.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 90 ospiti collegati
.: Discussione: Circa i Rom al Rubattino

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 3 Nov 2009 - 13:28
accedi per inviare commenti
Il consigliere Boari non risponde a nessuna delle mie considerazioni.

Ciò nonostante, per tutti coloro che desiderano approfondire le loro conoscenze, nella speranza che vi siano anche coloro che credono di avere la verità infusa, segnalo la recentissima pubblicazione dell’assoc. NAGA del Rapporto 2009 sulle principali caratteristiche socio-demografiche dell'utenza Naga.
NAGA è Associazione Volontaria di Assistenza Socio - Sanitaria e per i Diritti di Stranieri e Nomadi
Via Zamenhof 7/A, 20136 Milano - Tel: 0258102599 - Fax: 028392927 - naga@naga.it
Il rapporto è scaricabile dal sito. Ecco il link:
http://www.naga.it/index.php/notizie-naga/items/cittadini-senza-diritti.html

La realtà conosciuta da NAGA è ben diversa dalle tante frasi fatte e luoghi comuni che portano molte persone a generalizzare e a fare "di tutta un'erba un fascio", senza distinzione e con evidente discriminazione e pregiudizio.

Non lo dico io, ma ricercatori delle migliori università milanesi e dell'University College of London:
"L'analisi dei dati raccolti dal Naga tra il 2000 e il 2008 permette di sfatare alcuni 'miti' dell'immaginario comune riguardo all'immigrazione irregolare e di mettere in luce alcune tendenze nell'evoluzione della popolazione straniera senza documenti che sarebbe arduo individuare attraverso altre fonti", affermano i ricercatori Carlo Devillanova (Università Bocconi), Francesco Fasani (University College London) e Tommaso Frattini (Università degli Studi di Milano) che hanno curato la ricerca in collaborazione con il Naga.

"I dati del rapporto sovvertono la retorica sull'immigrazione irregolare in base alla quale l'equivalenza straniero > immigrato > irregolare > clandestino > delinquente è centrale e ormai divenuta senso comune" afferma Pietro Massarotto, presidente del Naga.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano

---------------------
Cittadini senza diritti. Rapporto Naga 2009. Ingombranti inesistenze
Lo scopo di questo rapporto è di presentare, in maniera semplice ma rigorosa, le principali caratteristiche socio-demografiche dell'utenza Naga. A tal fine analizzeremo i dati contenuti nelle cartelle mediche del Naga per i pazienti che sono stati registrati tra il gennaio 2000 e il dicembre 2008, soffermandoci sulla loro nazionalità, genere, situazione familiare, anzianità migratoria, livello di istruzione, condizione lavorativa e situazione abitativa.
Al momento della loro prima visita presso l'ambulatorio del Naga, per ciascun paziente viene compilata una cartella composta da due parti:
- la prima parte, contenente le informazioni demografiche e socio-economiche menzionate sopra, viene compilata da volontari non-medici del Naga;
- la seconda parte, contenente dati medici, viene invece compilata dal personale medico ed aggiornata ad ogni visita. La nostra analisi utilizzerà soltanto i dati contenuti nella prima parte della cartella, gli unici disponibili in formato elettronico.
Tutte le informazioni riportate nel testo saranno quindi riferite alla situazione degli utenti al momento del loro primo contatto col Naga.
Poiché tra il 2000 e il 2008 il Naga ha ricevuto oltre 47.500 nuovi utenti, questi dati rappresentano una fonte di informazione particolarmente ricca e assolutamente originale sull'universo dell'immigrazione irregolare a Milano, un universo che per sua stessa natura sfugge spesso a tentativi di misurazione e di descrizione.
Si tratta di una delle più grandi banche dati esistenti sull'immigrazione irregolare.
Pubblicato il 02/11/2009   
Comunicati Stampa
I dati socio-sanitari raccolti quotidianamente dal Naga rappresentano una delle più grandi banche dati esistenti sull'immigrazione irregolare in Italia.
Il rapporto, alla sua seconda edizione, analizza i dati raccolti tra il 2000 ed il 2008. Oltre 47.500 utenti per i quali sono state indagate provenienza, genere, età, stato civile e figli, permanenza, istruzione, occupazione, abitazione, e un focus dedicato al lavoro nel Paese di origine e in Italia.

