.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 45 ospiti collegati
.: Discussione: Malati di smog, più colpiti i bambini - A Milano 73 «ricoveri» al giorno per patologie riconducibili all'inquinamento

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 27 Gen 2010 - 00:32
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

la lettera

La Moratti: «L'aria di Milano
è migliore rispetto agli anni scorsi»


Caro Direttore,
le scrivo per fare chiarezza sulle soglie di inquinamento a Milano e sulle politiche ambientali che abbiamo adottato in questi anni. Partiamo da due dati. Questo mese sono 18 i giorni di superamento della soglia di inquinamento contro i 20 del 2009. Nei primi 25 giorni di quest'anno la media delle concentrazioni di Pm10 è più bassa rispetto al 2009: (68 microgrammi al metro cubo contro 83 microgrammi al metro cubo).
È bene ricordare che a Milano abbiamo scelto misure strutturali per combattere lo smog. È una battaglia difficile, che si vince con il coraggio di scelte innovative. Abbiamo operato su tre aree di intervento: il potenziamento del trasporto pubblico, il disincentivo al traffico dei mezzi inquinanti e azioni sulle fonti energetiche. Per quanto riguarda il trasporto pubblico di superficie abbiamo aumentato di 179 chilometri la rete rispetto al 2007.

Le linee sono cresciute da 110 a 124 anche grazie all'introduzione di 250 nuovi mezzi a basso impatto ambientale. Questo si traduce in 1.000 corse in più al giorno a disposizione dei milanesi con il 10 per cento di posti in più nelle ore di punta. Il Comune dopo 20 anni è tornato a investire nella crescita della metropolitana e nei prossimi anni sono 3,5 i miliardi dedicati alla creazione di due nuove linee (la M4 e la M5) e allo sviluppo di quelle esistenti grazie all'intervento del governo. Per quanto riguarda il disincentivo al traffico dei mezzi inquinanti, abbiamo puntato sulle biciclette e introdotto il servizio di bike sharing che nel 2009 ha registrato più di 500.000 utilizzi, e il servizio di car sharing che serve attualmente oltre 3 mila abbonati.

Nel 2007 abbiamo introdotto Ecopass, un pedaggio d'ingresso nel centro della città a carico dei veicoli più inquinanti. È la prima misura strutturale contro il traffico assunta da una città italiana: ha contribuito nel 2009 alla riduzione del 17% del PM10 rispetto alla media annuale dei 6 anni precedenti. Il numero di superamenti della soglia di guardia, indicato dalla normativa vigente per il PM10, è diminuito del 25% rispetto al 2005, passando da 153 superamenti registrati nel 2005 a 109 superamenti registrati nel 2009. La concentrazione media annua di Pm10 dal 2005 ad oggi è scesa da 53 a 45. Un provvedimento che ci è valso un premio internazionale per la lotta all'inquinamento.

La terza area strategica di intervento è il teleriscaldamento, misura che abbiamo introdotto nel 2006 e grazie alla quale è possibile limitare l'inquinamento derivante dalle singole abitazioni. Il Piano prevede entro il 2015 lo sviluppo di una rete di 240 chilometri per un totale di circa 730 mila abitanti serviti. Un servizio che oggi serve oltre 228 mila milanesi. Come previsto dalla normativa vigente ogni anno il Comune effettua la Campagna di Controllo degli Impianti Termici. Un'attività che il Comune realizza con grande impegno per sfruttare al meglio le opportunità che essa comporta in termini maggiore efficienza energetica e minori emissioni inquinanti, come conseguenza di un capillare controllo sulla corretta manutenzione e sul buon funzionamento degli impianti termici.

Il risultato di tutte le misure introdotte nelle tre aree strategiche di intervento messe in atto dal Comune di Milano, oltre alla riduzione del Pm10, dal 2005 ad oggi ha registrato l'abbattimento del 4,3% delle emissioni di CO2. Un passo avanti, che segna un'inversione di tendenza. La vivibilità di Milano è l'asse fondamentale alla base delle scelte del Piano di Governo del Territorio. Il Pgt è l'opportunità, unica nella storia della Milano contemporanea di costruire una città a misura d'uomo, ricca di servizi, immersa nel verde, facile da percorrere. E' questa la strada sulla quale si muove la Milano del futuro. Ma già oggi la lotta allo smog e la tutela della salute dei cittadini sono la nostra priorità.

Letizia Moratti
26 gennaio 2010
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 26 Gen 2010 - 11:14
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]