.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 22 ospiti collegati
.: Discussione: Comune e Provincia, duello sul mattone

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 14 Ott 2009 - 15:31
accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

L'opposizione: «vogliamo anche noi le carte che abbiamo richiesto invano per anni»

Lite sull’urbanistica, Masseroli:
per via Natta il rischio commissario


L'assessore: «Possiamo far costruire anche in altre aree». Alla Provincia l’offerta di mediazione con Ligresti

MILANO - La lettera alla Provincia arri­verà tra pochi giorni. Sull’area di via Natta, una delle tre al cen­tro del braccio di ferro con il gruppo Ligresti, la contropropo­sta di Palazzo Marino è pronta. «Ma il rischio commissariamen­to rimane», ammette però l’as­sessore Carlo Masseroli. Il pia­no B, allora. Stesse volumetrie, ma «spalmate» su altre aree cir­costanti, una delle quali di pro­prietà del Comune. «L’area indi­viduata per la 'contropartita' da offrire all’operatore sarebbe la stessa su cui qualcuno aveva suggerito di realizzare la mo­schea», osserva il verde Enrico Fedrighini: «Se il 'lodo' del Co­mune andrà in porto, per i resi­denti sarebbe una doppia vitto­ria ». L’esito della trattativa è tut­t’altro che scontato.

Scenari completamente diversi sulle al­tre due aree. A Bruzzano, ha spiegato ieri Masseroli ai consi­glieri di Palazzo Marino, sareb­be la stessa legge regionale a scongiurare l’ipotesi di un com­missariamento. Mentre la terza zona, quella di via Macconago, sarebbe inserita nel piano di cintura che la Provincia stessa deve preparare: «Devono dirci loro se si intende stralciare l’area dal piano. Se ci danno il via libera, per noi non ci sono obiezioni». Davanti ai consiglieri comu­nali, l’assessore ha rivelato poi di aver avviato, due anni fa, una precisa ricognizione su tut­te le convenzioni urbanistiche aperte con le società di Ligresti. Obiettivo semplice semplice: «Mettere ordine e fare il punto. Visto che ci sono pratiche vec­chie anche di vent’anni».

«Nes­suno scandalo», assicura l’as­sessore: «È un lavoro che abbia­mo avviato in accordo con lo stesso operatore». Immediata la replica dai banchi dell’opposi­zione. Basilio Rizzo (Lista Fo): «Pretendiamo di avere a dispo­sizione anche noi tutte le carte che abbiamo richiesto invano per anni».

Andrea Senesi
14 ottobre 2009

Notizie correlate:


Podestà: urbanistica, sollecito al Comune

Comune e Provincia, duello sul mattone

Via Natta: progetti per palazzi di 14 piani e la protesta dei residenti

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 24 Set 2009 - 09:31
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]