.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 61 ospiti collegati

.: Eventi

« Febbraio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Angelo Valdameri
Giovedì, 5 Marzo, 2009 - 09:35

Darsena:Interrogazione cons. com.li Majorino,Gentili e Rizzo

Interrogazione presentata dai consiglieri comunali Majorino,Gentili (PD)e Rizzo (Lista Fo) sui parcheggi Darsena e Sant'Ambrogio.Angelo Valdameri
Milano, 24 febbraio 2009

INTERROGAZIONE

PREMESSO CHE
a fine febbraio 2008 è stata recapitata una lettera (allegata al presente atto) a firma di tre avvocati, Veronica Dini, Felice Besostri e Vito Rappelli, inerente le Convenzioni sottoscritte dalla precedente Amministrazione Comunale con le Società che hanno stipulato contratti di concessione con il Comune di Milano per i parcheggi di Sant’Ambrogio e Darsena.

CONSIDERATO CHE
nella lettera gli avvocati ponevano all’attenzione del Sindaco, dell’Assessore alla Mobilità, Trasporti, Ambiente, dell’Assessore alle Infrastrutture e Lavori pubblici, dell’Avvocatura Comunale alcuni articoli delle convenzioni che l’Amministrazione ha sottoscritto in vista della realizzazione dei parcheggi di S. Ambrogio e della Darsena, a dir loro illegittimi e gravemente lesivi degli interessi pubblici;

gli avvocati, in riferimento alla convenzione stipulata per il parcheggio in Darsena, hanno invitato l’Amministrazione comunale a operare una seria revisione delle clausole contrattuali di cui agli  artt. 3 e 4 e disapplicare le clausole contrattuali di cui agli artt. 10 e 16 della concessione alla PROGETTO DARSENA della progettazione, costruzione e gestione, ex artt. 37 bis e ss. della L. 109/1994, di un parcheggio pubblico sotterraneo mediante costituzione di un diritto di superficie in suolo e sottosuolo in Milano, tra Viale Gorizia e Viale Gabriele D’Annunzio, ovvero, recuperare l’originario equilibrio del sinallagma ed eliminare l’alterazione sopravvenuta tra il valore delle reciproche prestazioni assunte;

in riferimento alla convenzione stipulata per il parcheggio nel sottosuolo dell’area pubblica di Piazza Sant’Ambrogio, gli avvocati hanno invitato l’Amministrazione a disapplicare le clausole

contrattuali di cui agli artt. 9 e 18 della concessione alla ATI Borio Mangiarotti – Botta – Garage Velasca della progettazione, costruzione e gestione, ai sensi dell’art. 37 bis della L. 109/1994, di un parcheggio pubblico e per residenti nel sottosuolo dell’area pubblica di p.za S. Ambrogio, con contestuale cessione del diritto di superficie per 30 anni per la quota pubblica e di 90 anni per quella residenziale. Ovvero, quanto meno, operare una seria revisione delle clausole contrattuali indicate, al fine di recuperare l’originario equilibrio del sinallagma e di eliminare l’alterazione sopravvenuta tra il valore delle reciproche prestazioni assunte.

TUTTO CIO’ PREMESSO
SI INTERROGANO IL SINDACO E GLI ASSESSORI COMPETENTI PER SAPERE

  • come mai non si sia data risposta alla lettera degli avvocati Dini, Besostri e Rappelli;
  • come mai le Convenzioni richiamate siano differenti rispetto a quelle, di contenuto analogo, sottoscritte dall’Amministrazione nello stesso arco di tempo, proprio in relazione agli articoli contestati
  • se tra le reciproche prestazioni inserite nelle convenzioni stipulate per il parcheggio nel sottosuolo dell’area pubblica di Piazza Sant’Ambrogio e per il parcheggio nel sottosuolo della Darsena l’Amministrazione non ravveda un  effettivo squilibrio;
  • in caso non fosse stato ravvisato alcuno squilibrio da parte dell’Amministrazione comunale si chiede motivare tale convinzione;
  • come mai le convenzioni predisposte dalla nuova Amministrazione e dalla nuova Direzione del Settore Parcheggi sono state modificate proprio nei punti contestati.

David Gentili

Pierfrancesco Majorino

Basilio Rizzo