.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 42 ospiti collegati

.: Eventi

« Ottobre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Venerdì, 27 Febbraio, 2009 - 18:22

prospettive inerenti la gestione Asili Nido e Scuole Materne

Milano, 12 febbraio 2009  
c.a del Settore Famiglia, Scuola e Politiche Sociali del Comune di Milano; 
dell’Assessorato Assessore alla Famiglia, Scuola e Politiche Sociali del Comune di Milano; 
della Commissione Educazione del Consiglio di Zona 4 di Milano  
 
 
Interrogazione in merito alle prospettive e alle circolari inerenti la gestione degli Asili Nido e delle Scuole Materne  
 
Considerato che 
il 14 febbraio si è tenuta in piazza Duomo una mobilitazione fatta di diversi nuclei familiari, operatrici e operatori della scuola, insegnanti che chiudeva la campagna delle "Segreterie della Buona Scuola" lanciata dall'Assemblea delle scuole del milanese, di valore sociale e interesse politico fondamentale per la città 
preso atto che 
la mobilitazione riguardava la richiesta di maggiore coinvolgimento dei diretti interessati nella definizione di politiche mirate a tutelare il carattere pubblico della scuola e della formazione in Italia 
constatato che 
da alcuni mesi risultano esserci, per quanto concernono gli Asili Nido e le scuole Materne, provvedimenti adottati da parte dell’Assessorato comunale di cui in oggetto volti alla cancellazione degli orari di compresenza del personale educativo, collocati quasi esclusivamente in apertura e chiusura degli orari giornalieri, alla revisione dei rapporti numerici fino a 30 bambini per sezione, all’iscrizione dei bambini di due anni e mezzo, alla copertura delle assenze con lo stesso personale in servizio, che deve continuare a garantire gratuitamente tutte le turnazioni orarie, gli straordinari e l’immediata reperibilità 
in particolare 
si evidenziano nessuna certezza per personale precario, nessun obbligo di sostituzione né regolamentazione adeguata, assenza del sostegno per bambine e bambini diversamente abili, non previsione di mediatrici o mediatori culturali per famiglie provenienti da altri Paesi 
Si aggiunge infine 
l’obbligo all’atto di iscrizione di indicare da parte delle famiglie, all’atto dell’iscrizione, nuovi moduli di frequenza, dalle 8 alle 13,30 o alle 16,30 o fino alle 18  
si constata 
una condizione spesso preoccupante per gli Asili nido a Milano, in quanto da alcuni anni vengono sottoposti a massicci interventi di privatizzazione, a rapporti numerici insopportabili educatore/bambino, pericolo per l’incolumità di quest’ultimo, all’istituzione di Sezioni primavera utili e funzionali solamente a svuotare di contenuto la frequenza degli asili stessi 
si chiede 
  • All’Assessorato Famiglia e Scuola del Comune di Milano quali siano le intenzioni prossime e le linee di indirizzo politico in merito alle attività didattiche promosse all’interno dei due rami formativi dell’infanzia e se siano previste riforme e revisioni di disposizioni, quali quelle illustrate precedentemente, assolutamente preoccupanti per il futuro qualittativo di un servizio educativo eccellente in Italia, quale quello fornito dagli istituti presenti a Milano, patrimonio culturale ed educativo della città;
  • Se è reale la volontà di rendere esecutivi tagli cospicui al settore formativo ed educativo, come testimoniano gli ultimi provvedimenti che rendono dequalificata l’offerta formativa ed educativa, , non dando, pertanto, risposte ai bisogni formativi delle bambine e dei bambini e alle esigenze sociali delle proprie famiglie, e preparando le basi per forti disuguaglianze sociali, nonché sprechi ingenti di risorse che dovrebbero essere adibite alla formazione e all’educazione in un concetto costituzionale di universalità
 
Alessandro Rizzo
Consigliere Lista Uniti con Dario Fo – Gruppo La Sinistra
Consiglio di Zona 4 Milano