.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 33 ospiti collegati
.: Discussione: Consiglio comunale straordinario su Ecopass: portiamo la voce dei cittadini a Palazzo Marino?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Alberto Liati

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Alberto Liati il 18 Nov 2009 - 23:39
accedi per inviare commenti
Il problema è sempre il solito: non si possono combattere inquinamento (che, ripeto, è in costante calo da anni comunque) e traffico senza una strategia di breve, medio e lungo termine.
Negli ultimi anni si sono viste decine di iniziative fatte a casaccio, mal copiate dall'estero senza tener conto del contesto, l'una in contrasto con l'altra e chiaramente legate a questioni di "immagine", di "consenso" o di "interesse".

Un esempio eclatante è il ridicolo ecopass. Una manciata di chilometri quadrati dove è stato ipoteticamente alleggerito il traffico al centro di una zona immensa intasata di traffico.
E come l'ecopass sono ridicole, quando non indecenti, tutte le iniziative per "disincentivare l'uso dell'auto" senza al contempo creare efficaci alternative al traffico privato.
Allargare i dismisura i marciapiedi creando strozzature nel traffico ottiene il risultato esattamente opposto: l'ingorgo perenne e la ricerca di percorsi alternativi, magari più lunghi (e quindi più inquinanti) per evitare le code create ad arte.
E ancora:
Che senso ha disincentivare l'uso dell'auto e poi aprire decine di cantieri per la costruzione di parcheggi in zone centrali e semicentrali?
Che senso ha chiedere l'allargamento della zona ecopass e poi progettare un tunnel automobilistico con uscite in pieno centro?
Che senso ha inserire rotonde ad una corsia alimentate da strade a 2-3 corsie (ad esempio la rotonda in viale ortles)?
Che senso ha costruire fermate della metropolitana (assago) e poi lasciarle chiuse per lustri in attesa dell'arrivo della metropolitana?
Che senso ha continuare ad autorizzare nuove costruzioni e nuovi quartieri senza aver prima provveduto ad attivare i servizi pubblici?
Che senso ha chiedere ai cittadini di muoversi con i mezzi pubblici e poi lasciare i servizi di trasporto pubblico locale in mano a delle concessionarie senza obbligo di livelli minimi di servizio (mi riferisco a tutta la zona sud di milano e, da qualche intervento su altri forum, anche alla nord).

E' bello spostare la fiera di milano in periferia, peccato che ci si sia "dimenticati" di costruire per tempo svincoli e accessi trasformando le tangenziali a nord di milano in un incubo durante le fiere più attrattive.
E' meraviglioso combattere traffico ed inquinamento, ma tutto ciò ha un senso se si continuano ad autorizzare concentrazioni indecenti di megacentri commerciali e supermercati in zone ormai all'interno di milano? (zona lorenteggio-corsico-trezzano con il micidiale mix ikea-esselunga-decathlon-emmelunga-divaniedivani-bricocenter-unieuro-auchan e un'altra dozzina di negozi vari di abbigliamento in un chilometro scarso e con una sola strada di accesso).
Tutto questo ha due sole possibili spiegazioni: classe politica con "interessi" diversi rispetto ai cittadini o classe politica decisamente impreparata e scarsamente professionale. Delle due, non saprei quale scegliere per sentirmi meno deluso/arrabbiato.

Io abito in inghilterra e, tanto per fare un esempio, solo per decidere se fosse più efficace un misuratore di velocità o dei dossi, sono state fatte interviste e distribuiti questionari a tutti quelli che transitavano sulla strada per una settimana intera a diverse ore del giorno.
A milano si decide cosa fare senza neanche fare una telefonata. Si decide dalla mattina alla sera (vedi caso decorato) di cambiare progetti già operativi e finanziati senza chiedere nulla a nessuno (e non so se avesse ragione croci o se abbia ragione decorato...per me hanno parzialmente torto tutti e due).

Concludendo, apprezzabilissimo questo tentativo di aprire gli occhi a questa classe politica non vedente (o forse molto selettiva nel vedere le cose), ma speriamo che le cose cambino e che soprattutto si riesca a vedere uno straccio di strategia, con obiettivi specifici e misurabili e, soprattutto, strategie messe in pratica da persone preparate e professionali e non dai soliti "protagonisti da conferenza stampa" senza seguito.
Saluti
Alberto
In risposta al messaggio di Enrico Fedrighini inserito il 18 Nov 2009 - 11:02
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]