.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 91 ospiti collegati
.: Discussione: Consiglio comunale straordinario su Ecopass: portiamo la voce dei cittadini a Palazzo Marino?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Alberto Liati

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Alberto Liati il 2 Dic 2009 - 16:48
accedi per inviare commenti
Da tempo frequento blog e forum, sia da spettatore che da partecipante attivo e, personalissimo parere, credo che ormai sia ora di fare un passo avanti.
Mi spiego meglio: il 90% dei messaggi e' dedicato a convincere il mondo che il proprio stile di vita, i propri mezzi e le proprie convinzioni siano le migliori e che quindi tutto il mondo debba essere convertito a tali usi e costumi.
I pedoni vorrebbero tutti a piedi, i ciclisti tutti in sella, i motociclisti tutti su moto/scooter, gli automobilisti vorrebbero tutto asfaltato.
Convincere con i post che la bicicletta sia la panacea di tutti i mali, molto probabilmente non porta a nulla. Anche perche', seguendo questa strada, allora io rispondo che soffro di sudorazione eccessiva e, anche in pieno inverno, se andassi in bicicletta arriverei a destinazione madido di sudore. Che faccio? Mi porto il cambio? E come me, chiunque altro porterebbe mille altri esempi di impossibilita' oggettiva e, come sempre, non si giungerebbe a nulla.
Anche il discorso "salutistico" regge poco. Tutti sappiamo che l'attivita' fisica e' positiva, ma pochi la fanno e non credo che solo leggendo il messaggio del sig. Giuliano, domani frotte di persone combatteranno il sovrappeso andando al lavoro in bicicletta ("oh, caspita, a questo proprio non avevo pensato!").

Forse e' il caso di fare un passo avanti, cioe' iniziare a ragionare e lavorare insieme per poter dare a tutti la possibilita' di seguire il proprio credo e, forse, le cose si sistemerebbero da sole

Oggi i piu' penalizzati sono i pedoni, poi i ciclisti, poi i motociclisti e, oggettivamente, gli automobilisti se la cavano benino (quantomeno stanno seduti comodi anche se in coda).

Una citta' piu' umana e civile dovrebbe tenere in considerazione tutti i bisogni di tutti i cittadini e di conseguenza fornire il meglio per ciascun componente della societa'.
Piu' mezzi, piu' frequenti e piu' convenienti per i pedoni.
Piu' piste ciclabili e percorsi protetti per i ciclisti, inclusi posti sicuri dove parcheggiare i velocipedi
E cosi' via per motociclisti, automobilisti ecc.
E, soprattutto, facilitare l'utilizzo "misto" (tratto in auto, parcheggio, tratto in bici o con i mezzi, ecc.)

A questo punto la gente iniziera' a vedere i veri vantaggi dei singoli mezzi di locomozione e ci sara' piu' gente che utilizzera' il metodo piu' conveniente/efficace per i propri spostamenti.

Beh, e' solo un'opinione, niente di piu'!

Saluti

In risposta al messaggio di Giuliano Gavazzi inserito il 2 Dic 2009 - 09:59
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]