.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 48 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Link

.: Per una Zona 3 aperta, solidale e partecipata
Inserito da Alberto Farina il Mar, 02/05/2006 - 21:41
La mia lista:
L'Ulivo
Simbolo lista:
Per una Zona 3 aperta, solidale e partecipata
Dove mi candido:
Consiglio di Zona 3 (Porta Venezia - Città Studi - Lambrate)
Foto Candidato:
Per una Zona 3 aperta, solidale e partecipata
Io in breve:
Ho 41 anni e sono sempre vissuto a Milano.
Sono docente di ruolo di Lettere presso il Liceo Classico Carducci di Via Beroldo. Cerco di svolgere il mio lavoro con passione, coniugando la competenza disciplinare con un atteggiamento di apertura verso  i miei studenti.
Mi piace molto leggere, dallla narrativa alla poesia, alla saggistica storica e politica.
Apprezzo molto anche il cinema, in particolare i film che hanno come protagonisti bambini e ragazzi: il mio cult movie è "Stand by me".
Un'altra mia passione è la musica tradizionale italiana. 
La cosa più bella che mi è accaduta in questi ultimi mesi è di essermi fidanzato con Fulvia.
Una delle frasi che più mi piace è tratta dal "Piccolo Principe": ciò che conta è invisibile agli occhi, non si vede che col cuore.
Cosa ho fatto finora nella vita:
Nel 1989 mi sono laureato in Lettere Classiche presso l'Università Cattolica di Milano;  nello stesso anno ho cominciato la mia carriera di insegnante che mi ha portato in diverse scuole sia di Milano che della provincia (medie inferiori, liceo scientifico e classico, istituto professionale di stato).
Mi sono dedicato anche ad un'attività di animazione culturale rivitalizzando per alcuni anni il Cinema Casoretto grazie ad una significativa programmazione d'essai.
Nei primi anni Novanta  è nata anche la mia passione per la politica con la mia partecipazione al "Movimento per la Democrazia - La Rete", fondato fra gli altri da Leoluca Orlando e Nando Dalla Chiesa; di tale movimento avevo condiviso l'esigenza di un rinnovamento, prima di tutto morale, della vita politica italiana e l'intuizione della necessità di un incontro fra culture politiche nate da matrici culturali diverse, laiche e cattoliche.
Nel 2001  sono stato eletto Consigliere di zona 3 nella "Margherita - Democrazia è libertà" a cui ho aderito in quanto ho visto in essa il "motore" del processo di aggegazione delle forze democratico/riformiste del centrosinistra. Mi sono occupato soprattutto di cultura, scuola, territorio e viabilità e, insieme agli altri Consiglieri del centrosinistra, con cui ho cercato di creare una forte intesa a livello politico, ho contrastato l'operato del centrodestra, caratterizzato da un totale appiattimento sulle scelte delle Giunta Comunale, anche quando esse contrastavano palesemente con gli interessi della cittadinanza.  Inoltre ho cercato di valorizzare alcune realtà associative e di volontariato operanti sul territorio e ho seguito i problemi legati all'edilizia scolastica.
Mi  sono battuto contro l'ampliamento della Clinica Santa Rita, scelta insensata in quanto privilegiava l'interesse di un privato a scapito dell'equilibrio del territorio della intera Zona e contro il Parcheggio sotterraneo di Piazza Aspromonte che avrebbe stravolto una delle più significative aree verdi dei nostri quartieri.
Infine ho attuato una minuziosa opera di controllo sulle delibere di spesa votate dalla maggioranza, contestandone la logica della distribuzione a pioggia.
Vi spiego perchè mi candido:
Credo che l'esperienza che ho accumulato nei cinque di consiliatura anni appena finiti non debba essere dispersa. Infatti ho potuto farmi un'idea delle principali problematiche dei quartieri della Zona 3 e del funzionamento della complessa macchina amministrativa del Comune di Milano. Ho anche potuto rendermi conto della volontà di partecipazione dei citttadini che deve trovare però da parte dell'istituzione un'interlocuzione significativa.
La Lista Unitaria dell'Ulivo (nella quale sono confluiti i Democratici di Sinistra e La Margherita) deve essere lo strumento di una politica nuova, che superi decisamente il modello dell'"amministrazione di condominio", proposto da Albertini e dalle sue Giunte, e sappia pensare in grande per i cittadini e attraverso i cittadini.
I miei obiettivi
  • Rafforzamento dei poteri dei Consigli di Zona e dei finanziamenti a loro disposizione da utilizzare a favore delle realtà operanti nel territorio
  • Ampliamento della  partecipazione della cittadinanza alle decisioni sulla Zona in modo tale che  esse non vengano prese “senza” i cittadini, nè tanto meno “contro” di loro
  • Valorizzazione delle associazioni che, nei diversi ambiti, operano nel territorio, anche attraverso la creazione di Consulte che ne agevolino il rapporto col Consiglio di Zona
  • Pianificazione e controllo dello sviluppo urbanistico ed  edilizio contro la cementificazione selvaggia del territorio;costruzione di parcheggi sotterranei solo in aree tali che non venga compromessa la vivibilità della Zona
  • Collaborazione fra il Consiglio di Zona e i “giacimenti culturali” presenti nel territorio (CNR, Università, Centri di Ricerca…) al fine di utilizzarne le competenze nell’affrontare i problemi della Zona
  • Controllo costante delle problematiche relative all’edilizia scolastica e agli edifici demaniali
    Potenziamento del verde e  degli spazi gioco; introduzione di periodiche attività di animazione  per bambini e ragazzi nei giardini della Zona
  • Conoscenza e fruizione da parte della cittadinanza del patrimonio storico - artistico presente in Zona (Abbazia di Casoretto, Vie del Liberty, Politecnico, Case dell’Umanitaria…)
  • Organizzazione di iniziative artistiche e culturali con particolare attenzione alle esigenze della popolazione più anziana, sovente in difficoltà a spostarsi autonomamente nel centro della città
E-Mail Candidato:
votafarina@hotmail.it
Allegato Descrizione
volantinofarina.pdf
36.54 KB
Volantino con la mia presentazione e i miei obiettivi