.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 104 ospiti collegati
.: Discussione: Malati di smog, più colpiti i bambini - A Milano 73 «ricoveri» al giorno per patologie riconducibili all'inquinamento

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 28 Gen 2010 - 13:24
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

diciassette giorni di sforamento dei limiti Ue: vertice tra Formigoni, Moratti e Provincia

Milano chiude per smog
Auto, domenica è stop totale


Blocco del traffico dalle 10 alle 18, esentati veicoli a impatto zero. Deroghe per medici e ministri di culto

MILANO - Blocco totale del traffico domenica dalle 10 alle 18: è la misura d'emergenza decisa nel vertice antismog che si è tenuto giovedì mattina tra Moratti, Formigoni e l'assessore provinciale ai Trasporti Giovanni De Nicola (in rappresentanza del presidente Podestà). Nella giornata di domenica 31 gennaio potranno circolare a Milano soltanto le auto a impatto zero (gpl, metano, elettriche); godranno di una deroga al divieto medici, infermieri e ministri del culto. Lo smog non dà tregua a Milano: anche mercoledì le polveri sottili sono rimaste sopra i limiti di guardia. Si tratta del diciassettesimo giorno consecutivo di sforamento (dall'11 gennaio) dei limiti europei che fissano a 50 microgrammi il livello di guardia. Dall'inizio dell'anno i giorni di sforamento sono stati 21. Confermata per sabato mattina la manifestazione in piazza Scala indetta dai Genitori Antismog (ore 10.30).

INASPRIMENTO ECOPASS - Oltre al blocco della circolazione di domenica 31 gennaio, durante il vertice è stato concordato un irrigidimento di Ecopass, il ticket antismog nel centro del capoluogo lombardo, nel caso l'emergenza inquinamento dovesse continuare anche nei prossimi giorni. Come spiegato dal primo cittadino Letizia Moratti, se si arriverà a 20 giorni consecutivi di sforamento dei limiti di Pm10 nell'aria, saranno sottoposti al pagamento di Ecopass anche i veicoli diesel Euro 4 senza filtro antiparticolato, oggi esentati per deroga. L'abolizione dell'esenzione per questa categoria di mezzi durerà fino al terzo giorno in cui il livello di Pm10 sarà tornato sotto i livelli di guardia, vale a dire sotto i 50 microgrammi per metro cubo. L'inasprimento dell'Ecopass è una misura da giorni sollecitata dagli ambientalisti, ma che sconta la ferma opposizione di larghe fasce del Pdl: nel dicembre scorso si era concordato che ogni riflessione sul destino dell'Ecopass sarebbe stata affrontata ad aprile, dopo le elezioni regionali. «Da quando è stato introdotto - ha sottolineato Letizia Moratti - l'Ecopass ha contribuito a ridurre del 17% le concentrazioni di Pm10 rispetto alla media dei sei anni precedenti, i giorni di superamento del limite si sono ridotti del 25%, passando dai 153 del 2005 ai 109 del 2009 e la concentrazione media di Pm10 in un anno è passata dai 53 microgrammi del 2005 ai 45 del 2009».

LAVAGGIO STRADE - Da ultimo, il tavolo contro l'emergenza smog ha raccolto il suggerimento avanzato dal presidente della Provincia Guido Podestà: non appena le condizioni climatiche eviteranno i rischi di gelate, partirà la sperimentazione del lavaggio strade con acqua in un tratto di cinque chilometri, con l'obiettivo di scongiurare il sollevamento delle polveri depositate sulla carreggiata.

