.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 42 ospiti collegati
.: Discussione: Il PIL è superato! ora c'è il BIL: il Benessere Interno Lordo

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 25 Set 2009 - 22:04
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Ormai molti economistici sostengono (a ragione) che il Prodotto Interno Lordo è un indice poco significativo della qualità della vita e del benessere di una nazione.
Da anni è stato proposto un nuovo indice. il BIL, il BENESSERE INTERNO LORDO.

In proposito, pubblico un articolo pubblicato oggi su ChiamaMilano: Milano è sul fondo della classifica del benessere!!!

E' ora che anche questa amministrazione comunale se ne renda conto. del resto l'indagine è stata effettuata dal Sole 24 ore, il giornale degli industriali, e quindi i giornalisti non sono certamente dei "farabutti catto-comunisti" di berlusconiana definizione.

Cari saluti a tutti/e
Antonella Fachin
Consigliera di Zona 3
Capogruppo uniti con Dario fo per Milano
-----------------------------------------------
QUANDO IL PIL NON VUOL DIRE BENESSERE
Uno studio de Il Sole 24 ore dimostra che il PIL non è sufficiente a determinare la qualità della vita e Milano è sul fondo della classifica del benessere

Non tutto si può misurare e il benessere di un individuo, come di una comunità non può essere classificato in base al PIL.
è questa, grosso modo, la sintesi di un’analisi condotta dal quotidiano Il Sole 24 Ore.
Partendo dal principio che non sia il denaro l’unico fattore a determinare il livello di vita delle persone, sono stati pensati altri 8 possibili indicatori: le condizioni di vita materiali, la salute, l'istruzione, le attività personali, la partecipazione alla vita politica, i rapporti sociali, l'ambiente, l'insicurezza economica e fisica.
Il modello di analisi ricalca ormai la sempre più diffusa critica alla cosiddetta “dittatura del PIL”, ovvero la pretesa di misurare il benessere di un paese in base al prodotto interno lordo; metodo per il quale anche le somme spese per curare le malattie dovute alla scarsa qualità della vita o per le degenze dovute agli incidenti sul lavoro vanno a comporre il PIL.  
Gli autori di questa nuova ricerca hanno invece incrociato i dati relativi agli otto indicatori citati e hanno individuato per ogni provincia italiana un ipotetico indice “Bil”, “Benessere interno lordo”.
La classifica ottenuta risulta ben diversa da quella ufficiale del Pil delle nostre città.
Milano, sul podio per il prodotto interno lordo pro capite con 36.763 euro l’anno (dati Prometeia, 2008), precipita al 37esimo posto nella classifica del Bil.
Questo per effetto della bassa posizione in classifica degli altri indicatori.
Al capitolo “istruzione” Milano arriva appena al 66esimo posto, con dati Miur/Istat che segnalano, per l’anno 2007/2008, solo 37,3 giovani su 100 tra i 19 e i 25 anni iscritti all’Università.
Poco più positivo il dato sulla partecipazione alla vita politica, dove con un’ affluenza alle urne alle ultime elezioni europee del 69,7% ci piazziamo al 53esimo posto.
Nuovo scivolone alla voce “rapporti sociali”: Milano arriva 77esima, con 0,52 organizzazioni di volontariato ogni 1000 abitanti (dati Feo-Fivol 2006)
Positivi i bilanci sulla  “Spesa pro capite per spettacoli” (dati Siae/Istat 2008) e  “Speranza di vita alla nascita” (Dati istat 2008), con un sesto posto per la prima e un 28esimo posto per la seconda.
Se al capitolo “ambiente” precipitiamo al 43esimo posto con 188,2 tonnellate di Co2  sul valore aggiunto reale (Ispra 2005), è sull’insicurezza che registriamo il valore più basso, arriviando terzultimi con 5.494 tra furti e rapine ogni 100mila abitanti (Istat 2007).
A passarsela meglio di tutti sarebbero gli abitanti della provincia di Forlì e Cesena, seguiti dai ravennati e dai fiorentini.
La maglia nera va al sud: i meno “benestanti” sarebbero siracusani, nisseni e napoletani.

Il denaro, insomma, da solo non basta.
Se produci tanto PIL ma poi passi notti insonni temendo che un ladro entri in casa o ti avveleni le giornate respirando lo smog della città, il livello di benessere si può abbassare anche di molto. Perché, si sa, conta più la qualità della quantità.

Giulia Cusumano