.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 33 ospiti collegati
.: Discussione: Consiglio comunale straordinario su Ecopass: portiamo la voce dei cittadini a Palazzo Marino?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Davide Gaieni

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Davide Gaieni il 2 Dic 2009 - 15:12
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Sig. Gavazzi,

L'ho già detto e lo ripeto: io considero la bicicletta un buon mezzo di trasporto a breve e brevissimo raggio (da 1 a 6 km circa) per la città. Solo che non lo considero il migliore perchè non permette la libertà di spostamento a medio raggio ed interurbano (da 6 a 50 km con uno scooter, fino a 300 km con una moto) che si può avere con una due ruote motorizzata...
Punto.
Spostare più gente sulle biciclette non risolverebbe che in minima parte il problema del trasporto, del traffico e dei parcheggi. Anzi! Semmai lo potrebbe aggravare! Perchè se tutti un domani decidessero di spostarsi in bicicletta, dovrebbero avere un posto dove lasciare ferma la macchina. E questo posto NON C'E'. Le automobili in movimento contribuiscono, per quanto possa sembrare assurdo, ad evitare l'ammassamento delle vetture ai lati delle strade e sui marciapiedi. E quando sento dire che passando alla bici, in molti non comprerebbero più l'auto, mi viene da sorridere! Perchè evidentemente non si ha ben presente quanta libertà di spostamento ha garantito e garantisce tutt'ora l'automobile agli italiani. E se è vero che è auspicabile che si vada ad affermare un paradigma della mobilità maggiormente imperniato sul trasporto collettivo, è altrettanto vero che i mezzi di trasporto privati sarà estremamente difficile che "passino di moda" anche nei decenni a venire. Ed è giocoforza che tali mezzi privati, siano essi diesel, a benzina, elettrici, nucleari, psicocinetici o chissà cosa, da qualche parte prima o poi dovranno essere parcheggiati.
Quindi, se si  vuole fare in modo di iniziare a risolvere il problema, in un verso o nell'altro, occorre affrontarlo in modo pragmatico.
Significa partire dal dare una risposta pratica alle necessità ATTUALI di parcheggio e traffico prima di pensare a dirottare la mobilità su mezzi di trasporto alternativi all'auto, siano essi le biciclette o i mezzi pubblici.
Pensare di "obbligare" prima la gente a disfarsi dell'auto è una posizione ideologica ed assolutamente inattuabile.
In risposta al messaggio di Giuliano Gavazzi inserito il 2 Dic 2009 - 09:59
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]