"L'analisi dei dati raccolti dal Naga tra il 2000 e il 2008 permette di sfatare alcuni 'miti' dell'immaginario comune riguardo all'immigrazione irregolare e di mettere in luce alcune tendenze nell'evoluzione della popolazione straniera senza documenti che sarebbe arduo individuare attraverso altre fonti", affermano i ricercatori Carlo Devillanova (Università Bocconi), Francesco Fasani (University College London) e Tommaso Frattini (Università degli Studi di Milano) che hanno curato la ricerca in collaborazione con il Naga.  
"Complessivamente l'utenza Naga è giovane, istruita e occupata, ma relegata in occupazioni spesso saltuarie e sempre poco qualificate, e soffre di un notevole disagio abitativo" proseguono ricercatori.  "Il livello di istruzione e il tasso di occupazione dei cittadini stranieri irregolari è comparabile - e in alcuni casi superiore - a quello degli italiani. Al contrario, le loro condizioni socio-abitative sono assolutamente critiche e lontanissime dagli standard italiani. Negli anni, inoltre, si è evidenziato un notevole allungamento dell'anzianità migratoria dell'utenza Naga, segno della difficoltà nel trovare canali di uscita dalla clandestinità" concludono i ricercatori.

In particolare i seguenti dati risultano particolarmente interessanti:
Il tempo medio di permanenza in Italia è notevolmente aumentato negli ultimi anni: nel 2003 il 53% dei cittadini stranieri incontrati dal Naga era in Italia da meno di un anno, mentre nel 2008, lo erano solo il 25% e il 30% era presente in Italia da quattro o più anni.
Per quanto riguarda l'istruzione, circa il 10% degli immigrati irregolari ha un'istruzione universitaria e oltre il 50% ha frequentato almeno le scuole superiori, mentre meno del 15% ha ricevuto soltanto pochi anni di istruzione o si dichiara analfabeta.  
Il 62% del campione è occupato. Il tasso di occupazione dei migranti dopo tre anni dall'arrivo in Italia è del 76%: maggiore sia di quello della popolazione italiana (59%), che di quella lombarda (71%). Inoltre i dati quantitativi e qualitativi fanno emergere la dequalificazione professionale come una costante fondamentale nel rapporto lavorativo in Italia.  
Infine, per quel che riguarda le condizioni abitative, per chi vive in una casa in affitto, il numero medio di persone per stanza è di 2,2: condizioni di affollamento dell'abitazione più di tre volte superiori a quelle dei cittadini italiani. 
"I dati del rapporto sovvertono la retorica sull'immigrazione irregolare in base alla quale l'equivalenza straniero > immigrato > irregolare > clandestino > delinquente è centrale e ormai divenuta senso comune" afferma Pietro Massarotto, presidente del Naga. "Il Naga, oltre all'attività di assistenza che quotidianamente presta, attraverso strumenti quali il rapporto presentato oggi si pone l'obiettivo di decostruire le false rappresentazioni che dominano il discorso sull'immigrazione e di contribuire a illuminare le biografie dei cittadini stranieri, dense di delusioni, ma anche di una sorprendente progettualità: biografie troppo spesso consegnate ad una 'ingombrante inesistenza' per noi inaccettabile" conclude il presidente del Naga.  
Info:  Naga
Associazione Volontaria di Assistenza Socio - Sanitaria e per i Diritti di Stranieri e Nomadi
Via Zamenhof 7/A, 20136 Milano - Tel: 0258102599 - Fax: 028392927 - naga@naga.it


SCARICA:
Fare clic con il pulsante destro del mouse qui per scaricare le immagini. Per motivi di riservatezza, il download automatico dell'immagine da Internet non è stato eseguito. *       IL RAPPORTO COMPLETO
Fare clic con il pulsante destro del mouse qui per scaricare le immagini. Per motivi di riservatezza, il download automatico dell'immagine da Internet non è stato eseguito. *       L'ABSTRACT DEL RAPPORTO
Fare clic con il pulsante destro del mouse qui per scaricare le immagini. Per motivi di riservatezza, il download automatico dell'immagine da Internet non è stato eseguito. *       IL FOCUS. I MIGRANTI E IL LAVORO
Fare clic con il pulsante destro del mouse qui per scaricare le immagini. Per motivi di riservatezza, il download automatico dell'immagine da Internet non è stato eseguito. *       IL COMUNICATO IN VERSIONE PDF

Fare clic con il pulsante destro del mouse qui per scaricare le immagini. Per motivi di riservatezza, il download automatico dell'immagine da Internet non è stato eseguito. *       RASSEGNA STAMPA: L'articolo del Sole 24 ore - Lancio ANSA- Lancio Redattore Sociale 1- Lancio Redattore Sociale 2
In risposta al messaggio di Antonella Fachin inserito il 1 Nov 2009 - 17:33
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]