.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 69 ospiti collegati
.: Discussione: E qui comando io e questa é casa mia...Elitaxi a Trenno

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Raffaele Mazzariello

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Raffaele Mazzariello il 15 Giu 2009 - 09:00
Discussione precedente · Discussione successiva
Buon giorno a tutti.

Vi ricordate di quella vecchia canzone che dice: E qui comando io e questa é casa mia?

Ho cercato quel vecchio articolo che parlava di un'eventuale costruzione di un eliporto all'interno delle aree verdi di TRENNO, ma probabilmente a causa del tempo e degli occhi sonnacchiosi non l'ho trovato.
Dal quel giorno più volte il fantomatico elicottero é atterrato causando un fuggi fuggi di animaletti...e oltre ai vetri che tremano e alle orecchie che si irritano le rane stanno a guardare.

Ieri 14 giugno alle 18.30 é atterrato un elitaxi color bianco e rosso (in altre occasione é giallo e bianco) non appartiene ne a forze dell'ordine, ne ai pompieri, ne alla croce rossa, ma é solo e soltanto un elicottero privato. Cascina Melghera (località TRENNO)  sono scesi  il pilota e il copilota. Camicia  bianca con mostrine  nere sulle spalle tipo quello utilizzato dai piloti di linea ... pantalone nero impeccabile, come l'eccellenza di un servizio destinato a pochi. Attendevano su posizione di riposo l'arrivo dei passeggeri situati davanti al muso dell'elicottero. Nel frattempo giungeva una Mercedes argentata con a bordo tre persone trascinando un troll da viaggio.

E qui comando io e questa é casa mia...
In barba alle regole e a tutte le leggi che governano l'ambiente e il sistema aeroportuale a casa mia faccio ciò che voglio.

Un signore garbatamente mi urlava di allontanarmi in quanto poi se la sarebbero presa con lui...e sapendo la carenza di lavoro che cè... ho voltato i tacchi e me ne sono andato... ma prima, ho scattato due fotografie dal cellulare.
Chi é il fantomatico personaggio che  si fa venire a prendere dall'aereoporto della malpensa e lo riporta a casa? 
Mistero?  non direi proprio! se controllassimo le mappe catastali del territorio sapremmo perfettamente a chi appartiene quel terreno e se non é proprio lui... sarà sicuramente suo figlio.

La mia curiosità a prescindere dall'idea che ognuno a casa sua fa quello che vuole... é basata sul fatto che se io a casa mia vorrei cambiare l'impianto elettrico, tagliare un albero, fare una modifica al mio giardino... devo sottostare ad una serie di regole che, se non rispettate mi possono procurare una sanzione amministrativa che mi mette in ginocchio.

Per questo signore le regole non valgono oppure a confronto del suo patrimonio la sanzione é talmente ridicola che ci fa su una bella e sonora risata e continui a infrangere la legge.
Il problema di impatto ambientale di un Elicottero che atterra e decolla la dove nella vegetazione e gli animali selvatici terrorizzati fuggendo cadono nell'olona non ha prezzo.

Non riesco davvero a comprendere perchè le istituzioni oltre ai nastri di delimitazione per strutture inagibili a rischio di crollo quanto é la cascina Melghera, permettono questo tipo di attività e i cittadino di TRENNO si devono rassegnare a subire  questo tipo di inquinamento acustico numerose volte nel corso di un mese.

Potrei capire un'emergenza...un guasto che mettesse a rischio la vita dei passeggeri  ma non é concepibile che questo signore per futili motivi o perchè recarsi all'aeroporto con il passante ferroviario non é degno della sua casta faccia  ciò che vuole, come vuole in una zona fino ad oggi ritenuta Parco  e nessuno fa nulla per mettergli dei paletti.

Si racconta che la giustizia é uguale per tutti e che tutti debbano rispettare le buone regole di civiltà...vuoi vedere che da sempre ci hanno raccontato una fiaba?

R.M.