.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 34 ospiti collegati
.: Discussione: 8 marzo - Moratti: "Insieme costruiremo l'EXPO delle Donne"

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 22 Maggio 2010 - 22:18
accedi per inviare commenti
Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

2015 Women and Expo

Un Acquedotto della Pace per "nutrire il Pianeta"

Presentato a Palazzo Marino il progetto-simbolo del board tutto al femminile: collegherà il Mar Rosso con il Mar Morto e si estenderà per 180 chilometri. Moratti e Bracco: “Un incontro all’insegna dell’entusiasmo e della concretezza"
 
La conferenza stampa a Palazzo Marino

Milano, 22 maggio 2010 – Milano ed Expo scommettono sulle donne. Si è conclusa oggi, a Palazzo Marino, la due giorni d’incontri dell’Advisory Board "2015: Women and Expo", il gruppo di donne nato lo scorso gennaio a Davos, per promuovere la creatività imprenditoriale femminile, nelle varie aree del mondo, sugli argomenti legati al tema di Expo “Nutrire il pianeta, energia per la vita" con progetti concreti, capaci di creare partnership tra realtà diverse con bisogni comuni.  A fare gli onori di casa, il Sindaco e Commissario straordinario del Governo per Expo 2015 Letizia Moratti che riveste la carica anche di co-president dell'Advisory Board (con presidente la Regina Rania di Giordania)

Presenti alla riunione Diana Bracco, presidente Expo 2015 Spa, Mara Carfagna, Ministro per le Pari Opportunità, Emma Bonino, vice presidente del Senato; Cherie Blair, presidente della Fondazione delle donne Cherie Blair, Kerry Kennedy, direttore della Fondazione per l’Europa Robert F. Kennedy, Rhoda Peace Tumusiime, Commissario africano dell’economia rurale e dell’agricoltura, Livia  Pomodoro, presidente del Tribunale di Milano, Cristiana Coppola, vice presidente per il Sud Italia di Confindustria, Cristina Bombelli, presidente di Wise-Growth Srl., Stefania Giannini dell’Università per Stranieri di Perugia, Federica Olivares, presidente delle Edizioni Olivares e Mariolina Moioli, assessore alla Famiglia, Scuole e Politiche sociali.

“Oggi abbiamo istituito un metodo di lavoro per valutare iniziative volte a favorire lo sviluppo sociale ed economico al femminile – ha spiegato il Sindaco Letizia Moratti – e abbiamo stabilito i criteri di valutazione dei progetti di cooperazione internazionale per  promuovere il ruolo delle donne nelle varie aree del mondo. E’ stato un incontro all’insegna dell’entusiasmo e della concretezza. I progetti realizzati, legati al tema dell’innovazione, della ricerca, del sostegno dell’imprenditoria femminile, dello sviluppo di partnership tra pubblico e privato saranno esposti nel Padiglione dedicato alle donne durante l’Esposizione milanese e potranno essere replicati anche dopo il 2015".

Il Sindaco ha quindi presentato il progetto simbolo avallato dal comitato  “2015: Women and Expo", l’Acquedotto della Pace di 180 chilometri  che collegherà il Mar Rosso con il Mar Morto. “Questo sarà il nostro progetto bandiera – ha proseguito Letizia Moratti – e se lo realizzeremo diventerà un simbolo di Expo, visto che unisce tre Paesi, Giordania, Israele e Autorità palestinese, dove la scarsità dell’acqua rappresenta causa di conflitti. Un progetto che contribuirà a salvaguardare ecosistemi oggi in pericolo e a produrre energia e acqua desalinizzata. Una cooperazione attiva fra i tre Paesi che contribuirà al dialogo nel segno dello sviluppo".

Diana Bracco ha invece illustrato uno dei tre progetti approvato e finanziato della Fondazione “Milano per Expo" a favore delle adolescenti del Togo nel settore agro alimentare. “Le donne – ha detto la presidente Bracco - saranno grandi protagoniste dell’Esposizione Universale di Milano 2015. In questa prospettiva, l’iniziativa “Women and Expo 2015", di cui ho l’onore di presiedere l’Advisory Board italiano, è la piattaforma ideale per costruire un’Esposizione declinata al femminile ed estremamente coerente con il tradizionale ruolo di impulso al dialogo esercitato dalle donne, in quanto più dirette beneficiarie di un processo di pace stabile e duraturo nella regione. “Water for Peace"  - ha concluso Diana Bracco - sarebbe un’ulteriore, luminosa dimostrazione di ciò che l’innovazione e la ricerca scientifica possono fare per la pace nel mondo".

Cherie Blair ha illustrato un progetto della sua Fondazione e approvato dall’Advisory Board che doterà circa 4 mila donne di Paesi africani di cellulari e strumenti di comunicazione per lo sviluppo dell’attività imprenditoriale. “Questo  gruppo incredibile di donne che si è riunito oggi - ha commentato la signora Blair - dimostrerà che il XXI secolo sarà quello della piena realizzazione femminile".

Kerry Kennedy ha ringraziato Letizia Moratti per la sua idea innovativa di Esposizione universale: “E’ la prima volta che in una Expo c’è un comitato tutto al femmnile. Lavoreremo insieme con Expo di Milano per aiutare 75 mila donne africane a sviluppare e divulgare la tecnologia nella distribuzione alimentare, nell’agricoltura e nell’industria manifatturiera".

Il Ministro Carfagna ha assicurato il sostegno al Women Advisory Board perché “Daranno alle donne del mondo pari opportunità nella vita familiare e nel mondo dell'impresa". Emma Bonino ha concluso augurando “che l'Expo di Milano possa essere ricordato nella storia come il primo Expo al femminile".

“Il prossimo appuntamento dell’Advisory Board "2015: Women and Expo" - ha detto Letizia Moratti – si terrà a Shangai il 28 e il 29 ottobre".
“Queste giornate inaugurano una serie di convegni che l’Advisory Board promuoverà in diverse città del mondo. Per questo la nostra responsabilità è ancora maggiore. Da Milano verso il mondo, da Milano verso Expo, da Milano verso un futuro migliore per tutti noi".

Ieri il Commissario Moratti, dopo aver accolto il gruppo di donne a Palazzo Marino, ha presenziato l’insediamento del Comitato Italiano di “2015: Women and Expo" presieduto da Diana Bracco, e di cui fanno parte Elisabetta Belloni, direttore generale per la cooperazione del Ministero degli Affari Esteri, Cristina Bombelli, Mara Carfagna, Cristiana Coppola, Giorgina Gallo, presidente dell’Oreal Spa, Mariastella Gelmini, Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Stefania Giannini, Federica Guidi, vice presidente dei giovani imprenditori di Confindustria, l’assessore Mariolina Moioli, e Federica Olivares.


Foto di gruppo per il board di 2015 Women and Expo, riunito a  Palazzo Marino

2015 Women and Expo - L'Advisory Board internazionale

2015 Women and Expo - Il Committee italiano
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 21 Maggio 2010 - 14:37
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]