REGIONE: DUE MILIONI PER I CONTROLLI - Formigoni ha deciso di raddoppiare il finanziamento annunciato mercoledì a favore dei Comuni per intensificare i controlli contro l'inquinamento, e il suo assessore all'Ambiente Massimo Ponzoni lo ha illustrato giovedì agli amministratori locali durante un tavolo tecnico al Pirellone. I fondi della Regione saranno ripartiti in due tranche: un milione sarà destinato ai controlli su strada, l'altro alle verifiche sulle temperature negli edifici. «Da anni Regione Lombardia ha puntato su misure strutturali per combattere l'inquinamento - ha spiegato Ponzoni - e in questo frangente abbiamo deciso di concentrarci maggiormente sui controlli. Siamo comunque al fianco di quei Comuni, come Milano e Bergamo, che hanno deciso di bloccare il traffico, ricordando a tutti di non fare allarmismi: la qualità dell'aria è migliorata rispetto agli anni scorsi».

FORMIGONI: «NON SIAMO BALUBA» - «Non siamo baluba, non siamo affatto la maglia nera d'Italia e d'Europa rispetto all'inquinamento», ha commentato Formigoni al termine del vertice. «Non siamo soddisfatti completamente della situazione ma sono stati fatti in questi anni dei passi in avanti, abbiamo fatto il nostro dovere. La Regione negli ultimi anni ha distribuito 104 milioni di euro in incentivi per cambiare la macchina e quindi per diminuire l'inquinamento». La decisione di esentare i mezzi ecologici dal blocco, commenta Formigoni, «è un messaggio ai cittadini di orientarsi verso i mezzi a impatto zero. Domenica potranno circolare solo quelli. Ci vuole poi un impegno proprio da parte dei cittadini, il mio è un invito ad usare i mezzi pubblici e ad abbassare le temperature nelle case e negli uffici. Questo vale anche per il Palazzo Pirelli, dove la temperatura è di 20 gradi e dove il riscaldamento è fatto attraverso "pompe di calore" che sono ad emissione zero». Per il presidente della Regione Lombardia, «non è il caso di fare allarmismi, l'aria che respiriamo oggi è migliore di quella di cinque anni fa e di quella di dieci anni fa. Sia Londra che Parigi hanno livelli di inquinamento superiori al nostro».

Redazione online

28 gennaio 2010

Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

Emergenza smog

Domenica Milano libera le strade dalle auto

In città potranno circolare solo veicoli a impatto zero. Via libera ai mezzi a metano, gpl ed elettrici. Il blocco del traffico sarà attuato dalle 10 alle 18

Milano, 28 gennaio
- Al vertice svoltosi tra Regione, Provincia di Milano e Comune di Milano sono state prese le seguenti decisioni di carattere temporaneo per ridurre le emissioni di PM10 che a Milano da 17 giorni consecutivi sono sopra la soglia di 50 microgrammi per metro cubo. I provvedimenti che verranno adottati nei prossimi giorni si affiancano alle misure strutturali già messe in campo dall’Amministrazione comunale per ridurre il traffico in circolazione e migliorare la qualità dell’aria.

Blocco della circolazione. Blocco della  circolazione a Milano domenica 31 gennaio, dalle 10.00 alle 18.00. Saranno esenti dal fermo della circolazione le auto a impatto zero (gpl, metano,elettriche).

Ecopass e diesel euro 4 senza Fap. Da lunedì 1 febbraio tutti i veicoli diesel euro 4 - non muniti di filtro antiparticolato - adibiti al trasporto persone fino a 9 posti e al trasporto merci dovranno pagare l’Ecopass da euro 5 per entrare all’interno della Cerchia dei Bastioni. Il ripristino della esenzione dal pagamento di Ecopass per questa categoria di veicoli sarà comunicato tempestivamente da parte dell’Amministrazione comunale  in base alla verifica dei 3 giorni consecutivi di non superamento dei valori giornalieri di PM10 ( 50 microgrammi per metro cubo).

Il Comune di Milano, attraverso tutti gli strumenti di comunicazione disponibili,  fornirà ai cittadini quotidiane informazioni relative ai dati di PM10.

Lavaggio notturno delle strade. Quando le temperature notturne supereranno i 5 gradi si partirà con il lavaggio sperimentale delle strade per tratti da 5 km in modo da rimuovere le particelle inquinanti depositate sul manto stradale.

 

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 1 Ott 2009 - 09:25
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]