.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 19 ospiti collegati
.: Discussione: Ecopass giusto o ingiusto?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Claudio Edossi

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Claudio Edossi il 15 Set 2009 - 19:22
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

A seguito della discussione degenerata nell'altro post ( "Come vorresti l'Ecopass?" ), apro questa discussione, nella quale spero di poter affrontare con voi il tema della giustizia o ingiustizia dell'Ecopass. (esortandovi ad illustrare il perchè della vostra opinione)

Parto con l'incollare parte della mia risposta dell'altro post:

Si parte spesso dall'idea che sia una "tassa", nel senso di pagamento di una somma per cause e fini occulti, come se, in qualche modo, si volesse evitare di affrontare l'argomento dell'efficienza. L'ecopass è una tassa certo, fatta per far sì che chi procura un danno alla società (e chi sputa veleno nell'aria, che è di tutti, procura un danno alla società, credo siamo tutti d'accordo su questo, no?) paghi la collettività per il danno arrecato.

Mi rendo conto che, in un paese come l'Italia in cui la classe politica, senza distinzione di orientamento, è spesso riuscita a imporre tasse e occultare i proventi, sia difficile accettare un provvedimento "giusto" sulla carta, quando questo implica un ulteriore pagamento, ma ogni provvedimento dev'essere valutato per quello che è.

Esso è sicuramente migliorabile e io stesso sottopongo il problema, perchè non vorrei che questi 2 anni di sperimentazione diventino la regola, visto che così com'è non ha un grande effetto (al di là dell'incoraggiamento a fare di più), ma dovrebbe essere incrementato e, credo, esteso a tutti affinchè funzioni veramente.

Esso però è anche giusto, perchè fa pagare chi fa un danno agli altri e i soldi non finiscono in chissà quale cassa statale, ma "solo" nelle casse comunali, a beneficio di tutti coloro che abitano o lavorano o transitano nel suolo comunale (ivi compresi coloro che pagano l'ecopass). Questo è l'approccio corretto per far sì che ognuno sia veramente responsabile delle scelte che compie.

C'è chi magari concorda con questo, ma solleva il problema del "si può pagare per inquinare", questo, a mio avviso, rispecchia un punto di vista sbagliato. Perchè non è che "chi paga compra la possibilità di inquinare", ma "chi inquina paga il danno per ha provocato inquinando". So che può sembrare una differenza troppo sottile per considerare l'ecopass giusto, ma sono proprio i principi alla base dei provvedimenti che permettono di definire giusti o ingiusti tali provvedimenti, anche perchè ogni provvedimento induce la popolazione a pensare in una certa maniera (quindi facendosi una certa idea delle conseguenze delle proprie azioni).

Cosa ne dite?