.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 71 ospiti collegati
.: Discussione: Malati di smog, più colpiti i bambini - A Milano 73 «ricoveri» al giorno per patologie riconducibili all'inquinamento

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 25 Gen 2010 - 12:07
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

Inquinamento Record negli ultimi tre anni. Il vicesindaco: ma a Napoli e Torino è peggio

Lo smog non dà tregua a Milano

Tredici giorni oltre i limiti. Due consiglieri pronti a occupare il Comune

MILANO — La serie più nera dell’aria milanese è iniziata l’11 gennaio. Nuvole, nebbia, temperatura vicino allo zero. E smog che si accumulava. Da quel momento, le polveri sottili non sono mai scese sotto la soglia che dovrebbe proteggere la salute dei cittadini. Fanno 13 giorni consecutivi di aria fuorilegge, il record negli ultimi tre anni. Fossero ancora in vigore le vecchie leggi regionali, ieri nelle aree più inquinate della Lombardia si sarebbe bloccato il traffico. Poi le regole sono cambiate. E a ridurre l’inquinamento, oggi, dovrebbero essere soltanto le «misure strutturali» come l’Ecopass (il pedaggio per le auto inquinanti che entrano in centro) o i blocchi regionali dei veicoli più vecchi. Ma l’aria resta asfissiante. E allora, per chiedere provvedimenti più incisivi, stanotte due consiglieri occuperanno l’aula principale del Comune di Milano. Come accade da anni, negli inverni milanesi si chiede consiglio al meteorologo. Le previsioni dicono «condizioni stagnanti», come minimo per un paio di giorni ancora. Conseguenza: lo smog resterà alto. Tirando le somme, dal primo gennaio s’è respirato soltanto per 6 giorni su 23. Ed è certo vero, come ha ricordato il vice sindaco, Riccardo De Corato, che nel 2009 «le città più inquinate sono state Napoli e Torino, con 156 e 151 giorni di superamento delle soglie», ma il nuovo anno per Milano è partito male. Molto male. Soprattutto perché, nel centro della città, è in vigore il provvedimento che a molti è sembrato una rivoluzione nelle politiche ambientali delle città italiane. «Milano come Londra», si disse due anni fa. «Avanguardia del Paese».

I risultati ci sono stati: nel primo anno di Ecopass, il 2008, la centralina nel cuore della città ha registrato 78 giorni di smog sopra le soglie. Record assoluto. Il risultato migliore da quando si misurano i veleni dell’aria. L’anno scorso, però, i benefici sono lentamente evaporati. E il centro è tornato a 106 giorni «rossi». Cosa è accaduto? Le risposte andrebbero cercate nei colloqui riservati che si tengono costantemente tra il sindaco, Letizia Moratti, le associazioni dei commercianti e buona parte della maggioranza che governa Milano. Silenzioso, avanza il partito del «non possiamo perdere voti per colpa dell’Ecopass». E così un provvedimento che avrebbe bisogno di aggiornamenti (diventare più via via più restrittivo per continuare a funzionare) è rimasto bloccato. Un solo esempio: le macchine diesel Euro 4 (molto inquinanti, pagherebbero 5 euro per entrare in centro) hanno beneficiato di ben 7 deroghe. L’ultima, riconfermata a dicembre scorso. E non se ne riparlerà prima delle elezioni regionali di fine marzo.

L’ex assessore all’Ambiente, Edoardo Croci, il «tecnico» della Bocconi che ha creato l’Ecopass e poi ha pagato con le dimissioni la volontà di estenderlo, una proposta per l’emergenza ce l’avrebbe: «Si potrebbero fermare i veicoli commerciali che non hanno il filtro antismog. Sono un decimo dei veicoli circolanti, ma sono responsabili di un terzo delle emissioni da traffico della città». Provvedimento tampone. Regione e Comune non vogliono sentir parlare di strategie d’emergenza. Forse dovranno farlo su pressione di Enrico Fedrighini (Verdi) e Carlo Montalbetti (lista «Milano civica») che annunciano di passare la notte nell’aula del consiglio. Occupazione del Comune. Per la pulizia dell’aria.

Gianni Santucci
Armando Stella

25 gennaio 2010
In risposta al messaggio di Elena Sisti inserito il 22 Gen 2010 - 10:24
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]