.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 29 ospiti collegati

.: Eventi

« Marzo 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Antonella Fachin
Giovedì, 26 Febbraio, 2009 - 14:31

Volontariato da regolamentare?

Questo è quello che pare abbia dichiarato il sottosegretario al Welfare Ferruccio Fazio… a questo punto non capisco perché mai debba rimanere volontariato e non sia servizio pubblico a tutti gli effetti!

 
Del resto, se in Italia il volontariato è così diffuso la ragione principale è una sola: perchè il volontariato sopperisce alle carenze del pubblico!
Dove, invece, il pubblico è più efficiente, c'è molto meno bisogno di volontariato.

Cari saluti
Antonella Fachin
Volontariato da regolamentare
"Il volontariato italiano va messo a sistema". Lo ha affermato il sottosegretario al Welfare Ferruccio Fazio, intervenendo a Roma alla presentazione del bilancio della campagna nazionale del volontariato LILT (Lega italiana per la lotta contro i tumori). "Questo vuol dire andare a misurare cosa entra, cioè le risorse umane. Ma anche cosa esce, cioè le prestazioni".
E' importante, per Fazio, che con l'impegno del volontariato "debbano uscire prestazioni integrate con il resto del Servizio sanitario nazionale. La LILT - ha sottolineato Fazio - con la sua forma pubblico-privato rappresenta un modello ideale. Tanto che noi già finanziamo la Lega a livello governativo, e credo siano soldi ben spesi. In momenti di maggiore sostenibilità sarei il primo a cercare di aumentare questo contributo".
Fazio ha ricordato che i volontari, non solo quelli della LILT, hanno un ruolo importante. "Ma è cruciale che siano strutturati. Possiamo farlo con la LILT e non abbiamo preclusioni a farlo anche con privati che si mettano a disposizione".