.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 55 ospiti collegati
.: Discussione: REFEZIONE SCOLASTICA (Commissioni Mensa)

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 7 Maggio 2010 - 20:30
accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

terza assemblea delle commissioni di vigilanza

Mense scuola, genitori in rivolta
«Class action contro il Comune»


La diffida: «Contratto non rispettato, menù modificati, non c'è traccia di alimenti biologici»


MILANO - Le crocchette di totano sono vietate: piene di conservanti. La carne dovrebbe essere fresca e soprattutto intera, invece arriva congelata e già tritata. E i succhi confezionati non dovrebbero mai sostituire la frutta fresca. L'elenco delle lamentele dei genitori delle commissioni di vigilanza sulle mense scolastiche comunali è lungo. Dopo 10 anni di attese, oggi i genitori riuniti dal progetto PappaMi (più di 200 membri) sono pronti alla class action contro il Comune e la società Milano Ristorazione.

La terza assemblea delle commissioni, ieri sera al Parco Trotter, ha lanciato la diffida legale nei confronti dell'amministrazione: «Non viene rispettato il contratto di servizio, i menù sono stati modificati unilateralmente, non c'è traccia di alimenti biologici». In pratica, secondo le accuse dei genitori (che pure giudicano il servizio offerto dalle mense scolastiche nel complesso più che discreto), Milano Ristorazione non rispetterebbe gli standard di qualità previsti. Il tutto, lamentano i delegati delle commissioni, «dopo che lo scorso settembre sono state aumentate le rette».

Tra i nodi critici, la qualità degli alimenti («verdure estere e surgelate»), le quantità dei pasti («si risparmia sulle porzioni »), il controllo della dieta («serviti pop corn e merendine ») e la temperatura dei cibi («piatti gelati o scotti»). Da qui l'idea della diffida al Comune: «Un provvedimento di nostra tutela — ha chiarito durante l'assemblea l'avvocato Massimiliano Gaspari —, entro 90 giorni i gestori dovranno adeguarsi al capitolato di servizio». Il primo passo, insomma, in vista di una causa legale. Anna Santoiemma, membro della commissione, è riuscita ad ottenere il capitolato dopo un contenzioso con la Milano Ristorazione: «Il contratto vieta il Grana padano in favore del Parmigiano che costa di più, e infatti in nessuna scuola viene usato».

Cesare Giuzzi
07 maggio 2010

In risposta al messaggio di Martino Santoliquido inserito il 27 Gen 2009 - 15:08
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]