.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 86 ospiti collegati
.: Discussione: Manifesto per Milano

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 4
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 21 Maggio 2010 - 11:31
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

Il dibattito sul «Manifesto per milano»

Il Pd: Milano merita di più
Valorizzare il bene comune


Fedrighini (Verdi): la politica deve essere al servizio della città. Majorino: dobbiamo costruire un futuro per tutti

MILANO - C’è chi aderisce al Manifesto. Senza se e senza ma. Come i Verdi milanesi con Enrico Fedrighini «perché il Manifesto indica la strada della politica come servizio civico». E chi prende spunto dal Manifesto per elaborare cinque sì e cinque no. Come Pierfrancesco Majorino, capogruppo del Pd a Palazzo Marino. Un pentalogo per un cambiamento della città. Il sì e il no. Il Manifesto chiama in causa i politici. Li interroga. Ha parlato il centrodestra.

Tocca al centrosinistra. Majorino stila i punti. I sì: a Milano serve un cambiamento pubblico. A Milano serve una rivoluzione ambientale. Milano va guardata con gli occhi dei bambini. A Milano bisogna riavvicinare la cosa pubblica ai cittadini. A Milano serve un futuro per tutti. Pensieri che vanno declinati nella realtà. La parola d’ordine è: cambiamento. Anzi cambiamento radicale. «A Milano serve un cambiamento radicale... — attacca Majorino —. Il tema della città pubblica, della riscoperta del valore del bene comune, deve contraddistinguere la proposta politica del nuovo centrosinistra». Con una accentuazione: «Sono convinto che Milano sia molto più vitale di quanto si percepisca nella sua dimensione pubblica. Lo dico da tempo... Milano sotto la cenere è molto più dinamica di quanto si creda. Ma per l’appunto, la cenere va tolta».

Tanti anche i no. No, alla politica tra pochi, No alla contrapposizione politica-società civile, No all’ossessione dell’avversario, No alle discussioni inutili, No alle decisioni romane. Non è questione di appartenenze per il Verde, Fedrighini. Anzi, il Manifesto è lo spunto per liberarsi dalle lobby della politica. «La risposta non può che essere quella di partire su basi civiche, dare espressione a quel formidabile laboratorio civico che è la società. È una politica nobile che non c’entra niente con i partiti ». Guarda alla trasversalità Fedrighini. E le sue parole non sono opportunismo. Su Ecopass, provvedimento che riteneva coraggioso e innovativo, si è battuto con più forza del sindaco Letizia Moratti. «La domanda che noi ci poniamo ogni volta è: serve o non serve alla città? Deve prevalere il bene comune rispetto alla fedeltà politica». Conclusione tutta politica: «Noi Verdi siamo pronti a entrare in una rappresentanza civica al di là degli schieramenti ».

Maurizio Giannattasio
21 maggio 2010


Notizie correlate:

Vai allo speciale «Un manifesto per Milano»

Un «manifesto» per la cultura. Tutti gli interventi al dibattito

Mozziconi in strada, degrado e vergogna

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 6 Lug 2009 - 11:00
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]