.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 102 ospiti collegati
.: Discussione: Una via a Craxi: non è momento di riabilitazioni

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Alberto Liati

:Info Messaggio:
Punteggio: 9
Num.Votanti: 2
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Alberto Liati il 12 Gen 2010 - 21:29
accedi per inviare commenti
Ed ecco la peggior politica italiana all'opera.

Quella politica che considera "maggioranza" solo quella che gli elargisce i voti.

La politica che invece non si preoccupa minimamente della maggioranza contraria alle loro decisioni.

La politica che non si degna neanche di "scendere" dal piedistallo per parlare con gli elettori ma affida ad interviste di una mezz'oretta quello che considerano una spiegazione che deve bastare a giustificare tutto. E se la giustificazione non basta...chi se ne frega, tanto la decisione è presa lo stesso.

La politica che non perde occasione per dimostrare che il cittadino non conta nulla, che il potere è ormai saldamente in mano ad una casta intoccabile che si fa le leggi, si giudica, si assolve e si premia ad una distanza ormai abissale dalla gente "comune".

Quella politica che non conosce il significato delle parole vergogna, moralità, trasparenza, onestà, giustizia e, soprattutto, democrazia.

Quella politica che in qualsiasi altro paese civile e democratico non resisterebbe una settimana

Un plauso particolare anche a don mazzi per il fulgido esempio di correttezza, onestà e trasparenza, degno della miglior chiesa: secondo il suo pensiero, siccome in politica tutti hanno peccato, allora chiunque può essere beatificato e ricevere benemerenze, targhe e dediche di vie o piazze (basta che non siano periferiche che non è chic).

E' proprio un brutto periodo per questa povera italia e non vedo luci in fondo sl tunnel, tutt'altro.
E' in questi momenti che provo quella rabbia che raccontavo nel post di qualche giorno fa, la rabbia mista al senso di impotenza e schifo legato al dover accettare per forza le decisioni di una classe politica che non rappresenta più i cittadini onesti che credono nella correttezza e nella democrazia.

Saluti

PS nell'ultimo post avevo ragione: già tutto deciso, la figlioletta già sapeva tutto. Che nausea
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 12 Gen 2010 - 15:26
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]