.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 25 ospiti collegati
.: Discussione: Centri sociali in rivolta

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 26 Gen 2009 - 12:04
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/09_gennaio_26/corteo_cox_18_conchetta_protesta_vandalismi-150932796451.shtml

De Corato: «La storia non ha insegnato nulla a certi radical chic da salotto»

«Basta danni, linea dura contro i cortei»

Manifestazione dei centri sociali, vandalismi per 120 mila euro. Il Comune: «Paghino i partiti che erano in piazza»

MILANO - Il giorno dopo a protestare sono Comune e commercianti. Tra cestini danneggiati («il 30% di quelli incontrati dal corteo lungo il percorso») e campane del vetro divelte, tra tag e imbrattamenti da cancellare, tra turni di straordinario da pagare agli addetti Amsa e vetrine e saracinesche del centro da ripulire, il conto è salato: «centoventimila euro », sibila l'assessore al Decoro Urbano Maurizio Cadeo. Che calcolatrice alla mano sbotta: «Adesso basta. I danni di questi signori siamo stufi di pagarli noi».

Vedi foto

E chi allora? Proposta articolata. «Chi organizza manifestazioni e cortei dovrebbe depositare il giorno prima una cauzione per ripianare le eventuali spese. Quindici- venti euro ogni metro di percorso previsto. Sono sicuro che questo sarebbe già un ottimo deterrente». C'è anche una postilla, che poi nello specifico è quella che interessa di più la manifestazione di sabato. Che autorizzata dalla Questura proprio non era.

Cadeo si scalda: «E allora paghino i partiti che hanno aderito. È un discorso di responsabilità oggettiva. Ce li mettano loro i soldi. Oppure Salvatores che si è speso tanto per quei ragazzi e che sabato era in piazza con loro. Da parte sua sarebbe proprio un bel gesto. Perché protestare è un diritto. Farlo in modo civile è un dovere». «Siamo ormai alla follia, stanno superando ogni limite. Compresi quelli imposti dalla Costituzione», inorridisce il segretario provinciale del Prc, Nello Patta. «Pura demagogia, pura speculazione politica », dice scuotendo la testa: «E allora chi inquina, chi devasta il territorio, chi specula sulle convenzioni urbanistiche, a questi soggetti non andrebbero chiesti i danni? E invece di fronte a queste cose non si dice nulla, nessuno chiede il conto, nessuno reclama penali, nessuno parla di tolleranza zero».

Più sfumato il capogruppo Pd, Pierfrancesco Majorino: «I responsabili dei vandalismi vanno perseguiti sì ma solo a titolo individuale». Il numero dei denunciati è salito intanto a quota sette. L'accusa è quella di devastazione e saccheggio. Attacca il vicesindaco Riccardo De Corato: «Spiace rilevare come la lezione della storia e la vicenda delle Br non abbia insegnato nulla a certi radical chic da salotto. Un pot pourri di registi, pseudo intellettuali e giornalisti prezzolati: puri giustificazionisti che scambiano i centri sociali con gli oratori». Da ieri su una sponda del Naviglio campeggia un piccolo striscione preparato artigianalmente da qualche residente del Ticinese. Messaggio inequivocabile: «Mercato bio, libri, archivio, feste per bambini, concerti. Grazie Conchetta, restate nel quartiere».

Andrea Senesi
26 gennaio 2009



In risposta al messaggio di Alberto Capozzi inserito il 25 Gen 2009 - 15:23
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]