.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 42 ospiti collegati
.: Discussione: Moratti: "La cultura è fondamento di una nuova città"

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 1
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 4 Apr 2009 - 22:11
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Dal sito Web del Comune di Milano:

Abbazia di Chiaravalle. Commissione per la liberazione della cultura

Moratti: "La cultura è fondamento di una nuova città"

Il richiamo del Sindaco agli esperti intervenuti affinché si facciano "ambasciatori" di un processo che deve veder coinvolti tutti i milanesi, le università e le imprese per valorizzare i giovani, i luoghi, il sociale. L'assessore Finazzer Flory: "Milano non va intesa solo come luogo e oggetto, ma anche come istituzione che libera poesia e potenzialità, tradizione e talenti"
 
Milano, 4 aprile 2009 – La cultura come elemento aggregate e al tempo stesso leva di vera innovazione sociale, con uno sguardo ai giovani, all’internazionalizzazione, alle nuove tecnologie e all’integrazione. “La cultura – ha detto il Sindaco di Milano Letizia Moratti, partecipando stamane, all’Abbazia di Chiaravalle, al terzo incontro della Commissione per la liberazione della cultura - è l'elemento su cui insieme costruiremo la Milano del futuro, perché la cultura valorizza i luoghi, i talenti e gli aspetti sociali di una città”.  

Il sindaco ha però sottolineato come il successo della Commissione, voluta dall'assessore Massimiliano Finazzer Flory, sia strettamente legato a “un clima e a un lavoro di forte condivisione”, in grado di coinvolgere i protagonisti più diversi, dalle piccole medie imprese, alle università e dovrà essere soprattutto capace di promuovere la partecipazione dei cittadini.

“La città – ha aggiunto il Sindaco - deve credere nella cultura e quindi deve potervi pianamente  partecipare. Perché – ha notato - la vera cultura è una cultura diffusa, con una forte vocazione sociale”.
Per raggiungere questo obiettivo è necessario stringere rapporti sempre più stretti con le Università, valorizzare i giovani talenti, investire nei nuovi linguaggi, primi tra tutti quelli multimediali”. E sulla “cultura sociale” il Sindaco Moratti, nel suo intervento, ha parlato di come sia necessario “investire nella cultura per l’infanzia o direttamente negli ospedali sfruttando le nuove tecnologie”

Altro tema toccato dalla Moratti è stato quello riguardante l’apertura della città verso il mondo, notando l’importanza del turismo e dei rapporti internazionali “perché – ha commentato - la cultura aiuta le comunità a integrarsi reciprocamente, aiuta a farci apprezzare all’estero e, al tempo stesso, la cultura ci fa conoscere la storia e le tradizioni altrui”.

"Dovete aiutarci - è stato l'appello del sindaco agli esperti della Commissione - a essere ambasciatori della cultura”.

“Milano – dichiara l'assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory – non va intesa solo come luogo e oggetto, ma anche come istituzione che libera poesia e potenzialità, tradizione e talenti. Dove la città diventa una casa per riunire saperi e sapori”.

La commissione ora sarà divisa in cinque sottogruppi: città e bellezza, cultura e impresa, formazione ed esperienza, scienza in società e multimedia e musei.