.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 160 ospiti collegati
.: Discussione: Abolizione dei Consigli di Zona: Appello al Ministro - eliminiamo i costi non la democrazia

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Isabella Guarini

:Info Messaggio:
Punteggio: 3
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Isabella Guarini il 23 Dic 2009 - 11:12
accedi per inviare commenti

@ Consigliere Alessandro Rizzo
 La ringrazio per  avere risposto, in modo esauriente,  al mio post sulla eliminazione dei Consigli di Zona, questione tutta aperta alle possibili soluzioni che  comunque si devono basare su due pilastri:  risparmio della spesa pubblica e ampliamento della  democrazia, anzi  modifica dell'attuale democrazia rappresentativa con quella partecipata. Se siamo d'accordo su  questi due  imprescindibili punti, allora  è possibile un dialogo per la ricerca delle soluzioni opportune. Anche se ognuno di noi abita in posti diversi d' Italia, è quasi un coro unanime sulla inefficacia dei Consigli Circoscrizionali, dal Nord al Sud. Perché le macchine amministrative degli enti locali sono macchinose e obsolete. A ciò bisogna aggiungere la non conoscenza del funzionamento, se pur vecchio,  delle varie istituzioni, a cui si  aggiunge l'analfabetismo tecnologico da parte di ampi strati sociali. Perciò non vi sono ricette assolute da propinare ma soltanto modi nuovi  per far avvicinare i cittadini alle istituzioni, anche in vista dell'applicazione del Federalismo fiscale e per rendere trasparente l'attività amministrativa a cominciare dal Bilancio Comunale. Sfido chiunque a capirci qualcosa nei voluminosi  bilanci  prodotti dalle Amministrazioni comunali. Fino a quando  la produzione di provvedimenti che ricadono sui cittadini  direttamente non saranno  di facile consultazione, non si potrà fare a meno della mediazione di numerose rappresentanze che appesantiscono la democrazia.
L'aggiornamento tecnologico è la strada per innovare non solo la democrazia e la politica, ma anche le competenze personali nel mondo del lavoro e dell'economia globale.
In risposta al messaggio di Alessandro Rizzo inserito il 22 Dic 2009 - 19:28
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]