.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 39 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Mercoledì, 28 Gennaio, 2009 - 17:12

attivazione del Progetto e21, stato attuale dell'iniziativa

Alla c.a.
Della Presidenza del Consiglio Comunale di Milano;
Dell'Assessorato alle Aree Cittadine del Comune di Milano;
Dell'Assessorato alla Ricerca, Innovazione, Capitale Umano
Del Settore alle Aree Cittadine del Comune di Milano;
del Consiglio di Zona 4 di Milano e di tutte le sue componenti

Interrogazione: attivazione del Progetto e21, stato attuale dell'iniziativa e fasi operative

Il 12 gennaio 2008 presso la Sala delle Tempere di Palazzo Marino a Milano alla presenza del Presidente del Consiglio Comunale, Manfredi Palmeri, di diverse consigliere e consiglieri circoscrizionali, tra cui il sottoscritto, di una consigliera comunale dell'opposizione, Milly Bossi Moratti, si è avuto un incontro aperto al pubblico dal titolo "Cittadine e cittadini che ci credono", dove si è discusso ampiamente, con riferimenti di altre realtà comunali, in particolare Mantova, Vigevano, Desenzano del Garda, Pavia, dell'attivazione a Milano dell'esperienza del Progetto e21, ovvero un progetto sviluppato nell'ambito dell'"Avviso per la selezione di progetti per lo sviluppo della cittadinanza digitale (e-democracy)", promosso in attuazione della IV linea di azione del Piano di e-government, co-finanziato dall'ex Ministero per l'Innovazione e le Tecnologie.
Il progetto, che si sviluppa sul territorio regionale, mira ad alimentare e promuovere via rete processi di partecipazione e canali di maggiore trasparenza e informazione, comunicazione tra cittadinanza, da una parte, e amministratrici e amministratori, dall'altra, al fine di valorizzare i contenuti di democrazia e di collettivizzazione delle scelte che riguardano la città.
Molti Consigli circoscrizionali, tra cui il nostro Consiglio di Zona 4, hanno fatto propria l'esperienza di "e-participation", aprendo forum di discussione all'interno del portale di partecipaMi, iniziativa di Rete Civica di Milano, promotrice del suddetto incontro pubblico, sulle attività, iniziative promosse dal consiglio, e sulle libere istanze da parte della cittadinanza indirizzate allo stesso organo circoscrizionale. I forum sono aperti e garantiscono condivisione plurale di temi che interessano il proprio territorio e la propria comunità.
La e-participation, quindi, è quel modello di accesso all'informazione e alla condivisione di scelte e di proposte, di discussione diretta con i rappresentanti amministratori, di formulazione di idee e di istanze, di costituzione di una collegialità diffusa, tramite diversi strumenti via rete, quali forum o meeting on-line per la partecipazione regolata a distanza a forum o assemblee con notevole risparmio di tempo e di risorse nell'organizzazione, l'Agenda 21 supportata via rete, la mappa delle discussioni attive sul territorio (CityMap), l'Anagrafe, quest'ultimo volto a garantire una maggiore trasparenza nell'informazione che riguarda l'amministrazione economica del Comune e dell'Ente, nonché informazioni che facilitano una maggiore conoscenza delle dirette e dei diretti rappresentanti istituzionali.
La e-democracy nel sistema attuale di società delle informazioni e delle comunicazioni, dove la tecnologia diventa strumento di accesso e collegialità interessante e avanzato, è un presupposto essenziale che aiuta a rendere reale la democrazia, in un'epoca di crisi della semplice "democrazia della delega" e nella necessaria ricerca di modelli partecipativi e collegiali di discussione e di condivisione di scelte.
Nell'incontro promosso da Rete Civica si era addivenuti a promuovere anche a Milano un collegamento diretto con il Consiglio Comunale e a forme di discussione che prevedessero, oltre ai canonici strumenti sopra riportati, CityMap, agenda 21, Progetto e21, anagrafe delle elette e degli eletti, certificazione, e-governement, il raggiungimento finale attraverso i forum di una sintesi dei differenti interventi, tramite uno strumento di scrittura collaborativa a più mani simile a quello utilizzato per la Wikipedia.
Questo strumento di programmazione garantirebbe che i vari interventi si sommino in modo interagente, costituendo, così, una sintesi finale che veda l'elaborazione di un documento condiviso e concepito come integrazione tra le proposte. Ricordo che esperienze di questo tipo sono già ampiamente avviate a Pavia, Vigevano, Desenzano, Mantova con gli strumenti sviluppati, nell'ambito del Progetto e21, dall'Associazione Informatica e Reti Civiche della Lombardia (A.I.Re.C.) ritenuti come i più adatti per supportare i processi di Agenda 21, ossia la modalità di partecipazione civica indirizzata a realizzare uno sviluppo sostenibile, riconosciuta anche da convenzionia livello internazionale.

Si chiede

- All'Assessorato alla Ricerca, Innovazione, Capitale Umano se sussistano le condizioni per avviare strumenti di e-partecipation a livello tecnologico nell'ambito comunale, aprendo spazi che garantiscano forme di comunicazione e informazione diretta on-line per la cittadinanza nei riguardi delle amministratrici e degli amministratori, nonché nei riguardi delle consigliere e dei consiglieri, comunali e circoscrizionali;
- Alla Presidenza del Consiglio del Comune se sussiste l'intenzione di riportare la discussione su Progetto e21 e su forme di collaborazione attiva e proficua con Rete Civica di Milano, organizzazione da tempo riconosciuta come promotrice di canali di partecipazione on-line diretta a livello civico, in un punto all'ordine del giorno delle prossime riunioni di consiglio, al fine di vagliare un procedimento di accoglimento di forme di e-partecipation ufficiali nell'ambito comunale, con il coinvolgimento diretto dei Consigli di Zona e del settore decentramento cittadino;
- Al Settore Aree Cittadine e all'Assessorato alle Aree Cittadine se sussista un progetto di estensione delle forme di partecipazione democratica sui territori, attuando, così, le disposizioni internazionali istitutive dell'Agenda 21, anche amplificandone la portata attivando canali e veicoli virtuali di e-partecipation, come avviene già in diversi contesti cittadini lombardi attraverso il Progetto e21.

Alessandro Rizzo

Consigliere Lista Uniti con Dario Fo – Gruppo La Sinistra

Consiglio di Zona 4 Milano