.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 37 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
.: Pierluigi Fiorentini
Inserito da Pierluigi Fiorentini il Mar, 02/05/2006 - 06:09
La mia lista:
Lista Ferrante
Simbolo lista:
Pierluigi Fiorentini
Dove mi candido:
consiglio di zona 5
Foto Candidato:
Pierluigi Fiorentini
Io in breve:
Ho scelto di far parte della lista Ferrante, pur non appartenendo ad alcun partito politico,  per contrastare un governo milanese che in questi ultimi anni non è stato all’altezza di offrire nulla ai cittadini se non traffico, inquinamento,  incertezze sulla sicurezza, mezzi pubblici scarsi. Non dimentichiamo inoltre che questa giunta si è cimentata in privatizzazioni selvagge restringendo sempre più lo spazio di vivibilità della gente.
Cosa ho fatto finora nella vita:
Io, come altri di questa lista, vengo dal mondo dei comitati di quartiere che lavorano trasversalmente sui problemi e le tematiche della città.
Vi spiego perchè mi candido:
La zona 5  che prima abbracciava soprattutto il quartiere dei navigli con le vecchie case di ringhiera del ticinese, oggi si spinge sino all’estrema periferia sud di Milano. In questo modo l’eterogeneità del territorio rende più difficile l’attenzione e l’esame globale di tutta la zona. Abbiamo una zona 5 a nord ormai mutata rispetto a pochi anni fa, dove ora si vedono cantieri per lavori cosiddetti di recupero, ma che di fatto sono di dubbia utilità e,   oltretutto, creano non pochi disagi ai residenti. Nel contempo esiste una città fatta di divertimenti dove viene travisato l’aspetto popolare e pittoresco che ha sempre contraddistinto il suo carattere di unicità in tutta la città di Milano, dove il traffico l’ha sempre fatta da padrone, oggi è peggio di prima con l’aggravante che con il pretesto della privatizzazione del sottosuolo nessuno sa dove parcheggiare la macchina.  Ritengo che una buona politica sulla viabilità del quartiere, ciò che non è mai stato fatto, è irrinunciabile. Nella zona 5 a sud , con i residuati delle vecchie cascine alcune delle quali ristrutturate, le case  dell’Aler dove la vivibilità lascia sempre più a desiderare, gli abitanti debbono convivere con rogge e corsi d’acqua inquinati e sempre più discariche abusive senza contare il problema della sicurezza che rende la periferia luogo di emarginazione e malcontento. Portare attenzione per un ambiente più vivibile fa parte anche questo dei miei intenti.  
Il contenimento dei locali notturni nella zona navigli sarà uno dei miei obiettivi allo scopo di renderli più utilizzabili dai residenti. Non ha senso che si possa bere un caffè soltanto  alle tre di notte mentre alla domenica pomeriggio questi locali sono chiusi. Sono spazi  che non servono a niente se non per quelli che vengono da fuori e non risolvono il problema del quartiere.      
Si può  dire che sono nato in questo quartiere, e negli anni ’80 ho iniziato le battaglie nel parco di via Tabacchi che si chiamava Area Baravalle, e infine sono riuscito farlo chiamare  Parco Baravalle . Inoltre ho combattuto per evitare che venisse costruito un complesso edilizio. La battaglia è stata all’ultimo sangue sostenuta con l’aiuto trasversale di esponenti di tutti i partiti politici, battaglia che ho vinto io. Ma non so per quanto tempo dato che i tentacoli dell’Università Bocconi stanno strangolando sempre più l’intero quartiere. Se sarò eletto punterò sul degrado, l’urbanistica, il  traffico e la mobilità, ma anche per ottenere spazi e ritrovi per il tempo libero. Ho molte idee a  favore dei  residenti, e spero che i consigli di zona potranno avere maggiori poteri per poterle realizzare
Oggi si paga troppo tutto, e anche questo non lo trovo giusto. Non è giusto che nelle strade, a fianco dei marciapiedi, vengano realizzate le strisce blu. I parcheggi a pagamento devono offrire  un servizio anche di custodia, mentre così sono solo un balzello in più a quello che  già paga sin troppo l’automobilista. In proposito sono in procinto di studiare varie soluzioni sulla base delle vere esigenze dei residenti.
Lo schieramento che ho scelto e’ sano,  pratico,  ed efficiente, é senza tanti preamboli demagogici e luoghi comuni fatti di stupide promesse elettorali. Io, assieme ai candidati con i quali condivido  questa lista  lavoriamo  soprattutto per la gente, per il territorio e la sua vivibilità.
Fiorentini Pierluigi
Allegato Descrizione
POGRAMMA ELETTORALE.doc
99.5 KB