estratto dall’articolo "Italian Women Rise Up" ("Le donne italiane si ribellano")

del New York Times, 27 agosto 2009

Dove:
Casa della Cultura, via Borgogna 3, Milano
Quando:
Da Venerdì 29 Gennaio - 20:30 a Venerdì 29 Gennaio - 23:00
Chi organizza:
Il Coordinamento Donne IDV Milano Città