.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 826 ospiti collegati
.: Discussione: 5 aprile ore 11 piazza della Scala: Milano ripudia il fascismo

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Massimiliano Bombonati

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Massimiliano Bombonati il 23 Apr 2009 - 14:39
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Carissimo Acerboni, già la scelta di usare questa discussione per postare il tuo commento la dice lunga sull'intento strumentale e elettorale della polemica che si vorrebbe innescare...

in qualche altra discussione mi erò già posto la domanda su cosa volesse dire essere antifascisti oggi.

Credo sia legittimo sostenere che l’antifascismo non possa esistere come “valore in se”, come una definizione omnicomprensiva di una certa posizione ideologico-politica, ma più correttamente, sia un atteggiamento culturale che rifiuta l’autoritarismo, il pensiero unico, l’atto violento come metodo di confronto politico.

Perché la Liberazione possa costituire un momento realmente fondativo, occorre che essa sublimi in un momento condiviso nella coscienza di tutti, al di là degli steccati ideologici e delle pur legittime rivendicazioni di parte.

Auspico quindi che al nostro Presidente del Consiglio sia concesso di scendere in piazza e onorare i nostri caduti.

Il 25 aprile non potrà mai essere “di tutti” se “alcuni” (i soliti) continueranno ad arrogarsi il diritto di rilasciare patenti di democratico.

Cordialmente

 

Massimiliano Bombonati

Presidente della Commissione Territorio, Ambiente e Urbanistica - Gruppo PDL

In risposta al messaggio di Roberto Acerboni inserito il 23 Apr 2009 - 11:28
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]