.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 25 ospiti collegati
.: Discussione: Circa i Rom al Rubattino

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 2 Dic 2009 - 10:33
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Oggi mercoledì 2 dicembre alle 18, partirà da piazza San Babila verso Piazza della Scala una FIACCOLATA, organizzata dall'associazione Milano Città Aperta, per:
- denunciare il carattere brutale degli sgomberi di via Rubattino e via Forlanini
- sollecitare al più presto misure umanitarie nei confronti dei cittadini Rom sgomberati
- chiedere la cessazione di ogni politica di sgomberi forzati senza soluzioni alternative da parte dell'Amministrazione comunale che è responsabile con queste azioni dell’interruzione del processo di scolarizzazione di bimbi/bimbe di etnia rom.
Perché la convivenza pacifica si coltiva con il dialogo e la solidarietà, non con le ruspe.
Siamo tutti/e invitati/e a partecipare numerosi e a segnalare ad amici e parenti.
Mi raccomando facciamo TAM-TAM per essere in tanti!
Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
-----------------
Cari tutti,
dopo gli ennesimi brutali sgomberi delle settimane scorse dei campi Rom di via Rubattino e di
via Forlanini, Milano Citta' Aperta promuove una fiaccolata mercoledi' 2 dicembre alle ore 18 da
piazza San Babila a piazza Fontana.
Vi invitiamo a dare massima diffusione al testo dell'appello (qui di seguito) comprese tutte le
realta' che credete possano essere interessate a partecipare e/o aderire.
APPELLO
"Gentile Assessore Moioli, mio figlio vorrebbe sapere perché i bambini Rom hanno meno diritto
di lui di stare insieme alle loro mamme, ai loro papà e ai loro fratelli e sorelle"
"Non posso sentirmi rappresentata da autorità che violano i diritti dei più deboli, non è
questa la città che voglio!"
"Continuate a parlare del valore della famiglia e poi pretendete che le famiglie rom si
dividano donne e bambini da una parte, uomini dall'altra..."
Queste sono solo alcune delle frasi delle migliaia di mail che in questi giorni sono state inviate al vicesindaco De Corato, all'Assessore Moioli e al Prefetto Lombardi da centinaia e centinaia di cittadini di Milano indignati per lo sgombero del campo Rom di via Rubattino dello scorso 19 novembre e per quello successivo di via Forlanini del 26 novembre.
Sgomberi che hanno lasciato al freddo e senza un tetto centinaia di uomini, donne e bambini, senza prospettare per loro soluzioni alternative accettabili e condivise.  Sgomberi che soffiano sul fuoco per creare artificialmente una finta emergenza che nasconda i problemi reali di Milano.
Sgomberi che hanno interrotto preziosi percorsi di conoscenza reciproca tra cittadini italiani e Rom. Sgomberi che hanno negato ai bambini Rom di continuare ad andare a scuola assieme ai loro compagni italiani. Sgomberi che hanno violato i diritti (alla casa, alla salute, all'istruzione...) e le libertà fondamentali di centinaia di persone. Ma anche sgomberi che mai come in passato hanno suscitato l'indignazione e il rifiuto di una fetta consistente della cittadinanza milanese che ha deciso di affidare alle mail la proprie parole di sdegno e protesta.
Parole, che di fronte all'ostinato persistere del Comune nella medesima politica di chiusura e di rifiuto di ogni soluzione condivisa e concertata con la comunità Rom, invitiamo tutti a venire a ripetere e rendere visibili alla città in una
Fiaccolata in Piazza San Babila
mercoledì 2 dicembre alle 18
per denunciare il carattere brutale degli sgomberi di via Rubattino e via Forlanini
sollecitare al più presto misure umanitarie nei confronti dei cittadini Rom sgomberati
chiedere la cessazione di ogni politica di sgomberi ciechi dei campi Rom da parte dell'Amministrazione comunale.
Perché la convivenza pacifica si coltiva con il dialogo e la solidarietà, non con le ruspe!
Milano Città Aperta
Per adesioni: territorio.milanocittaperta@gmail.com
Prime adesioni
Associazione Todo Cambia
Gruppo di sostegno via Forlanini
Le Radici e le Ali Onlus
Rifondazione Comunista – Federazione Lombardia
Associazione Dimensione Diverse
Sinistra Critica – Milano
Centro Culturale multietnico La Tenda
Associazione Aria Civile
Arci Milano
Naga
Studio3R di Mediazione linguistica Culturale
Pdci – Federazione di Milano
Coordinamento ChiedoAsilo
Uniti con Dario Fo per Milano
Circolo Rosa Luxemburg PRC zona 1
Coordinamento Nord Sud  del Mondo
Associazione umanista UnAltroMondo ONLUS
Sinistra Ecologia Libertà - Coordinamento provinciale Milano
SocialPress
Empatia Animale
Ci siamo anche noi
Rifondazione comunista circolo zona 4 Milano.
Psicologi per i Popoli nel Mondo
Associazione Samarcanda
Casa della Sinistra Zona 4
Direttivo Comitato Intercomunale per la Pace del Magentino
Gruppo EveryOne
Gruppo Watching The Sky
Associazione Anne's Door
Circolo Pasolini Pavia
Donne in Nero  - Milano
ApertaMente di Buccinasco
Campo della pace ebraico
Delegate e Delegati SdL Intercategoriale Regione Lombardia
Graal Italia
Associazione Mondo Senza Guerre
Associazione Nocetum
Queer* against macis
ANPI Sezione BARONA
Adesioni individuali
Vittorio Agnoletto
Giuseppe Natale
Ornella Clementi
Paola Feltrin
G. Sonja Liebhardt  e Marco Lusena de Sarmiento
Marco Cavedon
Antonella Fachin

In risposta al messaggio di Antonella Fachin inserito il 30 Nov 2009 - 15:42
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]