.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 28 ospiti collegati
.: Discussione: 5 aprile ore 11 piazza della Scala: Milano ripudia il fascismo

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Paolo Uniti

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Paolo Uniti il 27 Apr 2009 - 10:29
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti


Ritengo utile un passaggio storico su questa discussione: la Repubblica di Salò era il frutto di un progetto momentaneo dei tedeschi al fine di rallentare la marcia degli alleati e per stabilizzare il nord italia.
Proclamata il 23 settembre del 43 dopo la fuga (volontaria ?) del Duce dal Gran Sasso e a seguito dei tristi eventi dell'otto settembre (uso il termine triste non per nostalgie fasciste ma solo per l'amarezza con cui i savoia si resero "inadeguati" di fronte ad una intera nazione - avrebbero dovuto organizzare loro la resistenza armata contro i tedeschi).

I repubblichini, visti con diffidenza persino dai comandi tedeschi, i quali mai li rifornirono di armi adeguate ne tanto meno di struttre logistiche,  furono usati solo per accompagnare le divisioni ss nei paesi e, il più delle volte, utilizzati su loro richiesta, nelle fucilizioni dei partigiani e dei cittadini coinvolti.
Uniche eccezioni d'impiego tattico furono la divisione barbarigo e la x mas, le cui componenti furono sterminate nei pressi di anzio dalle forze alleate.
Questa è la storia di quei tristi anni

Diversa è l'accumananza del  governo berlusconi con un sistema dittatoriale Chi dice questo dovrebbe ripassarsi oltre che i libri di storia anche qualcuno di economia di mercato.

Possiamo essere d'accordo o meno sul capitalismo ma l'impero economico della famiglia belusconi si base sul principio del puro consumismo ( + guadagni + spendi +  tempo libero + spendi ecc...) che può andare avanti solo in una società iper liberista.  

Evidentemente in Italia c'è qualcuno che preferirebbe tornare alla trabant e alle vacanze del popolo in crimea

Tornando su tema, Mi sembra di capire che lo stesso Berlusconi sia  contrario ad eventuali equiparazioni, mentre rimane attuale il tema della concordia nazionale

Ricordo a tutti che questo tema è stato affrontato in Spagna senza conflittualità e mi permetto di evidenziare che la guerra civile spagnola è stata ben più grave di quella italiana che peraltro sarebbe improprio- in termini militari- chiamarla tale. 

Paolo Uniti 
PDL zona 6
In risposta al messaggio di Adele Vignola inserito il 24 Apr 2009 - 13:52
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]