.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 42 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Domenica, 5 Aprile, 2009 - 18:38

IOWA, LA CORTE SUPREMA LEGALIZZA LE NOZZE GAY

La sentenza fa seguito a una denuncia presentata nel 2005 da Lambda Legal,
una organizzazione per i diritti dei gay di New York
venerdì 03 aprile 2009 , di ansa

La Corte Suprema dell'Iowa ha stabilito che il bando delle nozze gay viola
i diritti costituzionali di gay e lesbiche: la sentenzia di oggi fa dello stato
americano il terzo, dopo Massachusetts e Connecticut, in cui i matrimoni tra
omosessuali sono legali.

La sentenza rappresenta una vittoria a tutto campo per il movimento gay dopo
la batosta del referendum dello scorso novembre in California che ha reso i
matrimoni tra omosessuali illegali, dopo una breve parentesi di legalita'.

La sentenza ha invalidato una legge statale del 1998 che aveva limitato il
matrimonio alle coppie eterosessuali. E' la prima volta che uno stato degli
Stati Uniti continentali - e uno stato politicamente in bilico tra repubblicani
e democratici - legalizza le nozze gay.

I giudici della Corte Suprema hanno respinto all'unanimita' ogni pretesa che
le obiezioni alle nozze gay possono essere considerate ''razionali'', hanno
accantonato il rimedio delle unioni civili e sostenuto che i matrimoni tra
omosessuali vanno giudicati normali a tutti gli effetti.

La causa era stata presentata a nome di 12 individui che risiedono in varie
contee dell'Iowa: ''Come molti abitanti dell'Iowa sono tutte persone
responsabili e produttive, con lavori importanti, o pensionati, e sono tutti
membri rispettati delle loro comunita'. Come molte persone dell'Iowa hanno
figli o desiderano avere figli. L'unica differenza e' che sono
sentimentalemente legati a una persona dello stesso sesso e sperano un giorno
di sposarsi, un'aspirazione peraltro condivisa da molte persone in tutto
l'Iowa'', si legge nel verdetto affisso sul sito web della Corte che e' andato
immediatamente in tilt, tante persone ci si sono collegate.