.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 44 ospiti collegati
.: Discussione: Brutti incroci - ma non c'è nulla da fare?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Valentina Madella

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Valentina Madella il 16 Mar 2009 - 10:05
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

buon giorno,

vorrei segnalare due situazioni di incroci con problemi, nel primo caso si tratta solo di una stranezza (trascurabile, se vogliamo) e nel secondo caso di un vero problema!

Sono i due incroci di piazza Ohm (tra via S.Rita da Cascia / via Richard e via Watt / via Cottolengo), e di via Cottolengo con via Guintellino / via Olgiati.

Nel primo segnalo l'inspiegabile abitudine della maggioranza degli automobilisti, quando svoltano a sinistra (da via S.Rita a via Cottolengo o da v.richard a via Watt), di NON lasciare il centro dell'incrocio alla propria destra - come ci insegnano a scuola guida -  ma di oltrepassare il centro dell'incrocio e tenerlo alla propria sinistra. Surprised

Questo naturalmente provoca, in momenti di traffico, la presenza di due file di auto che si bloccano l'una con l'altra... Non so se mi sono spiegata!
Inoltre gli automobilisti che non sono della zona e ignorano questa curiosa usanza, non vedendo alcuna striscia pitturata sull'asfalto, si dispongono correttamente (col centro dell'incrocio alla propria destra), ma rischiano così di fare un frontale con gli automobilisti residenti, che x abitudine si dispongono nel modo sopra citato!
In più di un caso ho visto guidatori della zona che rimproveravano (eufemismo) automobilisti "colpevoli" di essersi messi nella maniera giusta. Oltre che stressante, è pericoloso!

Sarebbe utile, se si desidera che la svolta a sinistra avvenga in maniera anomala, dipingere in terra delle strisce per indicare questo tipo di tragitto (in modo che venga seguito anche da chi non "conosce" l'incrocio).
Oppure, se è preferibile una svolta effettuata nel modo prescritto dal codice della strada, andrebbe multato chi sbaglia per dissuadere da questa abitudine.

Secondo incrocio: questo sì che costituisce un problema!

Tra via Cottolengo e via Guintellino / Olgiati c'è uno strana situazione: chi viene da via Cottolengo (lato nord-est) può solo andare a sinistra verso sud in via Olgiati, anche per proseguire nel secondo tratto a senso unico di via Cottolengo, in quanto questo si trova più a sud della prima parte della via. E deve dare la precedenza.
Per fare questo, è necessario porsi allo "STOP" e controllare l'arrivo di altre auto da via Guintellino.
Ecco il duplice problema: da una parte i residenti parcheggiano perpendicolarmente alla Via Cottolengo e fino al limite più estremo dell'angolo, provocando un notevole restringimento della corsia e occludendo la visuale. Inoltre  all'angolo tra Guintellino e Cottolengo c'è un bar tabacchi i cui clienti usano lasciare l'auto in seconda fila, proprio SULL'INCROCIO!

A causa di questi due comportamenti spesso la corsia risulta quasi totalmente occupata e chi viene da via Cottolengo, procedendo da est a ovest, è costretto a passare nella corsia opposta - aggiungo, SENZA AVERE VISUALE DAL LATO DI VIA GUINTELLINO!

QUI PERO' RISCHIA DI FARE UN INCIDENTE, CON TORTO, se arriva all'improvviso un altro automobilista da via Guintellino (o da via Olgiati)!

Io sono solidale con i residenti, che se parcheggiano in quel modo evidentemente non hanno abbastanza posti auto o garage annessi alle loro abitazioni; condanno invece gli incivili clienti del bar, però capisco che sarebbero difficili da multare, in quanto si fermano solo pochi minuti ciascuno.
Suggerisco perciò che la viabilità dell'incrocio venga rivista in maniera da renderlo sicuro.

Che ne pensate?