.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 81 ospiti collegati
.: Discussione: Una via a Craxi: non è momento di riabilitazioni

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 4
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 11 Gen 2010 - 20:56
accedi per inviare commenti
Grazie per i suoi commenti, sig. Alberto: chiari, civili, ma fermi nella condanna di un comportamento, di un modo di condurre la politica e di autoassolversi che è un pessimo esempio per tutti i cittadini e una profonda ingiustizia nei confronti di coloro che rispettano le leggi dello stato italiano.

Per promemoria, riporto qui di seguito le condanne di Craxi (tratto da Wikipedia):

Craxi è stato condannato con sentenza passata in giudicato a:
5 anni e 6 mesi per corruzione nel processo Eni-Sai il 12 novembre 1996;
4 anni e 6 mesi per finanziamento illecito per le mazzette della metropolitana milanese il 20 aprile 1999.
 
Per tutti gli altri processi in cui era imputato (alcuni dei quali in secondo o in terzo grado di giudizio), è stata pronunciata sentenza di estinzione del reato a causa del decesso dell'imputato.
Fino a quel momento Craxi era stato condannato a:
4 anni e una multa di 20 miliardi di Lire in primo grado per il caso All Iberian il 13 luglio 1998, pena poi prescritta in appello il 26 ottobre 1999.
5 anni e 5 mesi in primo grado per tangenti Enel il 22 gennaio 1999;
5 anni e 9 mesi in appello per il Conto Protezione, sentenza poi annullata dalla Cassazione con rinvio il 15 giugno 1999;
3 anni in appello bis per il caso Enimont il 1° ottobre 1999;
Craxi fu anche rinviato a giudizio il 25 marzo 1998 per i fondi neri Montedison e il 30 novembre 1998 per i fondi neri Eni.

Gerardo D'Ambrosio, coordinatore di Mani pulite, tempo fa dichiarò, dopo aver appreso che in Tunisia avevano dedicato una via a craxi: "in Tunisia facciano pure, ma in Italia no, nessuna via perché sarebbe andare contro la questione morale e del rispetto della legalità, principio su cui deve basarsi uno Stato civile e democratico".

Intitolargli una via? Direi che è più appropriato intitolargli un carcere!!!

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano

In risposta al messaggio di Alberto Liati inserito il 10 Gen 2010 - 19:10
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]