.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 22 ospiti collegati
.: Discussione: il Comune chiude il serale IPIA, eccellenza della zona est!

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 21 Set 2009 - 10:36
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
La vicenda dell'istituto professionale IPIA è ancora più assurda se si tiene conto di queste ulteriori considerazioni:
1.       al 30 giugno 2009 l'IPIA aveva una media di 18 iscritti per classe (almeno 10 iscritti in tutte le classi superiori). Considerando le telefonate di luglio, agosto e settembre, l’APIA avrebbe abbondantemente superato il numero di 20 iscritti per classe!
2.       dal racconto di alcuni studenti lavoratori che si sono rivolti al Marelli risulta che fin quando non sono arrivati loro, in seconda e in quarta elettrici al Marelli non c’era nessun iscritto (e sarebbe tutta da verificare la situazione delle altre classi!!)
3.       ne segue, logicamente, che il Comune, l’assessore Mariolina Moioli, ha deciso di chiudere la scuola con più iscritti (l’IPIA) per tenere aperta quella che in alcune classi non ne ha neanche uno e addirittura non assicura la continuità del ciclo scolastico (il Marelli).
4.       Per disposizioni del Comune  le iscrizioni all’IPIA sono state irremovibilmente chiuse in giugno, asserendo che il termine era stato stabilito dal ministero, e però il Marelli sta prendendo le iscrizioni ancora a settembre!
Come si spiega questa contraddizione e incoerenza a favore di alcuni istituti e a danno di altri?
Allora anche l’IPIA avrebbe dovuto poter accogliere le iscrizioni sino a settembre e forse sarebbe a 25 iscritti per classe!!!
Forse la ragione della chiusura di alcune scuole civiche serali sono i costi troppo alti per il Comune?
Se questo fosse vero, perché il Comune non ha mandato avanti la pratica, pronta da mesi, per L’ACCREDITAMENTO PRESSO LA REGIONE DELL’ISTITUTO IPIA?
Inefficienza? Disorganizzazione? Assenza di volontà politica? Volontà politica contraria al sostegno delle scuole civiche serali? Volontà di favorire solo le scuole private?
L’IPIA è l’unica scuola civica che avrebbe potuto avere accesso ai finanziamenti regionali, in quanto scuola professionale PARITARIA: 4.500 € DI FINANZIAMENTI REGIONALI PER OGNI STUDENTE ISCRITTO!
E ancora di più: se i costi erano troppo alti riferiti al numero di studenti troppo basso, perché a maggior ragione, non ha tenuto aperte le iscrizioni dopo il 30 di giugno?
Mi stupisco e mi indigno che l’Assessore Moioli possa chiudere una scuola professionale per problemi di costi, con la dote-scuola di 4.500€ a studente (per 50 studenti sono 225.000 euro!) da parte della Regione Lombardia: il Comune di Milano può ancora usufruire di  questo canale nel momento in cui la scuola IPIA venisse riaperta!
 

Attendo una risposta chiarificatrice da parte dell'Assessore Moioli.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano 

In risposta al messaggio di Antonella Fachin inserito il 20 Set 2009 - 17:08
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]