.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 38 ospiti collegati
.: Discussione: Per la costituzione di un circolo "Decrescita Felice" a MILANO

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Fabio Cremascoli

:Info Messaggio:
Punteggio: 29
Num.Votanti: 6
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Fabio Cremascoli il 14 Dic 2009 - 12:40
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Anche a Milano i tempi sono  maturi per cominciare a discutere di "Decrescita Felice" (altrimenti detta "sobrietà felice") e di "Iniziative di transizione".
I concetti di decrescita e di sobrietà si disseminano infatti sempre più nella società milanese  tanto che persino la Chiesa ha spesso invitato i cittadini, gli stessi bambini, a una maggiore solidarietà e a stili di vita più sostenibili, in epoca di crisi.
Tra i fautori di questa condotta vi sono persone di diversa provenienza culturale e politica con a cuore i problemi del picco del petrolio, dei cambiamenti climatici e della società, che affermano un nuovo paradigma di sviluppo di tipo qualitativo e non quantitativo, da perseguire dal basso, con un coinvolgimento consapevole delle persone nella cosa pubblica.
Ciò che differenzia questo modo d’agire da quello dell’ecologismo tradizionale è una trattazione di tipo non conflittuale dei problemi  economici, sociali e ambientali, per cui il cambiamento non può avvenire se per primo non si modificano i rapporti di fondo tra le persone, nel senso di una maggiore coesione sociale e della "costruzione" di una visione di futuro condivisa.
Questa rivoluzione apparentemente innocua si comincia dai piccoli gesti quotidiani come autoprodurre in casa yogurt e pane, scambiarsi del tempo o cose con il baratto, fare acquisti collettivi o a km 0, coltivare orti urbani, evitare gli sprechi (energetici, di cibo…), riciclare, riparare le cose, ecc.
Chi vi aderisce si fa promotore di soluzioni semplici ed efficaci che possono incidere sul sistema della produzione e dei consumi,  per realizzare uno “sviluppo soft” della collettività, basato su una più armonica integrazione delle funzioni umane con quelle dell’Ecosistema.
Il Gruppo della decrescita felice di Milano potrà portare contributi attivi nel dibattito cittadino, sia per migliore la qualità attuale della vita urbana che per realizzare insieme un futuro più giusto e sostenibile per le nuove generazioni.

Chi fosse interessato alla costituzione di un circolo MDF (Movimento Decrescita Felice) a Milano può inviare una email a: perterra@gmail.com. Sono previsti incontri nel 2010 per la creazione di un gruppo-guida.
Per saperne di più su questi temi leggi l'articolo di Maurizio Pallante, presidente nazionale MDF, qui