.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 37 ospiti collegati
.: Discussione: Il Comune di Milano sembra intenzionato a rinunciare alla Difesa Civica a Milano

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 16 Feb 2010 - 14:58
accedi per inviare commenti
Per completezza di informazione, desidero pubblicare l'intervento del consigliere comunale Basilio Rizzo nell'apprendere dello smantellamento del Difensore Civico da parte del comune di Milano.
E' un po' datato, ma le considerazioni restano attuali: nel 2011 ci ritroveremo tutti senza difensore civico, grazie al governo di centro-destra, così moderno e così riformista da voler eliminare le uniche istituzioni a difesa dei diritti dei cittadini o nelle quali i cittadini hanno diritto di partecipare e dire la loro.

In marzo ci saranno le ELEZIONI REGIONALI: spero che i cittadini di Milano vorranno tenerne conto.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliera di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
Facebook: Antonella Fachin
----------------------------------------------------

INTERVENTI AI SENSI DELL’ART. 21
SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 11 GENNAIO 2010
Presiede Palmeri Manfredi - Presidente del Consiglio
Partecipa il Segretario Generale Giuseppe Mele
Omissis

Il Presidente Palmeri dà la parola al consigliere Rizzo.
Il consigliere Rizzo così interviene:
. . .
“Terza questione - e sto nei tempi -, è la Difesa Civica. Io non credo che si tratti di difendere questo Difensore Civico, anche se io lo difenderei, sul piano personale, ma credo che noi non possiamo accettare che la Città di Milano sia privata dell’Ufficio di Difesa Civica, cioè voglio sapere che cosa noi facciamo in difesa dei nostri concittadini, perché possiamo anche sostituire il Difensore Civico, possiamo trasferirlo al Comune istituzionalmente, ma l’Istituto della Difesa Civica, signor Presidente, credo che il Consiglio Comunale lo debba garantire ai suoi cittadini e non c’è Norma che venga presa perché altrimenti impugniamo questa Norma, noi, come Consiglio Comunale, di una Legge del Governo, perché non credo che noi possiamo fare passare la linea secondo la quale gli Organismi che sono dalla parte dei cittadini, siano il costo della politica e, invece, tutto il resto no! Quando si tratta di risparmiare per la politica bisogna tagliare i Consigli di Zona, cioè le posizioni più vicine ai cittadini, o il Difensore Civico che dovrebbe difendere i cittadini?
Mi pare che la morale che viene proposta attraverso questi provvedimenti, non possa essere accettata. Grazie”.
Il Presidente Palmeri così interviene:
“Grazie a lei, Consigliere Rizzo.
Mi sembra opportuno comunicare a lei e ai Consiglieri - a lei l’ho già fatto in sede di Conferenza dei Capigruppo - che mi impegno entro due giorni ad aggiornare i signori Capigruppo e tutti i Consiglieri sul tema del Difensore Civico.
Ci troviamo, Signori Consiglieri, davanti ad una situazione Normativa non perfettamente chiara, a detta di ANCI, peraltro, e non a detta nostra, è possibile, forse l’avete anche letto, che è confermato quanto vi anticipavo la settimana scorsa, cioè che è possibile che il Governo scriva un Decreto Legge all’interno del quale sia contenuto un riferimento, non so nel merito, ma certamente sul tempo di applicazione del dispositivo contenuto nel comma 2 della Legge Finanziaria, ricordo, votata dal Parlamento con l’ultima lettura al Senato e, proprio con l’Ufficio Legislativo del Senato, ci siamo attivati.
Ripeto: tra meno di 48 ore avremo tutti gli elementi, è un lavoro in cui sarò accompagnato dall’Ufficio di Presidenza perché durante l’ultima Conferenza dei Capigruppo così abbiamo stabilito.
Questo, soltanto per limitarci al tema del Comune di Milano, poi le considerazioni più generali su modifiche ordinamentali, attraverso Leggi Finanziarie, almeno le mie, sono sufficientemente note, nel senso che già in quest’Aula, più volte, ho detto come dispiace quando la parte ordinamentale e strutturale dell’ordinamento degli Enti Locali sia toccata, non attraverso la stesura di nuovi Codici, cosa che peraltro è auspicabile, ma attraverso interventi singoli, attraverso uno strumento improprio che è la Legge Finanziaria”.
Omissis
In risposta al messaggio di Antonella Fachin inserito il 13 Gen 2010 - 16:56
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]