.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 53 ospiti collegati
.: Discussione: Piano di Governo del Territorio (PGT) on line: osservazioni ed emendamenti

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 10 Feb 2010 - 16:59
accedi per inviare commenti
E' purtroppo la volontà politica procede anche alla privatizzazione massiccia dei servizi, come segnalato da Patrizia Quartieri nell'intervista che potete sentire e alla cancellazione di qualsiasi regia pubblica nel monitorare i bisogni e definire i servizi necessari: tutto è lasciato al privato che, ovvamente, realizzerà solo i servizi che producono profitto in misura ritenuta sufficiente, non investirà nei servizi ritenuti non sufficientemente lucrativi, anche se utili per la cittadinanza!
Di conseguenza a carico del pubblico rimarranno solo i servizi più onerosi o addirittura in perdita e perciò, a causa della cronica carenza di fondi pubblici (spesso mal spesi), possiamo immaginare il loro destino nel medio periodo: non saranno attivati; quelli esistenti saranno ridotti e depotenziati.

Analogamente in tema di case popolari: la loro costruzione è demandata ai privati... ma perchè mai i privati dovrebbero costruire case per le fasce più deboli della popolazione e rinunciare a costruire solo case a prezzi di mercato? Misteri di questa amministrazione comunale tutta appiattita a soddisfare non i bisogni della città, ma le richieste delle imprese private.
 
L'articolo è stato pubblicato da ChiamaMilano del 5 febbraio scorso.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliera di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
Facebook: Antonella Fachin
----------------------------------------------------
PIANO DEI (DIS)SERVIZI

Patrizia Quartieri spiega i rischi della privatizzazione massiccia dei servizi prevista nel Piano di governo del territorio

Zone senza asili nido, una metropoli multietnica senza centri di mediazione culturale, la capitale europea del consumo di droga senza strutture dedicate alla prevenzione e alla cura delle tossicodipendenze.

E’ questa la Milano del futuro se il Piano di governo del territorio presentato dalla Giunta dovesse passare così com’è.

Ce lo spiega dettagliatamente Patrizia Quartieri ( ascolta l'intervista) consigliere comunale del gruppo indipendente, che insieme a Milly Moratti e Giuseppe Landonio ha presentato 650 emendamenti al Pgt.

Ben 180 riguardano il Piano di Servizi, ovvero la pianificazione e la gestione dei servizi di cui una città ha bisogno, “l’elemento cardine che andrà a incidere sulla qualità della nostra vita”.

Oggi una regia pubblica stabilisce i criteri e le esigenze di servizi nelle varie zone della città; dove è necessario costruire scuole, residenze per anziani, centri di ascolto e consulenza per stranieri, strutture per la cura delle tossicodipendenze e tutti quei servizi di cui una città complessa necessita.
Secondo la Quartieri il documento di programma che la Giunta vorrebbe veder approvato stravolge il concetto di sussidiarietà: se oggi il privato interviene solo laddove il pubblico non poteva, domani viceversa sarà il pubblico ad occuparsi di ciò che il privato non presidierà perché non redditizio.

Anche la costruzione di edilizia sociale sarebbe demandata al privato; porte spalancate all’edilizia libera e alla realizzazione di grattacieli da 7-8 mila euro al mq che le fasce deboli, quelle afflitte dell’emergenza casa, certamente non potrebbero permettersi.
Qual è dunque la proposta dei tre consiglieri di opposizione?
“Noi chiediamo maggior pianificazione -spiega Patrizia Quartieri- I nostri 650 emendamenti non sono stati presentati per mero ostruzionismo.  Noi un altro piano l’abbiamo anche scritto a dimostrazione che i nostri non sono dei “no” ma delle vere controproposte”.

Giulia Cusumano

----------------------------------------------------
Il Negozio Civico

è lieto di proporre un incontro su:


Piano di Governo del Territorio (PGT)
Continuano gli incontri del venerdì a ChiAmaMilano sul Piano di Governo del Territorio 

venerdì 12 febbraio, ore 21
presso Il Negozio Civico ChiAmaMilano, Largo Corsia dei Servi (MM Duomo e San Babila)


Ci troviamo per continuare a parlare del futuro della nostra città, discutendo sul PGT, il Piano di Governo del Territorio, da giorni in discussione in Consiglio Comunale.
Ordine del giorno:
1. Faremo il punto sul dibattito in aula dopo quattro settimane
2. Raccoglieremo le osservazioni ed i suggerimenti dei presenti anche sugli argumenti trattati nei precedenti incontri: Parco Sud, edilizia sociale, trasporti e viabilità
3. Parleremo anche del Piano dei Servizi.
Vi aspettiamo.
I Consiglieri:
Milly Bossi Moratti
Giuseppe Landonio
Patrizia Quartieri.

Per informazioni

Negozio Civico C H I A M A M I L A NO 

Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 20

Largo Corsia dei Servi 11
 
Tel 02 76398628

Fax 02 76313223

negozio@chiamamilano.it

www.CHIAMAMILANO.it

CHIAMAMILANO è un'associazione senza scopo di lucro, nata nel 2002 da un'idea di Milly e Massimo Moratti. La missione della associazione è sostenere la partecipazione cittadina e l'informazione sulla città e sulla qualità dell'aria attraverso strumenti di informazione, orientamento e consulenza.
In risposta al messaggio di Lorenzo Cerati inserito il 9 Feb 2010 - 22:33
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]