.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 22 ospiti collegati
.: Discussione: Malati di smog, più colpiti i bambini - A Milano 73 «ricoveri» al giorno per patologie riconducibili all'inquinamento

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 29 Gen 2010 - 22:10
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Dall'Ufficio Stampa della Presidenza della Provincia di Milano:

De Nicola: «Deprecabile strumentalizzare il no al blocco del traffico per la propaganda elettorale del centrosinistra»

«La lotta all’inquinamento deve risultare trasversale ed essere adottata sia dai Comuni amministrati dal centrosinistra sia da quelli retti dal centrodestra – ha dichiarato stasera l’assessore provinciale alle Infrastrutture e ai Trasporti Giovanni De Nicola -. Trovo, quindi, almeno deprecabile che alcuni primi cittadini del centrosinistra e il capogruppo in Consiglio provinciale del Pd Matteo Mauri abbiano stravolto l’esito della riunione convocata stamattina a Palazzo Isimbardi, cui hanno partecipato una settantina di sindaci del Milanese, a uso e consumo della campagna elettorale del Pd in vista delle Regionali. La nota diffusa dal primo cittadino di Rozzano Massimo D’Avolio, coordinatore dei sindaci sul territorio del Pd, va, del resto considerata non corrispondente allo svolgimento e alle conclusioni dell’incontro odierno. Innanzitutto perché D’Avolio s’è “dimenticato” di riferire che né io né il vicepresidente dell’Ente Novo Umberto Maerna abbiamo tentato di imporre ai presenti il blocco domenicale della circolazione disposto ieri dal Comune di Milano. Obiettivo della riunione, com’è stato più volte sottolineato nell’ambito dei nostri interventi, era, d’altra parte, quello di informare i sindaci del Milanese in ordine ai provvedimenti varati ieri durante il vertice tenutosi al Pirellone. Abbiamo, certo, sensibilizzato i partecipanti circa lo scenario di un blocco della circolazione a macchia di leopardo, che produrrà effetti inferiori sull’abbassamento delle polveri sottili rispetto a uno stop alle auto esteso su tutto il territorio, ma non ci siamo neppure sognati di ordinare il provvedimento. E questo sia perché rispettiamo l’autonomia dei Comuni indipendentemente dal loro colore politico sia perché una tale decisione non rientra nelle prerogative della Provincia. Invito, pertanto, D’Avolio ad ascoltare le registrazioni della riunione prima di riassumerla a beneficio della candidatura di Filippo Penati».
«Quanto alle dichiarazioni rilasciate da Mauri – ha continuato De Nicola -, mi preme rimarcare che esse non hanno alcun aggancio con la realtà sostanziale dei fatti. Perché pure i sindaci intervenuti contro il blocco ben si sono guardati (anche qui esistono le registrazioni e sono a disposizione di tutti) dal dire che la Provincia li stava prendendo in giro. Anzi, Daniela Gasparini, primo cittadino di Cinisello Balsamo, s’è premurata di lodare il ruolo di coordinamento assunto dalla Provincia anche durante la conferenza stampa tenutasi al termine della riunione. Di “ridicolo e offensivo”, aggettivi usati dal capogruppo del Pd, c’è solo l’utilizzo distorto cui Mauri è ricorso con l’obiettivo non dichiarato di fiancheggiare Penati. Ma non era il centrosinistra ad argomentare che la lotta all’inquinamento deve essere trasversale e non strumentalizzabile ai fini della propaganda elettorale?».

Milano, 29 gennaio 2010
Ufficio Stampa Presidenza
02/77406655

In risposta al messaggio di Antonella Fachin inserito il 29 Gen 2010 - 19:51
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]