.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 97 ospiti collegati
.: Discussione: Ramadan Karim ("Buon Ramadan")

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Angela Giannella

:Info Messaggio:
Punteggio: 4
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Angela Giannella il 25 Ago 2009 - 14:16
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

In questo periodo, in occasione del Ramadan, si è ricominciato a parlare della questione Moschea a Milano.
Si è detto molto in merito, tra chi sosteneva che Milano non ha spazi liberi per una struttura di questo tipo perché non prevista dal piano di governo del territorio (peraltro non ancora adottato e quindi ancora modificabile), a chi invece riteneva giusto che le persone di fede musulmana dovessero avere un proprio luogo di culto, però non di “grandi dimensioni”… (chissà perché, forse perché la dimensione ampia, visibile da lontano, potrebbe far pensare a una sorta di colonizzazione?).
Altra posizione, in qualche modo abbastanza concorde alla realizzazione della moschea, sosteneva invece che non sono stati presentati progetti effettivi (ossia finanziati da fonte privata, da qualche “sultano”) da parte delle comunità musulmane, per cui niente domanda concreta, niente offerta concreta…
Nel rispetto di ogni posizione, come associazione crediamo che tutte le fedi debbano avere un proprio luogo di culto, soprattutto in una grande città come Milano, perché come ritiene oggi il cardinale Tettamanzi “il tempo nel quale viviamo richiede solide basi di dialogo e confronto tra culture diverse che entrano in contatto l’una con l’altra”.
Per entrare in contatto tra loro le persone devono coesistere in un clima di pace e di serenità, poter svolgere senza limitazioni le funzioni a loro vitali: lavorare, alimentarsi, pregare, ecc… in un clima di accoglienza e di apertura.
Inoltre si ritiene per certo che il fondamentalismo si diffonda meglio tra le generazioni proprio in quegli spazi marginali in cui gli immigrati di fede musulmana vengono rilegati, a pregare e a coltivare separatamente dagli altri gruppi la propria cultura di appartenenza.
Dare spazio pubblico e voce a chi non ce l’ha produrrebbe un effetto emersivo positivo, molto distante dagli scenari di invasione che ci vengono prospettati.

Angela Giannella
Associazione PERTERRA - persone, territorio, ambiente
http://perterra.wordpress.com